09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/06/2007, 00.00

    IRAQ

    Liberi due cristiani rapiti a Mosul una settimana fa



    Si tratta del giovane autista di Alqosh e del ragazzo originario di Batnaya. Per entrambi era stato chiesto un riscatto; i cristiani non si sentono più sicuri nemmeno nel nord.

    Mosul (AsiaNews) – È libero e sta bene Nadir Mansour Koja, il giovane autista cristiano di Alqosh, nord Iraq, rapito lo scorso 22 giugno mentre viaggiava da Baghdad a Mosul. Lo rendono noto fonti locali di AsiaNews nella zona. Il ragazzo con il suo lavoro mantiene la moglie, 3 figli, i genitori e due sorelle rimaste vedove con prole.

    E sempre da Mosul, roccaforte sunnita, arriva la notizia della liberazione di un altro cristiano, originario di Batnaya, rapito il 20 giugno. Per entrambi i sequestri era stato chiesto un riscatto, ma nulla si sa di un eventuale pagamento.

    I rapimenti costituiscono da tempo una vera e propria industria in Iraq; secondo osservatori locali, però, prendere in ostaggio un cristiano, soprattutto al nord, oggi ha anche un altro obiettivo: lanciare un chiaro messaggio del tipo “Possiamo colpirvi ovunque, anche dove pensate di aver trovato riparo”. Il riferimento è alla proposta assira di creare di un safe haven, un'enclave per i cristiani nella Piana di Ninive, limitrofa proprio a Mosul. Sempre più cristiani negli ultimi anni sono migrati dalle città più pericolose del Paese verso i villaggi del nord, ma la sicurezza ormai vacilla anche qui.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/07/2007 IRAQ
    Rapiti 4 cristiani in fuga da Baghdad
    Scappavano diretti al loro villaggio di origine in Kurdistan, dopo che alcuni terroristi avevano minacciato di ucciderli se non lasciavano la capitale. Cristiani in città raccontano: “Nella completa assenza di regole e rispetto delle autorità, qui criminali e terroristi fanno ciò che vogliono sulla popolazione”.

    07/06/2007 IRAQ
    Liberati 4 dei giovani cristiani rapiti ieri a Baghdad
    Ancora nelle mani dei sequestratori il sacerdote caldeo p. Hani e uno dei 5 ragazzi che lo accompagnavano in visita al seminario minore. I rilasciati sarebbero tutti in buona salute. Trattative in corso per liberare anche gli altri due ostaggi.

    06/06/2007 IRAQ
    Rapito un altro sacerdote caldeo a Baghdad
    È p. Hani, sequestrato insieme a 5 giovani, mentre si recavano in visita al seminario minore. Sconforto tra i cristiani.

    21/05/2007 iraq
    Riscatto “molto elevato” per il sacerdote rapito a Baghdad
    Lo rende noto mons. Warduni: “Siamo in contatto costante con i sequestratori, preghiamo per la sua liberazione”. Smentite le voci, circolate ieri, sulla liberazione di p. Nawzat, da tre giorni nelle mani dei suoi rapitori. Continua l’esodo dei cristiani dalla capitale: una Ong a Dora censisce le famiglie rimaste e le invita a non fuggire.

    23/06/2007 IRAQ
    Giovane autista cristiano rapito sulla strada per Mosul
    Il sequestro avvenuto lo stesso giorno del rilascio degli 8 studenti e professori cristiani rapiti mercoledì scorso. Il ragazzo con il suo lavoro mantiene una famiglia di circa 10 persone. Nei villaggi cristiani del nord sempre più a rischio la sicurezza.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®