25 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 26/06/2011, 00.00

    CINA

    Libero Hu Jia dopo oltre tre anni di prigione



    La moglie Zeng Jinyan teme che alla liberazione seguano gli arresti domiciliari e l’obbligo del silenzio coi media. La sua liberazione avviene mentre Wen Jiabao è in Europa. Nel 2008 Hu Jia era stato insignito del Premio Sakarov.
    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Hu Jia, uno dei più noti attivisti per i diritti umani, è stato liberato oggi dopo aver passato tre anni e mezzo in prigione.

    Hu era stato condannato nel 2008 per “aver incitato alla sovversione contro lo Stato”. Fra le sue “colpe” vi sono l’aver dato interviste a media stranieri; aver tenuto i collegamenti con attivisti e dissidenti; aver difeso il rispetto dei diritti umani e della libertà religiosa.

    Hu Jia, 37 anni, si è riunito alla moglie Zeng Jinyan e ai suoi genitori. In questi anni Zeng ha molto sostenuto suo marito e ha spesso chiesto la sua liberazione, a causa della sua fragile salute. In una breve intervista stamane, ha spiegato che forse suo marito non potrà parlare con i giornalisti per un lungo periodo. “Dare interviste in questo momento – ha detto – potrebbe causare problemi”.

    È probabile che per Hu Jia, alla liberazione dalla prigione segua una specie di arresti domiciliari, senza poter comunicare con nessuno. La sua sorte sarebbe simile a quella di Ai Weiwei e di Chen Guangcheng, due altre grandi personalità della dissidenza, liberate dalla prigione, ma costrette al silenzio e al domicilio coatto. Chen è stato anche picchiato dalle guardie che lo controllano 24 ore su 24.

    La liberazione di Hu Jia avviene mentre il premier Wen Jiabao si appresta a visitare tre Paesi europei: l’Ungheria, la Gran Bretagna e la Germania. Nel dicembre del 2008 l’Unione europea lo aveva insignito del Premio Sakarov per i diritti umani.
    Hu Jia, convertito al buddismo verso i 20 anni, è stato un ambientalista, elogiato anche dai media ufficiali. Ma poi, intorno al 2000 ha cominciato a chiedere indennizzi per i malati di Aids infettati da trasfusioni ad opera di personale medico statale e a difendere attivisti per i diritti umani, fino ad essere il punto di contatto di molta dissidenza.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/06/2011 CINA
    Hu Jia forse libero a giugno. Ha denunciato lo scandalo delle trasfusioni infette di Hiv/Aids
    Il dissidente cristiano cinese è in prigione dalla fine del 2007. È stato condannato per “istigazione alla sovversione contro il potere statale”. Ha portato alla luce il contagio di Hiv/Aids di migliaia di contadini a cui sono state praticate trasfusioni di sangue infetto. Il Parlamento europeo nel 2008 gli ha attribuito il premio Sakharov per la Libertà di pensiero.

    09/04/2010 CINA
    Hu Jia malato in prigione, forse di cancro al fegato
    La moglie del dissidente, noto per la sua battaglia contro la diffusione dell’Aids in Cina, denuncia: “Non curano mio marito nonostante stia molto male”. La legge impone alle autorità carcerarie di effettuare analisi e cure per i carcerati. Le Ong chiedono a Pechino di liberarlo per motivi umanitari.

    09/12/2009 CINA
    A un anno dall’arresto, sotto accusa l’autore di Carta 08
    Liu Xiaobo, dissidente ed ex professore, è stato arrestato con l’accusa di incitamento alla sovversione dopo la pubblicazione di Carta 08, il documento che chiede alla Cina democrazia, libertà religiosa e diritti umani per salvare lo stesso progresso economico.

    09/12/2011 CINA
    I Premi Nobel a sostegno di Liu Xiaobo, in prigione per 11 anni
    Il dissidente è l’unico vincitore del Nobel in carcere. Il suo rilascio “immediato e senza cndizioni” è chiesto da Shirin Ebadi, Jody Williams, Mairead Maguire, Betty Williams, Desmond Tutu e Vaclav Havel. L’occidente lo ha dimenticato.

    09/12/2010 CINA
    Pechino, ultimo attacco alla Commissione del Nobel
    Dopo la guerra diplomatica per allontanare gli ambasciatori dalla cerimonia di consegna del Premio a Liu Xiaobo, prevista per domani a Oslo, il governo cinese usa media e portavoce governativi per l’ultimo attacco: “Odiate la Cina”. E inventa il Premio Confucio per la pace, assegnato al presidente onorario del taiwanese Kuomintang, Lien Chan.



    In evidenza

    ISRAELE-PALESTINA
    Nuovo vicario di Gerusalemme: giovani e scuola, futuro di pace e speranza



    Mons. Giacinto-Boulos Marcuzzo sottolinea l’importanza dell’istruzione per garantire l’avvenire delle nuove generazioni. La Chiesa segno di “unità” in un contesto “segnato dalle divisioni” e ponte nel dialogo fra le fedi. Dall’euforia per la pace alla rassegnazione per un conflitto permanente. Un appello ai cristiani d’Occidente: venite pellegrini in Terra Santa.


    NEPAL
    Al via la mattanza di animali per la festa di Dashain. Protestano buddisti e animalisti

    Christopher Sharma

    La festività dura 15 giorni ed è la più importante del Nepal. Gli amanti degli animali presidiano i templi e tentano di sensibilizzare gli indù. La puzza delle carcasse in decomposizione avvolge le case intorno ai luoghi di culto. La polizia schierata per evitare scontri.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®