25 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 26/06/2011, 00.00

    CINA

    Libero Hu Jia dopo oltre tre anni di prigione



    La moglie Zeng Jinyan teme che alla liberazione seguano gli arresti domiciliari e l’obbligo del silenzio coi media. La sua liberazione avviene mentre Wen Jiabao è in Europa. Nel 2008 Hu Jia era stato insignito del Premio Sakarov.
    Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Hu Jia, uno dei più noti attivisti per i diritti umani, è stato liberato oggi dopo aver passato tre anni e mezzo in prigione.

    Hu era stato condannato nel 2008 per “aver incitato alla sovversione contro lo Stato”. Fra le sue “colpe” vi sono l’aver dato interviste a media stranieri; aver tenuto i collegamenti con attivisti e dissidenti; aver difeso il rispetto dei diritti umani e della libertà religiosa.

    Hu Jia, 37 anni, si è riunito alla moglie Zeng Jinyan e ai suoi genitori. In questi anni Zeng ha molto sostenuto suo marito e ha spesso chiesto la sua liberazione, a causa della sua fragile salute. In una breve intervista stamane, ha spiegato che forse suo marito non potrà parlare con i giornalisti per un lungo periodo. “Dare interviste in questo momento – ha detto – potrebbe causare problemi”.

    È probabile che per Hu Jia, alla liberazione dalla prigione segua una specie di arresti domiciliari, senza poter comunicare con nessuno. La sua sorte sarebbe simile a quella di Ai Weiwei e di Chen Guangcheng, due altre grandi personalità della dissidenza, liberate dalla prigione, ma costrette al silenzio e al domicilio coatto. Chen è stato anche picchiato dalle guardie che lo controllano 24 ore su 24.

    La liberazione di Hu Jia avviene mentre il premier Wen Jiabao si appresta a visitare tre Paesi europei: l’Ungheria, la Gran Bretagna e la Germania. Nel dicembre del 2008 l’Unione europea lo aveva insignito del Premio Sakarov per i diritti umani.
    Hu Jia, convertito al buddismo verso i 20 anni, è stato un ambientalista, elogiato anche dai media ufficiali. Ma poi, intorno al 2000 ha cominciato a chiedere indennizzi per i malati di Aids infettati da trasfusioni ad opera di personale medico statale e a difendere attivisti per i diritti umani, fino ad essere il punto di contatto di molta dissidenza.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/06/2011 CINA
    Hu Jia forse libero a giugno. Ha denunciato lo scandalo delle trasfusioni infette di Hiv/Aids
    Il dissidente cristiano cinese è in prigione dalla fine del 2007. È stato condannato per “istigazione alla sovversione contro il potere statale”. Ha portato alla luce il contagio di Hiv/Aids di migliaia di contadini a cui sono state praticate trasfusioni di sangue infetto. Il Parlamento europeo nel 2008 gli ha attribuito il premio Sakharov per la Libertà di pensiero.

    09/04/2010 CINA
    Hu Jia malato in prigione, forse di cancro al fegato
    La moglie del dissidente, noto per la sua battaglia contro la diffusione dell’Aids in Cina, denuncia: “Non curano mio marito nonostante stia molto male”. La legge impone alle autorità carcerarie di effettuare analisi e cure per i carcerati. Le Ong chiedono a Pechino di liberarlo per motivi umanitari.

    09/12/2009 CINA
    A un anno dall’arresto, sotto accusa l’autore di Carta 08
    Liu Xiaobo, dissidente ed ex professore, è stato arrestato con l’accusa di incitamento alla sovversione dopo la pubblicazione di Carta 08, il documento che chiede alla Cina democrazia, libertà religiosa e diritti umani per salvare lo stesso progresso economico.

    09/12/2011 CINA
    I Premi Nobel a sostegno di Liu Xiaobo, in prigione per 11 anni
    Il dissidente è l’unico vincitore del Nobel in carcere. Il suo rilascio “immediato e senza cndizioni” è chiesto da Shirin Ebadi, Jody Williams, Mairead Maguire, Betty Williams, Desmond Tutu e Vaclav Havel. L’occidente lo ha dimenticato.

    09/12/2010 CINA
    Pechino, ultimo attacco alla Commissione del Nobel
    Dopo la guerra diplomatica per allontanare gli ambasciatori dalla cerimonia di consegna del Premio a Liu Xiaobo, prevista per domani a Oslo, il governo cinese usa media e portavoce governativi per l’ultimo attacco: “Odiate la Cina”. E inventa il Premio Confucio per la pace, assegnato al presidente onorario del taiwanese Kuomintang, Lien Chan.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®