09 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/10/2004, 00.00

    vaticano

    Libertà religiosa al centro della dottrina sociale della Chiesa



    Città del Vaticano (AsiaNews) - La libertà di religione, secondo il Compendio della dottrina sociale della Chiesa, è "fonte e sintesi" dei diritti umani; essa è il "diritto di vivere nella verità della propria fede ed in conformità alla trascendente dignità della propria persona". Il documento, reso pubblico oggi in Vaticano, affronta l'intero campo della dottrina sociale, con particolare riguardo verso i diritti della persona e della famiglia, a partire da quelli alla vita ed al matrimonio.
    Di tutti i diritti la libertà religiosa è, in certo senso, fondamento. La formulazione base di tale diritto è la dichiarazione conciliare "Dignitatis humanae", per la quale, ricorda il Compendio, esso "si fonda sulla dignità della persona umana" e "deve essere sancito come diritto civile nell'ordinamento giuridico della società" ed è "diritto riguardante non solo le singole persone, ma anche le diverse comunità".
    Sul piano concreto, al n. 553 si afferma che "il riconoscimento effettivo del diritto alla libertà di coscienza e alla libertà religiosa è uno dei beni più alti e dei doveri più gravi di ogni popolo che voglia veramente assicurare il bene della persona e della società". Per questo, anche se, "a motivo dei suoi legami storici e culturali con una Nazione, una comunità religiosa può ricevere uno speciale riconoscimento da parte dello Stato, tale riconoscimento non deve in alcun modo generare una discriminazione d'ordine civile o sociale per altri gruppi religiosi". Nel rapporto delle religioni con lo Stato, infatti, vale il "principio di laicità", ossia "la distinzione tra la sfera politica e quella religiosa". Tale principio "è un valore acquisito e riconosciuto dalla Chiesa" (n.571). Ciò (n.572) "comporta il rispetto di ogni confessione religiosa da parte dello Stato, che assicura il libero esercizio delle attività di culto, spirituali, culturali e caritative delle comunità dei credenti".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/10/2004 vaticano
    La dottrina sociale, guida per i cattolici nel mondo globalizzato
    Il Compendio della dottrina sociale della Chiesa mostra che la fede è un fatto sociale, non intimistico. Impegno dei cristiani su vita, famiglia, economia, ecumenismo. Precisazioni su guerre preventive e pena di morte.

    21/12/2012 SIRIA
    Natale in Siria: cristiani e musulmani sfidano la guerra offrendo pasti caldi ai poveri
    Mons. Mario Zenari, nunzio vaticano a Damasco, descrive l'attività delle parrocchie impegnate nella preparazione del Natale, nonostante le bombe e l'odio interconfessionale. In un istituto cattolico della periferia della capitale, decine di bambini ritagliano con gioia le figure del presepe. Nei saloni parrocchiali giovani cristiani e musulmani distribuiscono migliaia di pasti caldi senza distinzione di fede, fazione o etnia.

    10/12/2012 VATICANO - CINA
    Dopo 5 anni, ha ancora valore la Lettera del Papa ai cattolici cinesi
    La linea proposta da Benedetto XVI nella sua Lettera, tracciava la pista per la riconciliazione delle comunità ufficiali e sotterranee e per un dialogo schietto e amichevole con il governo. Le nomine dei vescovi e uno spazio di libertà per la testimonianza della Chiesa nella società rimangono le esigenze essenziali di una vera libertà religiosa. L'impaccio della leadership, spesso dominata dagli elementi più radicali. L'analisi di un missionario esperto della Cina.

    17/01/2013 VATICANO - SIRIA
    Patriarca siro-cattolico di Antiochia: Stati Uniti, Europa e Paesi del Golfo fomentano l'odio in Siria
    Per Ignace Joseph III Younan, la presenza dei cristiani in Siria è essenziale per la riconciliazione nella guerra confessionale fra alawiti e Sunniti. Al-Qaeda rivendica l'attentato all'università di Aleppo, che ha fatto 87 morti. Le violenze degli estremisti islamici e le offensive dell'esercito rischiano di cancellare la Siria per sempre. L'invito ai giovani cristiani a restare in Medio oriente per essere testimoni di pace.

    21/11/2004 Vaticano
    Papa: edificate il Regno di Cristo con l'impegno e la preghiera




    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®