26/09/2013, 00.00
VIETNAM
Invia ad un amico

Libertà religiosa secondo Hanoi: attivisti cattolici a processo, cristiani segregati in casa

Il 2 ottobre inizia il processo, rimandato a luglio, dell’avvocato cattolico Lê Quôc Quân: per prepararsi ha digiunato e pregato a lungo. Il sostegno di Giustizia e Pace, che chiede la liberazione dell’uomo. Le autorità chiudono in casa la moglie di un pastore mennonita, per impedirle di visitare il marito in cella.

Hanoi (AsiaNews) - Si terrà il 2 ottobre al Tribunale del popolo di Hanoi la prima udienza del processo a carico dell'avvocato e attivista cattolico per i diritti umani Lê Quôc Quân, arrestato con false accuse di "frode fiscale" nel dicembre scorso. In origine il primo atto del processo era in programma il 9 luglio; per prepararsi al dibattimento in aula, il 42enne aveva osservato un lungo periodo di digiuno e preghiera.  Tuttavia, la Corte ha rimandato all'ultimo il procedimento per una improvvisa "malattia" del giudice. La scure delle autorità vietnamite colpisce anche la moglie di un pastore cristiano mennonita, originario degli altipiani centrali, in prigione dall'aprile 2011 e condannato a 11 anni nel marzo 2012.

Da tempo in Vietnam è in atto una campagna durissima del governo contro leader religiosi, attivisti cattolici o intere comunità come successo nelle ultime settimane nella diocesi di Vinh, dove media e governo hanno promosso una campagna diffamatoria e attacchi mirati contro vescovo e fedeli. La repressione colpisce anche singoli individui, colpevoli di rivendicare il diritto alla libertà religiosa e al rispetto dei diritti civili dei cittadini.

Fra i casi più evidenti quello dell'avvocato cattolico: per la sua liberazione attivisti e semplici fedeli di Vinh, cittadina di origine dell'uomo, avevano promosso un ritiro spirituale e preghiere comuni. Egli si è battuto a lungo per i diritti umani e la democrazia, manifestando contro "l'imperialismo" di Pechino nel mar Cinese meridionale. Per il suo rilascio si è spesa anche la Commissione Giustizia e Pace di Vinh, che accusa le autorità di "repressione politica" contro un "militante pacifico".

Intanto, secondo quanto riferisce Radio Free Asia (Rfa), le autorità vietnamite hanno sbarrato le porte di ingresso della casa dell'attivista e pastore cristiano Nguyen Cong Chinh, impedendo così alla moglie e ai cinque figli di lasciare l'edificio. Leader di una confessione protestante messa al bando perché "mina l'unità nazionale", egli è in carcere da due anni; dal racconto della donna, sembra che dietro la decisione della polizia vi sia il tentativo di impedire ogni contatto fra l'uomo in cella e la sua famiglia. "È una vera e propria repressione" denuncia la moglie del pastore mennonita, "non abbiamo fatto nulla di male e continuano a terrorizzarci".  

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vietnam: i vescovi del Nord a sostegno della diocesi di Vinh, nel mirino delle autorità
24/09/2013
Hanoi, processo di appello per il dissidente e avvocato cattolico Le Quoc Quan
28/01/2014
Hanoi, avvocato cattolico incontra i parenti in carcere e annuncia ricorso contro la condanna
10/10/2013
Hanoi: condannato a 30 mesi di carcere l’avvocato cattolico Le Quoc Quan
02/10/2013
Hanoi: in migliaia alla fiaccolata per la liberazione dell’avvocato cattolico Le Quoc Quan
30/09/2013