22 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 13/11/2017, 15.47

    INDONESIA

    Libertà religiosa: Jakarta riconosce le religioni dei nativi indonesiani

    Mathias Hariyadi

    La Costituzione indonesiana del 1945 afferma che lo Stato si basa sulla credenza nel “Dio uno ed unico”. I cittadini sono tenuti a dichiarare la propria appartenenza religiosa nelle carte d’identità nazionali. Islam, cattolicesimo, protestantesimo, induismo, buddismo e confucianesimo erano finora le uniche religioni ufficiali. Sono circa 400mila le persone che si dichiarano appartenenti a religioni diverse dalle sei finora riconosciute. L’ateismo non è legale in Indonesia e spesso comporta accuse di blasfemia.

    Jakarta (AsiaNews) – “Si apre un nuovo capitolo per la libertà religiosa in Indonesia”. Attivisti per i diritti commentano così la delibera della Corte costituzionale (Mk) in favore del riconoscimento delle Penghayatan kepercayaan, le credenze religiose dei nativi indonesiani. Il parere dell’organo statale, reso pubblico lo scorso 7 novembre, sancisce che gli indonesiani non dovranno più essere identificati solo come musulmani, cattolici, protestanti, indù, buddisti o confuciani sulle loro carte d'identità nazionali.

    Lo Stato indonesiano si era finora rifiutato di riconoscere come “religioni” le credenze indigene. Queste non sono di solito “arricchite” da importanti figure di rappresentanza e non dispongono di “sacre scritture”. I fedeli credono nel grande potere dell'universo e nel rispetto degli antenati. Nella pratica religiosa, essi sono soliti offrire sacrifici come espressione del loro rispetto verso gli avi e la natura.

    La Costituzione indonesiana del 1945 afferma che lo Stato si basa sulla credenza nel “Dio uno ed unico”, ma garantisce “ad ogni cittadino la libertà di religione e di culto”. Tuttavia, le leggi sulla blasfemia adottate nel 1965 prevedono la tutela delle sole sei religioni citate, le uniche riconosciute in via ufficiale dallo Stato, come sancito dai regolamenti e dalle normative successive. Le restanti fedi sono state da allora considerate illegali, eretiche o “strettamente proibite”.

    Le Kartu Tanda Penduduk (Ktp), ovvero le carte d’identità nazionali indonesiane, prevedono una colonna in cui i cittadini sono tenuti a dichiarare la propria appartenenza religiosa. L’ateismo non è legale in Indonesia e spesso comporta accuse di blasfemia. Bonar Tigor Naipospos, del Setara Institute, gruppo che sostiene l'armonia religiosa, dichiara che gli indonesiani che si rifiutano di abbracciare una delle religioni sulle loro carte d'identità hanno un accesso limitato all'istruzione, alle opportunità di lavoro ed è loro negato il matrimonio giuridico.

    La Corte costituzionale, per decisione del presidente Arief Hidayat, ha accolto una causa intentata contro lo Stato dai seguaci di alcune delle fedi indigene dell'Indonesia. Nggay Mehang Tana, Pagar Demara Sirait, Arnol Purba si sono rivolti al tribunale quando è stato loro impedito di riempire la “colonna religiosa” della loro carta d'identità con la dicitura “Penghayatan kepercayaan”. Tjahjo Kumolo, ministro indonesiano agli Affari interni, ha dichiarato lo scorso 10 novembre che il suo ministero si conformerà alle disposizioni e riconoscerà il nuovo status religioso in tutte le 34 province e 405 reggenze del Paese. Nia Sjarifudin, della Unity in Diversity Alliance, rivela che la storica decisione della Corte verrà applicata anche che religioni non-indigene come la bahá'í e l’ebraismo.

    Da un censimento del 2000 emerge che in Indonesia vi sono circa 400mila persone che si dichiarano appartenenti a religioni diverse dalle sei finora riconosciute. Il ministero dell’Educazione riporta che nel Paese si contano almeno 187 correnti o scuole kepercayaan, 53 solo a Central Java e 50 a East Java.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/06/2015 INDONESIA
    La Corte costituzionale indonesiana nega il riconoscimento dei matrimoni misti
    I giudici hanno respinto il ricorso promosso da un gruppo di studenti di legge. L’emendamento mirava al riconoscimento delle unioni fra coniugi di fede diversa. Solo il rito religioso comune a entrambi gli sposi dà valore civile all’atto. La battaglia della Chiesa cattolica per il riconoscimento dei diritti civili.

    27/06/2015 INDONESIA - ISLAM
    Per compiacere gli ulema, la Corte costituzionale approva matrimoni “forzati” con minori
    Società civile in rivolta per la decisione dei supremi giudici, già oggetto di critiche per la norma sulle coppie miste. La Corte ha legalizzato le unioni di giovani di 16 anni, considerate adulte pronte alle nozze. Decisiva sulla sentenza l’influenza esercitata dal Mui. Attivista indonesiana: pericoloso precedente.

    14/08/2008 INDONESIA
    Indonesia, tribale ucciso dalla polizia durante la festa dei popoli indigeni
    Lo scorso 9 agosto nel West Papua le forze dell’ordine hanno aperto il fuoco contro la folla che celebrava la Giornata internazionale dei Popoli Indigeni, ammazzando un tribale. Il governo di Jakarta e la polizia respingono le accuse e parlano di manifestazione “illegale”.

    03/10/2013 INDONESIA
    Jakarta: blitz dell’anticorruzione, arrestato il presidente della Corte costituzionale
    Akil Mochtar avrebbe intascato mazzette per tre miliardi di rupie per “aggiustare” l’esito di una tornata elettorale nel Borneo centrale. Shock e stupore nell’opinione pubblica, crollo della fiducia nelle istituzioni. Il presidente Yudhoyono parla di vicenda “legale” e “non politica”; chiede trasparenza, ma la corruzione dilaga.

    26/07/2004 indonesia
    Caos nel processo per gli attentati di Bali

    La Corte costituzionale blocca la legge antiterrorismo





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®