19 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 11/10/2010, 00.00

    CINA

    Liu Xiaobo: “Il Nobel è per le vittime di Tiananmen”



    Il dissidente, condannato a 11 anni di carcere, è riuscito finalmente a vedere la moglie. Liu Xia, dopo la visita in carcere al marito, è stata messa agli arresti domiciliari; le autorità impediscono alla delegazione dell’Ue di incontrarla. Le critiche del Dalai Lama: “Pechino ha un atteggiamento retrogrado”.

    Pechino (AsiaNews) – Il premio Nobel per la pace del 2010 “è dedicato alle anime perse del 4 giugno, le vittime dei moti pro-democrazia di piazza Tiananmen”. Lo ha detto lo stesso Liu Xiaobo, docente universitario e vincitore del riconoscimento, condannato a 11 anni di carcere per aver redatto e fatto circolare Charta ’08, documento che chiede a Pechino l’instaurazione di un governo democratico in Cina. Lo ha detto la moglie, Liu Xia, che è riuscita a visitarlo in carcere.

    Liu ha appreso proprio dalla consorte di avere vinto il Nobel per la pace ed è scoppiato a piangere. L’incontro tra i due, riporta Human Rights in China, “è durato circa un’ora”. L’attivista democratico ha ricordato che le vittime di Tiananmen hanno dato la vita “per la pace, la libertà, la democrazia”. Al termine dell’incontro, Liu Xia è tornata nella sua residenza dov’è trattenuta di fatto agli arresti domiciliari.

    Secondo Hric, organizzazione umanitaria con sede negli Usa che segue i dissidenti cinesi, “alcuni agenti di sicurezza dello Stato impediscono a Liu Xia di entrare in contatto con i media e i suoi stessi amici. Le hanno detto che se intende lasciare il suo domicilio potrà farlo solo con un veicolo della polizia”.

    “È di fatto consegnata agli arresti domiciliari nel suo appartamento di Pechino”, ha aggiunto Beth Schwanke, consigliere giuridico del gruppo Freedom Now. Secondo il diritto cinese, non serve un’inchiesta aperta dalla magistratura per arrestare o mettere ai domiciliari un cittadino. Basta il rischio di “turbative dell’ordine pubblico”.

    Secondo il legale di Freedom Now, “dopo l'attribuzione del Nobel a Liu Xiaobo la polizia ha posto sotto sequestro il telefono della moglie ed ha notificato ufficialmente il fermo della donna". La notifica ufficiale, fino ad oggi, non era stata mai pubblicata.

    A favore di Liu Xiaobo si sono mosse le maggiori autorità mondiali nel campo dei diritti umani, e buona parte dei governi occidentali. Dopo Obama e diversi ministri europei, anche il Dalai Lama ha criticato oggi la risposta di Pechino all’assegnazione del Premio Nobel per la Pace al dissidente cinese Liu Xiaobo.

    Secondo il leader buddista tibetano, “il governo cinese non apprezza assolutamente opinioni diverse. Andare verso una società aperta e trasparente è l'unica soluzione per salvare tutto il popolo cinese, ma alcuni mantengono una linea dura, sono bloccati in un modo di pensare retrogrado”.

    Anche l’Unione europea ha cercato di manifestare vicinanza al dissidente, ma ai diplomatici europei è stato impedito di fare visita alla moglie del Nobel. Lo ha riferito il Primo segretario per gli Affari politici della delegazione Ue in Cina, Simon Sharpe, precisando di essersi recato all’abitazione della donna per recapitare personalmente una lettera di congratulazioni del presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso. Sharpe era accompagnato da diplomatici di circa 10 ambasciate, tra cui quelle di Italia, Svizzera, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Belgio e Australia.  

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    09/11/2010 CINA
    A un mese dal Nobel a Liu Xiaobo, nuovi arresti fra i dissidenti cinesi
    Pechino “festeggia” la ricorrenza arrestando altri membri della dissidenza. Fermato alla dogana Mo Shaoping, che ha difeso in tribunale quasi tutte le personalità contrarie al regime.

    10/12/2010 NORVEGIA – CINA
    Consegnato il Nobel per la pace a una sedia vuota
    Si è conclusa a Oslo la cerimonia di consegna del prestigioso riconoscimento. Assente il vincitore Liu Xiaobo, autore del manifesto democratico Carta 08, condannato a 11 anni per la sua richiesta di maggior democrazia in Cina. Obama: “Merita il Premio molto più di me”.

    21/02/2011 CINA
    Liu Xia torna su internet: “Siamo ostaggi, abbandonati da tutti”
    La moglie del dissidente cinese Liu Xiaobo è agli arresti domiciliari (senza alcuna motivazione giuridica) da più di quattro mesi. In una chat online si confida con un amico ed esprime tutta la sua disperazione.

    08/10/2010 CINA
    Il Premio Nobel a Liu Xiaobo, un dono per la Cina e per l’occidente
    Il premio è un conforto per tutti i firmatari di Carta 08. Rispettare i diritti umani e la libertà religiosa sono l’unico modo di salvare la Cina dalla catastrofe che è già visibile oggi. Un monito per Pechino, ma anche per l’occidente che vede il gigante cinese solo come un mezzo per risolvere i propri problemi economici.

    05/12/2012 CINA
    Oltre 100 Premi Nobel chiedono libertà per Liu Xiaobo e sua moglie Liu Xia
    Il comitato per la liberazione di Liu è guidato dall'arcivescovo Desmond Tutu e dal Nobel per la medicina Sir Richard Roberts. La libertà intellettuale e l'ispirazione creativa" sono elementi importanti per il progresso della condizione umana. Il Premio Nobel per la pace Liu Xiaobo è stato condannato a 11 anni di prigione per "incitamento alla sovversione contro lo Stato". Sua moglie è costretta agli arresti domiciliari senza alcuna condanna. Appello di Hu Jia perché governi, gruppi per i diritti umani, cinesi in patria e all'estero sostengano la liberazione dello scrittore dissidente e la libertà di parola in Cina. "Liberando Liu Xiaobo e Liu Xia, la Cina può dimostrare la sua forza".



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Le lacrime dei vescovi cinesi. Un ritratto di mons. Zhuang, vescovo di Shantou

    Padre Pietro

    Un sacerdote della Chiesa ufficiale, ricorda il vescovo 88enne che il Vaticano vuole sostituire con un vescovo illecito, gradito al regime. Mons. Zhuang Jianjian è diventato vescovo sotterraneo per volere del Vaticano nel 2006. Il card. Zen e mons. Zhuang, immagine della Chiesa fedele, “che fa provare un’immensa tristezza e un senso di impotenza”. Le speranze del card. Parolin di consolare “le sofferenze passate e presenti dei cattolici cinesi”.


    CINA-VATICANO-HONG KONG
    Il card. Zen sui vescovi di Shantou e Mindong

    Card. Joseph Zen

    Il vescovo emerito di Hong Kong conferma le informazioni pubblicate nei giorni scorsi da AsiaNews e rivela particolari del suo colloquio con papa Francesco su questi argomenti: “Non creare un altro caso Mindszenty”, il primate d’Ungheria che il Vaticano obbligò a lasciare il Paese, nominando un successore a Budapest, a piacimento del governo comunista del tempo.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®