25 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 22/08/2012
INDIA – SRI LANKA
Lo Sri Lanka attacca e arresta 16 pescatori indiani del Tamil Nadu
di Nirmala Carvalho
Da giorni la Marina srilankese aggredisce i pescherecci indiani. Un uomo è ricoverato in ospedale per le ferite riportate nell'attacco. Colombo parla di "controlli di routine" e "sconfinamenti illegali". Un attivista: le nostre istituzioni pensano a fare affari con lo Sri Lanka, invece di difendere i nostri diritti.

Mumbai (AsiaNews) - La Marina dello Sri Lanka ha attaccato 22 pescatori indiani del Tamil Nadu, arrestando e ferendo 16 di loro. Lo denuncia ad AsiaNews Armstrong, attivista per i diritti dei pescatori del Sangumal Fisher Forum. "Gli attacchi - spiega - vanno avanti da giorni. Questa situazione sta seminando il panico nella comunità di pesca del Tamil Nadu. I governi devono fare qualcosa". Per il momento, le autorità dello Sri Lanka non negano gli incidenti, ma ridimensionano i fatti parlando di controlli di routine per fermare gli sconfinamenti illegali nelle proprie acque territoriali, compiuti in modo regolare dalle imbarcazioni indiane.

Secondo la ricostruzione fatta dall'India, i pescatori vittime degli attacchi provengono dalle comunità di Vedaranyam, Nagapattinam e Rameswaran. Oltre alle aggressioni fisiche contro gli uomini, la Marina srilankese avrebbe anche danneggiato in modo grave reti e strumentazione. I 16 arrestati, tutti originari del villaggio di Rameswaran, sono stati tenuti in custodia per una notte nell'isola di Neduntheevu, vicino a Katchatheevu. Uno di loro, Adimai, 46 anni, ha riportato ferite gravi ed è ora in cura all'ospedale governativo del suo villaggio.

"Le vittime - sottolinea Armstrong - sono tutti pescatori, la cui sopravvivenza deriva in modo totale dal loro lavoro. Eppure, continuano a subire abusi di ogni sorta da parte della Marina dello Sri Lanka". Secondo la legge, spiega, "per ogni attacco, il governo del Tamil Nadu dovrebbe scrivere una lettera al governo centrale, che a sua volta risponderà 'prenderemo provvedimenti'. Ma questi provvedimenti non arrivano mai, mentre continuano ad avvenire attacchi e omicidi. Al nostro governo interessa solo fare affari con lo Sri Lanka, mentre lascia i propri cittadini soli".

"Noi pescatori - conclude - abbiamo perso la fiducia verso tutte le nostre istituzioni. La condizione socioeconomica di queste comunità è a un punto critico. La nostra domanda è: anche noi siamo cittadini dell'India?".

Da decenni è in corso una polemica tra New Delhi e Colombo per i continui sconfinamenti dei pescatori, che irritano soprattutto i governi degli Stati indiani costieri e delle isole della Baia del Bengala. D'altra parte, secondo lo Sri Lanka le imbarcazioni indiane, che praticano la pesca a strascico, danneggiano l'ecosistema distruggendo barriera corallina, alghe, gamberetti, pesci e qualsiasi organismo resti intrappolato nelle reti. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
02/09/2010 SRI LANKA – INDIA
Accordo “di pace” fra i pescatori di India e Sri Lanka
di Melani Manel Perera
04/11/2011 INDIA – SRI LANKA
Orissa: gli ultimi cinque pescatori Sri Lankesi liberi grazie all’intervento della Chiesa
di Santosh Digal
16/01/2014 SRI LANKA - INDIA
India e Sri Lanka: Al via il rilascio di tutti i pescatori detenuti
di Melani Manel Perera
24/09/2009 SRI LANKA
Pescatori dello Sri Lanka da 6 mesi in prigione in India
di Melani Manel Perera
16/06/2009 SRI LANKA
Preoccupazione per la sorte dei 51 pescatori dello Sri Lanka arrestati nelle Andamane indiane
di Melani Manel Perera

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate