21 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan


  • » 16/06/2017, 12.12

    COREA DEL SUD

    Lo stile di Moon sta conquistando tutti. Indice di gradimento record per il nuovo presidente



    Paga di tasca sua le spese personali. Chiede alle sue guardie del corpo di tenere un basso profilo. Rompe il protocollo nelle occasioni ufficiali portando in prima fila i cittadini. Ogni tanto esce dal palazzo presidenziale in maniche di camicia con una tazza di caffè in mano per una passeggiata con i suoi collaboratori. Si fa fotografare con tutti e concede autografi ai bambini. In un mese ha già incontrato tre volte i giornalisti. Si batte contro la corruzione e per il rispetto dei diritti civili. Moon assapora il successo nel suo Paese in attesa di vincere le sfide sulle relazioni internazionali, con la riapertura al dialogo con Pyongyang e una maggiore indipendenza dagli Stati Uniti.

    Seoul (AsiaNews/Agenzie) - Figlio di rifugiati nordcoreani fuggiti dalla guerra di Corea 1950-1953. Cattolico, il suo nome di battesimo è Timoteo. Attivista del movimento studentesco, laureato in Legge alla Kyung Hee University di Seul. Impegnato nella difesa dei diritti umani al fianco del presidente Roh Moo-hyun, di cui è stato consigliere e capo di Gabinetto tra il 2003 e il 2008. Candidato del Partito democratico alle elezioni presidenziali del 2012 vinte da Park Geun-hye. Eletto dopo la destituzione di quest’ultima per corruzione nel maggio 2017. Secondo presidente cattolico nella storia del Paese dopo il premio Nobel per la pace (anno 2000) Kim Dae-jung. Le note biografiche del presidente della Corea del Sud dicono molto della sua formazione, ma la vera sorpresa è rappresentata dalla sua personalità, che ad appena un mese dalla sua elezione, ha già indotto gli osservatori internazionali a parlare di “Moon style”.

    Il suo stile è costituito da un particolare modo non autoritario di concepire il suo ruolo, inusuale per la Corea, che gli sta suscitando una grande ammirazione. Lo si è visto fin da subito: nel momento della sua elezione, prima di salire sulla limousine presidenziale, ha rotto il cerimoniale, recandosi nella hall dell’assemblea generale del suo partito. Senza alcuna esitazione è sceso tra la folla accorsa per congratularsi con lui, offrendo la piena disponibilità per fotografie e strette di mano. Poi, a causa di alcuni lavori di ristrutturazione della residenza presidenziale, Moon è stato costretto per diversi giorni a fare il pendolare dal suo appartamento al palazzo presidenziale. Ogni mattina ha accettato di posare con un sorriso a beneficio delle macchine fotografiche e le telecamere, accanto ai suoi vicini di casa che facevano a gara per salutarlo. Un altro episodio che ha impressionato l’opinione pubblica è relativo ad una pausa dei lavori della sua segreteria, quando in maniche di camicia e con una tazza di caffè in mano è sceso insieme ai suoi collaboratori per una passeggiata nel parco adiacente all’ufficio presidenziale. In quell’occasione è stato avvicinato da alcuni bambini in gita ed ha aspettato con pazienza che un ragazzino tirasse fuori dal suo zainetto un notebook per chiedergli un autografo. Non appena insediato ha chiesto di pagare di tasca propria le spese personali e relative alla sua famiglia ridimensionando di molto il budget presidenziale e destinando le risorse eccedenti ai poveri e ai disoccupati. Da presidente intende continuare a battersi per i diritti civili.

    Piccoli gesti, pur tuttavia significativi di una grande cambiamento di rotta annunciato da Moon in campagna elettorale: basta con gli atteggiamenti presidenziali autoritari e grande attenzione alla comunicazione con i cittadini. Anche per questo il suo indice di gradimento tra la popolazione è altissimo. Nel sondaggio, condotto da Gallup sulla base di 1.004 interviste condotte dal 30 maggio al 1° giugno, ben l’84 per cento degli intervistati ha detto che Moon "sta facendo un buon lavoro". Un record assoluto avendo battuto il precedente del 1993 stabilito dal presidente Kim Young-sam al termine del suo primo mese di incarico.

    Il punto di forza di Moon è rappresentato dalla convinzione che la sua funzione è al servizio dei cittadini. Non è passato inosservato che durante la celebrazione del Memorial day del 6 giugno, accanto al presidente c’erano seduti i soldati invalidi di guerra mentre l’anno precedente gli stessi posti erano occupati dai rappresentanti del governo. Il portavoce presidenziale Park Soo-hyun ha sottolineato che il protocollo presidenziale verrà modificato in occasione di tutti gli eventi nazionali futuri portando i cittadini in prima fila.

    Un altro gesto importante è rappresentato dal ridimensionamento della sua sicurezza personale. Moon ha chiesto che le sue guardie del corpo mantengano un comportamento "amichevole, aperto e di basso profilo”. Con i suoi più stretti collaboratori, poi, Moon ha chiesto di eliminare tutti gli stereotipi di comportamento basati sulla gerarchia. Dunque se nelle riunioni delle precedenti amministrazioni era solito vedere i segretari e le segretarie vestite di tutto punto prendere appunti sotto dettatura delle istruzioni del presidente, ora sono state introdotte delle riunioni sugli affari di stato basate sul dibattito, talvolta acceso, durante le quali Moon promuove l’adozione di un look informale per una maggiore comodità.

    Infine, se il suo predecessore, Park Geun-hye, di rado è scesa nella sala stampa di Cheong Wa Dae, fatta eccezione per la conferenza stampa di capodanno, Moon, invece, in un solo mese lo ha già fatto tre volte. In generale un cambio di atteggiamento accolto molto bene per ora, ma non senza rischi. “Se Moon da un regime autoritario riesce a riformare la cultura organizzativa dell'intero governo e a migliorare la produttività e l’efficienza sarà un successo. In caso contrario, i complimenti si trasformeranno ben presto nella critica di essere soltanto preoccupato della sua immagine", ha spiegato a Yonhap un professore presso l'Università di Seoul.

    Una sfida sul fronte interno che va ad aggiungersi a quelle lanciate nel campo delle relazioni internazionali, con la riapertura al dialogo con Pyongyang e una maggiore indipendenza dagli Stati Uniti, con i quali Moon Jae-in intende rinegoziare l’accordo sull’installazione del sistema antimissile Thaad che rischia di compromettere le relazioni con la Cina, primo partner commerciale della Corea del Sud.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/11/2006 COREA DEL SUD – COREA DEL NORD – ONU
    Seoul a favore di una risoluzione Onu sui diritti umani in Corea del Nord

    Per la prima volta in assoluto, la Corea del Sud si unisce alla comunità internazionale per condannare gli abusi di Pyongyang. Il cambiamento di politica influenzato anche dalla nomina di Ban Ki-moon al vertice delle Nazioni Unite.



    10/10/2006 COREA DEL NORD – COREA DEL SUD
    I fumi dell'atomica nordcoreana nascondono i gravi problemi interni del regime
    Secondo un politico sudcoreano, l'annuncio di Pyongyang ha 4 spiegazioni: il distacco dell'esercito dalla politica di Kim Jong-il, la popolazione sempre meno motivata, la visita del primo ministro giapponese a Seoul e la nomina di Ban Ki-moon a segretario generale dell'Onu.

    10/07/2017 11:03:00 COREA DEL NORD - USA
    Pyongyang reagisce ai bombardieri Usa nei cieli coreani

    In un’editoriale del quotidiano nordcoreano Rodong Sinmun si legge: "Gli Usa con la loro pericolosa provocazione militare, stanno spingendo la penisola coreana sull’orlo del precipizio di una guerra nucleare”. "Gli Stati Uniti”, aggiunge il quotidiano del regime comunista di Kim Jong-Un, “dicono che aumenterà la presenza di caccia bombardieri strategici nella penisola coreana, ma è una mossa folle: come accendere un fuoco in un deposito di munizioni. Al minimo incidente si può scatenare un guerra nucleare che inevitabilmente porterà ad un'altra guerra mondiale". La corsa del presidente della Corea del Sud Moon Jae-In per tenere aperte le porte del dialogo



    12/04/2017 08:58:00 COREA DEL SUD
    Moon, candidato cattolico alla presidenza: Protagonisti del dialogo con Kim Jong-un, non spettatori

    Dialoghi diretti con Kim Jong-un e revisione dello spiegamento del sistema antimissilistico Thaad. Intanto gli Usa inviano la portaerei Carl Vinson nel mar del Giappone per una prova di forza. Xi Jinping: Usiamo mezzi pacifici.



    30/06/2017 09:07:00 USA - COREA
    Moon e Trump a confronto sulla Nord Corea. Gli accordi e i disaccordi

    Trump si è impegnato ad aumentare la pressione su Pyongyang. Moon non vuole mettere da parte la diplomazia e gli aspetti umanitari. Sullo sfondo la realizzazione del Thaad, lo scudo missilistico americano in Corea del Sud che tanto fa arrabbiare Pechino.

     





    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®