07/12/2006, 00.00
CINA - USA
Invia ad un amico

Lo yuan acquista sempre più forza e preoccupa Hong Kong

Rispetto al dollaro Usa la valuta cinese si è apprezzata di oltre il 5,3% dal luglio 2005 e si avvia a diventare più vantaggiosa della moneta di Hong Kong. Preoccupazioni per l’economia della città e per un aumento dell’inflazione locale.

Pechino (AsiaNews/Agenzie) – Nuovi record per lo yuan cinese, che ieri ha raggiunto un rapporto di cambio di 7,8226 con il dollaro Usa. La valuta cinese ha ormai lo stesso valore del dollaro di Hong Kong e tutti prevedono che continuerà ad apprezzarsi.

Il dollaro di Hong Kong è scambiato a circa 7,8 con il dollaro Usa. Lo yuan RMB (renminbi) è cresciuto di oltre il 5,3% dal 21 luglio 2005, quando il rapporto di cambio è stato rivisto e fissato a 8,28 yuan/dollaro Usa, prevedendo la possibilità di variazione entro lo 0,3% giornaliero. Tutti ritengono che ci saranno ulteriori apprezzamenti, per cui presto il RMB acquisterà maggior valore di cambio del dollaro di Hong Kong.

Per tranquillizzare la città e i mercati, ieri è intervenuto Paul Gruenwald, rappresentante a Hong Kong del Fondo monetario internazionale, che ha ribadito che la moneta locale rimane “forte” e che il Fondo “sostiene con forza le autorità” della città. Gruenwald ha escluso il rischio di gravi conseguenze a livello di mercati e di economia globale, ma ha ammesso che bisogna attendersi un aumento dell’inflazione locale, ora intorno al 2%. Il governo municipale deve decidere se introdurre una fluttuazione della moneta, cosa che però potrebbe portare una maggiore inflazione e causare gravi riflessi psicologici mostrando che la valuta locale deve seguire l’andamento del renminbi.

Gli Stati Uniti per anni hanno accusato Pechino di tenere il cambio basso per favorire le proprie esportazioni, per cui esperti ritengono che la Banca centrale favorisce questo apprezzamento quale gesto di “buona volontà” in vista della  imminente visita di Hank Paulson, segretario Usa al Tesoro.

Intanto rischia di cambiare e di invertirsi l’attuale rapporto tra Hong Kong e la vicina Shenzhen.

A Shenzhen (Guandong), il dollaro di Hong Kong è sempre stato gradito quale moneta forte e circola liberamente. La città è sempre stata meta abituale di imprenditori e consumatori di Hong Kong, che ogni giorno a migliaia passano le dogane di Lok Fu e Huanggang. Molti abitanti di Shenzhen percepiscono lo stipendio in dollari di Hong Kong. Si stima che i visitatori di Hong Kong spendano qui ogni anno oltre 30 miliardi di dollari di HK (812 milioni di dollari Usa).

Ma ora sempre più negozi rifiutano la moneta di Hong Kong per paura che perda troppo valore rispetto al RMB e molti commercianti hanno già rivisto il rapporto di cambio e valutano 100 dollari di HK non più di 95 yuan. Per ora, dicono gli analisti, non è diminuito il flusso di cinesi di Hong Kong che durante il fine settimana e le vacanze vanno a Shenzhen per mangiare e fare spese, anche perché i prezzi sono comunque più bassi. Ma qualcuno non esclude che presto ci sia un flusso inverso, se la rivalutazione del RMB renderà convenienti i prezzi di Hong Kong.

Guo Shipin, consulente economico del governo municipale di Shenzhen e decano del dipartimento finanziario della locale università, osserva che per il momento l’economia di Shenzhen non ne ha risentito dato che la paura di ulteriori apprezzamenti dello yuan induce i residenti di Hong Kong a maggiori investimenti nei settori immobiliare e finanziario.

Secondo i dati della dogana di Shenzhen, il totale degli yuan esportati a Hong Kong è diminuito del 90% nei primi 6 mesi del 2006 rispetto allo stesso periodo del 2005, mentre da Hong Kong sono stati esportati 460 milioni di yuan in più dell’anno scorso. (PB)

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Al via la connessione fra la borsa di Hong Kong e quella di Shenzhen
05/12/2016 08:37
Per cercare di frenare il crollo del rublo, Mosca aumenta i tassi al 17%
16/12/2014
Esperti commentano lo yuan rivalutato (di poco)
22/07/2005
Il governo vuole rallentare la crescita dell’economia
23/01/2007
Perdite oltre il 7%: chiudono le borse di Shanghai e Shenzhen. È la seconda volta in una settimana
07/01/2016