04 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 26/07/2012, 00.00

    COREA – GRAN BRETAGNA

    Londra 2012, gaffe olimpica: gioca Pyongyang, ma la bandiera è sud-coreana



    Sul tabellone dello stadio le giocatrici della nazionale nord-coreana accostate allo stendardo di Seoul. Ira della delegazione di Pyongyang: “eravamo furiosi” commenta l’allenatore e la vittoria “non può compensare” l’errore. Scuse ufficiali del Comitato: “errore involontario”. Commenti ironici sui social network.

    Seoul (AsiaNews) - Gli organizzatori di Londra 2012 hanno già offerto le loro scuse, ma la gaffe resta di proporzioni olimpiche: ieri, alla vigilia della prima sfida di calcio femminile fra le nazionali di Corea del Nord e Colombia, sul tabellone dello stadio è apparsa la bandiera di Seoul accanto alle giocatrici del regime di Pyongyang (nella foto, da Twitter). Per protesta la delegazione asiatica si è rifiutata di scendere in campo e il match è iniziato con un'ora di ritardo, dopo che il Comitato ha provveduto a rimediare all'errore e offerto pronte scuse.

    Il via ufficiale alla 30ma edizione delle Olimpiadi estive di Londra 2012 è in programma domani, 27 luglio, con la cerimonia ufficiale nella capitale inglese. Tuttavia, ieri all'Hampden Park di Glasgow si sono disputate le prime sfide di calcio femminile che hanno visto impegnata anche la compagine asiatica. Commentatori e analisti sottolineano che lo scambio di bandiere fra le due Coree è un "errore imbarazzante" e non rappresenta certo l'inizio sperato per i Giochi, anche se "non ha creato danni irreparabili".

    La partita è iniziata con quasi 60 minuti di ritardo e si è reso necessario un grande sforzo diplomatico per convincere i nord-coreani - previo accostamento alla giusta bandiera - a scendere in campo. Dal 1953, anno in cui si conclusa la guerra fra le due Coree, non è mai stato sottoscritto un accordo formale di pace e ancora oggi i rapporti fra i due Paesi vivono di alti e bassi, con episodi di forte tensione che rischiano di sfociare in conflitto.

    Sin Ui Gun, allenatore della nazionale femminile della Corea del Nord, ha dichiarato che "il nostro team non sarebbe sceso in campo" fino a che "non si fosse posto rimedio all'errore". Per la cronaca la sfida è finita con la vittoria per 2 a 0 della Corea del Nord sulla Colombia; tuttavia per il tecnico "vincere la partita non può certo compensare quanto successo". "Eravamo furiosi - conclude - le nostre giocatrici non possono essere accostate ad altre bandiere, in special modo quella sud-coreana. Se non si fosse risolta, non avrebbe avuto senso continuare".

    Finora non sono ancora state chiarite le cause dell'errore e non sono state accertate eventuali responsabilità. In comunicato ufficiale gli organizzatori di Londra 2012 esprimono le "scuse al team e al Comitato olimpico nazionale" e assicurano che "verranno presi opportuni provvedimenti" perché "questo non accada più". Il portavoce Andy Mitchell ha aggiunto che si è trattato di un "errore involontario per il quale ci scusiamo".

    Intanto sui social network come Facebook e Twitter si sono scatenate battute e commenti sull'errore grossolano commesso dagli organizzatori. "Hanno scelto le due nazioni migliori per uno sbaglio di questo tipo" scrive un utente, mentre un secondo aggiunge "colpa dei tagli all'istruzione che non permettono più di studiare storia e geografia".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
    Londra 2012, gli Stati Uniti superano la Cina e tornano in vetta al medagliere olimpico
    Cala il sipario sulla XXX edizione dei Giochi. Passaggio di consegne a Rio de Janeiro, per l’anno 2016. Dopo il trionfo di Pechino 2008, il Dragone torna sul secondo gradino del podio, ma i media patriottici denunciano “ingiustizie”. Fra gare e record, la vittoria della fede (Bolt e Farah) sul relativismo britannico.

    06/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
    Olimpiadi Londra 2012: il riscatto della fede, in un Paese che ha bandito i simboli religiosi
    In Gran Bretagna nei luoghi pubblici e sul lavoro è proibito mostrare segni che richiamano la fede professata. Esemplare la vicenda della hostess licenziata perché indossava una croce. Tuttavia, gli atleti impegnati nella rassegna non nascondono l’appartenenza religiosa. Prima e dopo le gare, segni di croce, prostrazioni e preghiere di ringraziamento.

    03/08/2012 GRAN BRETAGNA – CINA
    Londra 2012: per primeggiare nel medagliere, la Cina “rivendica” due ori kazaki
    Maiya Maneza e Zulfia Chinshanlo, di etnia Dungan, sono nate in territorio cinese ma dal 2007 gareggiano per il Kazakistan. Astana accusa Pechino di “scarsa sportività”. Per la Cina le vittorie sportive hanno un valore politico in chiave nazionalista. E sfrutta gli atleti, per lasciarli nella miseria come successo a Zhang Shangwu.

    02/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
    Londra 2012: non si scusa, ma annuncia il ritiro l’atleta cinese squalificata nel Badminton
    Pechino ha chiesto alle proprie giocatrici “scuse pubbliche” per la squalifica dal torneo olimpico. La Federazione ha cacciato otto giocatrici asiatiche per comportamento antisportivo. Yu Yang e Wang Xiaoli parlano di sogni “mandati in frantumi” e regole sbagliate. Gli internauti cinesi difendono le loro beniamine, che trovano alleati anche al britannico Guardian.

    01/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
    Londra 2012, otto asiatiche del Badminton sotto accusa per “scarso impegno”
    Le atlete fischiate dal pubblico e richiamate dall’arbitro, sono ora sotto indagine della Federazione. Esse provengono da Corea del Sud (due coppie), Cina e Indonesia. La 16enne cinese Ye Shiwen vince anche i 200 misti; ira dei blogger per le “vergognose” accuse di doping a suo carico. Lo statunitense Phelps nella leggenda, con la 19ma medaglia olimpica.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®