21 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 30/07/2012
GRAN BRETAGNA – ASIA
Londra 2012, la Cina è già in vetta al medagliere olimpico
Dopo due giornate di gare, i Figli del Dragone hanno conquistato sei ori, quattro argenti e due bronzi, per un totale di 12 medaglie. Seguono Stati Uniti e Italia. La tiratrice Yi Siling si aggiudica la prima medaglia in palio alla 30ma edizione, vincendo la gara di carabina 10 metri ad aria compressa. Pechino continua a dominare nella specialità dei tuffi.

Londra (AsiaNews) - Inizia oggi la terza giornata di gare della 30ma edizione dei Giochi olimpici, in scena dal 27 luglio al 12 agosto a Londra. In vetta al medagliere troviamo già la Cina, che ha finora collezionato sei ori, quattro argenti e due bronzi, per un totale di 12 medaglie. Al secondo posto gli Stati Uniti, con tre ori, cinque argenti e tre bronzi (11 medaglie in tutto) e, un po' a sorpresa, sul gradino più basso del podio la nazionale italiana con due ori, tre argenti e due bronzi (in tutto sette medaglie). Sotto il segno del Dragone, la Cina si conferma quindi il team più forte in assoluto come già avvenuto nelle precedenti Olimpiadi del 2008 a Pechino; nell'ultima rassegna, infatti, la "macchina da guerra" cinese ha saputo conquistare 51 ori, 21 argenti e 28 bronzi, per un totale di 100 medaglie.

La Cina si è resa subito protagonista della manifestazione, conquistando il primo oro in assoluto della 30ma edizioni dei Giochi. Artefice del primato, la tiratrice Yi Siling (nella foto) che ha vinto la gara nella carabina 10 metri ad aria compressa, con un punteggio di 502,9. Un successo meritato, suggellato nella parte finale con uno score sempre al di sopra dei 10 punti. "La mia stabilità mi ha aiutato moltissimo" ha dichiarato l'atleta al termine della competizione. "Sono stata lontano dalla mia famiglia per oltre un anno - ha aggiunto - e ora mi manca moltissimo".

Dopo aver conquistato sette degli otto ori in palio a Pechino 2008, la Cina si conferma nazione leader nella specialità dei tuffi anche a Londra. Ieri, infatti, il duo He Zi e Wu Minxia ha difeso il titolo nella specialità sincro dal trampolino di tre metri. Per Wu si tratta della terza vittoria olimpica, col primo titolo centrato nel 2004 ad Atene in coppia con Guo Jingjing.

Fra le campionesse olimpiche cinesi vi è anche Guo Wenjun, tornata alle gare dopo aver dato alla luce - solo quattro mesi fa - il proprio figlio. La donna ha centrato il successo nella pistola 10 metri ad aria compressa femminile, come avvenuto già nel 2008 a Pechino. "Ero molto nervosa durante la finale" ha dichiarato raggiante dopo il bis olimpico, ma "mi sono detta di restare calma e ho cercato di pensare solo all'obiettivo".

Fra le nazioni asiatiche, finora si sono aggiudicate una vittoria olimpica a Londra 2012 anche il Kazakistan, la Corea del Sud e la Corea del Nord; memori dell'errore commesso alla partita di calcio inaugurale dei giochi (cfr. AsiaNews 26/07/2012 Londra 2012, gaffe olimpica: gioca Pyongyang, ma la bandiera è sud-coreana), questa volta in occasione della premiazione gli organizzatori non hanno commesso errori sugli stendardi associati agli atleti dei due Paesi.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
13/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
Londra 2012, gli Stati Uniti superano la Cina e tornano in vetta al medagliere olimpico
06/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
Olimpiadi Londra 2012: il riscatto della fede, in un Paese che ha bandito i simboli religiosi
03/08/2012 GRAN BRETAGNA – CINA
Londra 2012: per primeggiare nel medagliere, la Cina “rivendica” due ori kazaki
02/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
Londra 2012: non si scusa, ma annuncia il ritiro l’atleta cinese squalificata nel Badminton
01/08/2012 GRAN BRETAGNA – ASIA
Londra 2012, otto asiatiche del Badminton sotto accusa per “scarso impegno”

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate