26 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  •    - Mongolia
  •    - Russia
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/03/2010, 00.00

    RUSSIA

    Luterani russi sospettati di “terrorismo”. Ignoranza religiosa della polizia



    Con mitragliatrici e provvisti di cani, 11 poliziotti hanno condotto un’ispezione di sicurezza contro “possibili terroristi” durante una cerimonia nella chiesa luterana di san Giorgio a Kaluga. Le forze dell’ordine combattono “l’estremismo religioso” di protestanti e Testimoni di Geova, ma sono ignoranti sui credo e sui diritti umani.
    Mosca (AsiaNews/Agenzie) – In nome della sicurezza e della persecuzione di attività estremiste, in Russia la polizia continua a minare la libertà religiosa di comunità come quella evangelica e dei Testimoni di Geova.
     
    Il 28 febbraio a Kaluga, alcuni agenti armati e accompagnati da cani hanno fatto irruzione nella parrocchia di San Giorgio, degli evangelici luterani, durante una funzione religiosa. La chiesa era stata appena consacrata. A riportare la notizia, con testimonianze dei presenti, è il sito internet luther.ru.
     
    Gli undici agenti sono entrati in parrocchia mentre l'arcivescovo Joseph Baron stava ordinando il pastore Dmitry Martyshenko e hanno sbarrato l'ingresso ai fedeli ancora fuori. Secondo il comandante della squadra, “c'erano segnali che terroristi si riunivano nella chiesa e distribuivano letteratura estremista”. I pastori presenti in chiesa hanno cercato di spiegare che la Bibbia e i libri della confessione augustana non hanno nulla a che fare con la “letteratura estremista”, ma gli agenti non hanno voluto sentire ragioni. Il pastore Martyshenko ha già scritto una lettera di denuncia al plenipotenziario per i diritti umani con in copia l'amministrazione locale di Kaluga.
     
    L'azione violenta della polizia dimostra, secondo alcuni esperti, la pericolosità di una totale mancanza di preparazione in materia religiosa nei corpi di polizia. Il professor Anatoly Pchelintsey del Centro slavo per la legalità spiega che il ministero russo degli Interni ha formato una struttura speciale per combattere l'estremismo, il Centro E, ma il personale che vi lavora non sa nulla di attività e organizzazioni religiose, ne tanto meno conosce la posizione della Corte europea per i diritti umani in materia. Secondo Pchelintsey, sono gli agenti di polizia e non i luterani a rappresentare una minaccia per la sicurezza pubblica.
     
    Le comunità evangeliche sono note per il loro aggressivo proselitismo anche in zone di guerra. Nella Federazione russa, d’altro canto, la Chiesa ortodossa è da sempre molto attenta a tutelare la sua sfera d’influenza contro ogni forma di proselitismo. Nel novembre scorso il ministero della Giustizia ha proposto emendamenti alla legge federale sulla “Libertà di coscienza e le organizzazioni religiose” che, se approvati,vieteranno agli evangelici di pregare senza un’autorizzazione e di contare tra i loro membri, persone “con la fedina penale sporca”.
     
    Come gli evangelici anche i testimoni di Geova nella Federazione russa si trovano ad affrontare azioni che, dietro la giustificazione della lotta all'estremismo, hanno sempre più il carattere della persecuzione. Ultimo episodio è quello dell'arresto nella provincia di Mosca, il 12 marzo, di Yury Gusev, colpevole di trasportare nella sua auto del materiale della comunità, ritenuto “letteratura estremista”.
     
    Arresti, interrogatori e denunce penali ai danni dei Testimoni di Geova, tacciati come “setta” dalle “attitudini non amichevoli verso le altre Chiese”, sono diventate sistematiche in molte regioni della Federazione. Con probabilità le autorità non gradiscono alcune pratiche dei fedeli come l’obiezione di coscienza verso il servizio militare, il rifiuto all’uso delle armi, la rinuncia alle trasfusioni di sangue e la richiesta di dedizione totale degli adepti alla vita della comunità.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/07/2011 RUSSIA
    Nazionalisti ortodossi tentano di impedire il congresso dei Testimoni di Geova
    L’evento dovrebbe svolgersi questo fine settimana, ma l’organizzazione ‘Consiglio del popolo’ chiede al procuratore generale di verificarne la legalità: “I TdG sono una setta pericolosa e violano la legge”.

    21/03/2011 RUSSIA
    Arkhangelsk, Chiesa ortodossa contro le sette, compresi i corsi di yoga
    Le autorità locali scrivono all’eparchia per invitare a tenere lontani dalle scuole “culti distruttivi” come quello dei Testimoni di Geova. Ma per i responsabili religiosi incombe anche il problema dello yoga, pratica che fa vero “reclutamento” negli spazi pubblici.

    21/04/2017 11:24:00 RUSSIA
    Corte suprema di Mosca: I Testimoni di Geova sono fuorilegge

    Sono “una minaccia ai diritti dei cittadini, all’ordine pubblico e alla sicurezza pubblica”. Preoccupazione dei membri e rappresentanti del movimento, che faranno appello. 



    27/03/2010 RUSSIA
    Testimoni di Geova“estremisti” e “ostili”: sequestri e incendi
    A Tambov sono state sequestrate bibbie, libri, computer. Continuano anche le violenze contro i membri. Una Sala del regno è stata bruciata a Budennovsk (Stavropol).

    08/07/2010 RUSSIA
    Rostov, su pressione degli ortodossi, negato il permesso per una chiesa ai pentecostali
    La chiesa di Cristo Salvatore doveva sorgere nel villaggio cosacco di Veshenskaia. L’avvocato dei pentecostali: Sono bastate 20 firme degli ortodossi contro una popolazione di 10 mila persone. I protestanti accusati di essere “corruttori morali”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®