30/09/2015, 00.00
CINA
Invia ad un amico

Lutto per le Madri di Tiananmen: morto il fondatore Jiang Peikun

Insieme alla moglie Ding Zilin, l’ex professore di lettere alla Renmin University di Pechino era l’anima del gruppo che chiede giustizia e verità per le vittime del massacro del 1989. Dopo 26 anni ancora nessuna risposta da parte del governo.

Pechino (AsiaNews) – Le Madri di Tiananmen, il gruppo che da 26 anni chiede al governo cinese “giustizia e verità” riguardo il massacro del 4 giugno 1989, commemorano la morte del fondatore Jiang Peikun e chiedono “quiete e rispetto” per la vedova Ding Zilin. Jiang, ex professore di lettere alla Renmin University di Pechino, è scomparso a 82 anni lo scorso 27 settembre per un attacco di cuore. La sua malattia, dicono i compagni di lotta, “nasce dalla continua persecuzione delle autorità”.

Le Madri di Tiananmen sono un gruppo formato da 125 familiari delle vittime della strage del 4 giugno 1989, quando le truppe dell’esercito nazionale, appoggiate dai carri armati, massacrarono i manifestanti inermi che da oltre un mese invocavano democrazia e la fine della corruzione per la società cinese nelle strade della capitale cinese. Il bilancio di quel massacro non è mai stato pubblicato dal governo, ma organizzazioni internazionali indipendenti dicono che attorno alla piazza, nelle vie laterali e nei giorni seguenti al 4 giugno sono state uccise alcune migliaia di persone.

Il gruppo è da tempo guidato da Ding Zilin, che lo ha preso in carico dopo il peggioramento della salute del marito. La donna, secondo fonti di Radio Free Asia, ora “non vuole essere disturbata”. La portavoce delle Madri, You Weijie, dice: “Ha staccato il telefono e non vuole ricevere comunicazioni dai media. Non credo che potrebbe sopportarle al momento. Tutto è avvenuto in fretta, ed è molto doloroso per lei”.

Zhang Xianling, che ha perso il figlio 19enne durante il massacro, aggiunge: “Anche la sua salute non è buona, e questo è stato un grande shock. Spero che non venga disturbata troppo, perché questo aggiungerebbe soltanto altro peso a quello che già deve portare con sé”.

Da 26 anni le Madri di Tiananmen chiedono al governo centrale una revisione del giudizio sulla protesta di operai e studenti, ufficialmente definita “controrivoluzionaria”, e un risarcimento per le famiglie delle vittime. Ma più di tutto chiedono, ogni anno in occasione dell’anniversario, che Pechino apra gli archivi ufficiali e mostri le responsabilità storiche di quanto avvenuto nel cuore della capitale nella notte fra il 3 e il 4 giugno 1989.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Amnesty: Pechino faccia i conti con il massacro di Tiananmen
03/06/2005
Madri di Tiananmen a Xi Jinping: Il massacro del 4 giugno un crimine contro l’umanità
02/06/2018 10:04
Madri di Tiananmen: Il Partito riconosca il massacro del 4 giugno, altrimenti è finito
01/06/2016 14:48
Strage di Tiananmen, si suicida il padre di uno degli studenti uccisi nell’89
28/05/2012
Le “Madri di Tiananmen” chiedono la verità sul massacro del 1989
01/03/2007