13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 02/09/2008, 00.00

    RUSSIA

    Magomed Yevloyev, critico del Cremlino, ucciso dalla polizia



    Il suo sito attaccava il presidente dell’Ingushezia, grande amico di Vladimir Putin. Secondo la polizia, la morte è stata “accidentale”. Nel mondo russo il mestiere dei giornalisti è fra i più pericolosi.

    Mosca (AsiaNews) – Magomed Yevloyev, personalità molto critica verso la politica del Cremlino, è stato ucciso mentre era nelle mani della polizia. La versione ufficiale è che  è “un incidente”.

    Magomed Yevloyev era fondatore e responsabile del sito Ingushetia.ru, molto stimato come fonte di informazione nella regione, e molto critico verso il presidente dell’Ingushetia, Murat Zyazikov, grande amico del premier Vladimir Putin ed ex generale del Kgb.

    Secondo il suo sito, Yevloyev era stato arrestato il 31 agosto a Nazran (Magas) al suo arrivo all’aeroporto. Il presidente Zyazikov era sullo stesso aereo. All’aeroporto Zyazikov ha ordinato alla polizia di arrestare Yevloyev e di portarlo via in macchina. Il suo corpo è stato poi consegnato all’ospedale di Nazran con un colpo in testa.

    Vladimir Markin, portavoce della Procura, ha dichiarato che si è trattato di “un incidente”: pare che mentre era in macchina, Yevloyev abbia cercato di scansare il fucile di un poliziotto che, “accidentalmente” gli ha sparato. I suoi colleghi e attivisti rifiutano la spiegazione. La Procura ha aperto un’inchiesta. Ieri intanto,  a Nazran, attorno alla bara del defunto, oltre 1000 persone si sono radunate nella piazza centrale per domandare le dimissioni di Zyazikov.

    L’Ingushezia, con circa mezzo milione di persone a maggioranza musulmana, è una delle regioni del nord Caucaso in difficili rapporti con Mosca. In passato ha subito le tensioni fra Russia e la confinate Cecenia. Mentre la Cecenia vive ora un periodo tranquillo, in Ingushezia crescono scontri con guerriglieri e pressioni per dichiarare la secessione dalla Russia.

    Il sito Ingushetia.ru è da tempo nel mirino delle autorità russe. Nel giugno scorso aveva ricevuto l’ordine di chiudere perché “disseminava visioni estremiste”. L’anno scorso il sito era stato oscurato dopo aver pubblicato proteste contro l’amministrazione locale, accusata di corruzione.

    Rosa Malsagova, caporedattore del sito, ha detto che cercherà asilo in Francia.

    La Russia sembra essere uno dei posti più pericolosi per i giornalisti. Fra le vittime più importanti in questo settore vi sono:

    -         Ivan Safronov, corrispondente del Kommersant, caduto dal balcone della sua casa nel marzo 2007. La procura ha bloccato ogni ricerca e dichiarato che era “un suicidio”. Safronov stava indagando su importanti risvolti di un commercio delle armi.

    -         Anna Politkovskaya, strenua critica dell’allora presidente Putin, dei suoi abusi in Cecenia e delle violenze dell’esercito. È stata uccisa davanti alla porta del suo appartamento nell’ottobre 2006.

    -         Paul Klebinov, responsabile dell’edizione in russo della rivista Forbes, ucciso per strada a Mosca nel luglio 2004. Aveva pubblicato molti reportage sui traffici sporchi della nuova oligarchia russa.

    -         Yuri Shchekochikhin, vicedirettore della Novaya Gazeta, morto di avvelenamento nel luglio 2003. Sembra abbia ingerito sostanze radioattive che lo hanno portato alla morte. Aveva raccolto prove sulla corruzione di alcuni alti ufficiali dell’Fsb, i servizi segreti eredi del Kgb.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    08/10/2016 11:59:00 RUSSIA
    Colleghi e amici ricordano Anna Politkovskaya, “giornalista con la forza della compassione”

    Nel 10° anniversario della sua uccisione, sono sempre meno le persone che la ricordano. Ma per molti è ancora un esempio. Le critiche a Kadyrov  e a Putin. Il ricordo della figlia dell’attivista Natalia Estemirova, amica di Anna e uccisa in Caucaso nel 2009.



    09/10/2006 russia
    Una pista cecena (pro-Putin) per l'assassinio di Anna Politkovskaja

    Aveva prove inconfutabili per accusare di atti criminali i leader ceceni appoggiati da Mosca.Il mondo chiede inchieste ed esprime tristezza, mentre il Cremino rimane silenzioso.



    08/10/2008 RUSSIA
    Anna Politkovskaya, come Sakarov e Solzenicyn
    Centinaia di persone hanno ricordato ieri la giornalista uccisa due anni fa. La Russia uno dei Paesi più pericolosi al mondo per i giornalisti. Il suo messaggio è un appello a credenti e non credenti a osare nell’andare a fondo della verità. Un’analisi del prof. Viktor Khroul, docente di giornalismo all’università di Mosca.

    18/11/2008 RUSSIA
    Processo a porte aperte per l’assassinio della Politkovskaya
    Decine di corrispondenti stranieri, giornalisti locali e cittadini russi vogliono seguire il processo. Ilya, il figlio della giornalista assassinata, dice però che mancano i veri mandanti dell’uccisione. Tutti sospettano del presidente ceceno Ramzan Kadyrov, ma finora non è mai stato interrogato.

    04/11/2003 RUSSIA
    Capitalismo in riflusso

    La Russia sembra condannata a rinchiudersi nella mancanza di libertà economica, religiosa e politica, ripetendo gli errori del passato. Un esperto di "cose russe", analizza per AsiaNews gli ultimi avvenimenti del gigante est-europeo.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®