24 Settembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 27/10/2009, 00.00

    INDIA

    Maharashtra, 6 mila cristiani riconvertiti all’induismo da gruppi estremisti

    Nirmala Carvalho

    Cerimonia spettacolare e ampia pubblicità. Secondo il Global Council of Indian Christians tale propaganda “mira a sconvolgere l’armonia” e conta sulla connivenza dell’autorità pubblica. Continuano le violenze contro i cristiani.
    Mumbai (AsiaNews) - Almeno 6mila cristiani sono stati riconvertiti all'induismo per l'opera del gruppo dello Swami Narendra Maharaj. La cerimonia è avvenuta il 26 ottobre a Thane, ad una cinquantina di km da Mumbai (Maharashtra). Già nel recente passato il gruppo ha celebrato il ritorno all’induismo di migliaia di neo-convertiti al cristianesimo (vedi AsiaNews, 08/04/2009, “In migliaia si riconvertono all’induismo: verità o propaganda?”). Intanto in diverse parti del Paese continuano le vilene anti-cristiane.
     
    La riconversione all'induismo è la missione specifica del gruppo guidato dal guru Narendra Maharaj. Due volte l’anno essi organizzano cerimonie in grande stile per il ritorno alla religione tradizionale dell’India. Il portavoce del gruppo afferma che con gli ultimi 6mila casi il numero totale dei riconvertiti è giunto ormai a 94mila e preannuncia che “entro i prossimi due anni verrà raggiunta quota 100mila”.
     
    Il fenomeno è molto diffuso nella zona suburbana di Mumbai e i seguaci di Narendra Maharaj sono aiutati da diverse organizzazioni nel lavoro di identificazione delle persone da riconvertire. Il portavoce afferma che si tratta di “uomini sventurati convertiti con la forza al cristianesimo” che tornano all’induismo “senza nessuna costrizione o garanzia”. Molti gruppi radicali indù accusano le Chiese cristiane di operare conversioni forzate, attraverso favori economici o lavaggio del cervello. Ma finora non è mai stato presentato davanti alla legge alcun fatto concreto. Tali accuse servono però a giustificare cerimonie come quella di Thana e le violenze che i cristiani continuano a subire.
     
    Sajan George, presidente del Global Council of Indian Christians (Gcic), manifesta ad AsiaNews profondo disappunto per la cerimonia di riconversione. Essa “mira a sconvolgere l’armonia” e “non solo viene organizzata come uno spettacolo pubblico, ma viene anche annunciata con largo anticipo”.
     
    Il presidente del Gcic protesta per la totale assenza delle autorità che permettono al gruppo dello Swami Narendra Maharaj di usare le cerimonie di riconversione a fini propagandistici: “Dove è la polizia adesso? Perché resta in silenzio quando vengono inscenate cerimonie come quella di Thane?”.
     
    Sajan George ricorda che “i cristiani vengono arrestati anche quando si ritrovano a pregare nel privato delle loro case, o se solo distribuiscono letteratura di contenuto religioso, nonostante questi siano diritti garantiti dalla Costituzione”. La polizia agisce sulla base degli articoli 153A e 295A l codice penale indiano. Il primo punisce “la promozione di ostilità tra gruppi differenti sulla base della religione” e “le azioni che pregiudicano il mantenimento dell’armonia”. Il secondo articolo riguarda invece “atti deliberati e ostili che oltraggiano il sentimento religioso”. George afferma che solo un intento discriminatorio può spiegare il comportamento dell’autorità statale: zelante nell’impugnare queste leggi contro i cristiani e “muta spettatrice quando viene sbandierata una riconversione all’induismo di 6mila persone”.
     
    Il presidente del Gcic ricorda che le violenze degli estremisti indù contro i cristiani non si fermano. Il 25 ottobre nel Madyha Prdaesh un pastore protestante è stato assalito da 11 estremisti, armati di mazze da hockey, subito dopo le celebrazioni domenicali. Nello stesso giorno, 50 radicali indù hanno fatto irruzione in un assemblea di fedeli nel Karnataka picchiando il pastore, bruciando bibbie e minacciando tutti i fedeli.
     
    Nel 2009 il Gcic ha registrato centinaia di casi di violenze contro i cristiani sparsi tra Karnataka, Andhra Pradesh, Madhya Pradesh e Orissa. Questi ultimi due Stati, insieme a Chhattisgarh, Himachal Pradesh e Gujarat, hanno in vigore una legge anti-conversione che obbliga le persone che intendono cambiare religione a presentarsi presso le autorità pubbliche, motivare la loro scelta e provare di non essere state costrette a cambiare fede. Nel caso del passaggio dall’induismo al cristianesimo questa procedura è fatta rispettare alla lettera e talvolta utilizzata per ostacolare la conversione. Quando il cambio di religione riguarda invece la scelta o il ritorno all’induismo la procedura è aggirata e l’autorità pubblica non interviene per farla rispettare.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/03/2011 INDIA
    Orissa, arrestati 12 tribali convertiti al cristianesimo senza il permesso delle autorità
    Essi hanno violato l’Orissa Freedom of Religion act. La polizia ha lanciato un mandato di cattura contro i due pastori protestanti responsabili della conversione. Sajan K. George presidente del Consiglio dei cristiani indiani: “Quanto commesso è scandaloso ed è una parodia della visione nobile alla base degli ideali sanciti nella Costituzione indiana”.

    18/06/2014 INDIA
    India, ancora violenze anti-cristiane: aumenta la paura e l'insicurezza delle minoranze
    Gli attacchi ad opera di fondamentalisti indù sono avvenuti in Chhattisgarh e Madhya Pradesh. Il Global Council of Indian Christians (Gcic) ad AsiaNews: "Questi gruppi radicali si proclamano difensori dell'induismo solo perché professano la religione praticata dalla maggioranza".

    27/02/2007 INDIA
    Cristiani portano all’Alta Corte la legge anti-conversione dell’Himachal Pradesh
    Dopo l’entrata in vigore della controversa legge, la comunità cristiana e i dalit si appellano all’Alta Corte; attivista cristiano ha definito la norma “inaccettabile, un tradimento alle promesse del partito del Congress di considerare le esigenze delle minoranze religiose in India”.

    11/08/2017 12:12:00 INDIA-NEPAL
    Bihar, due coppie cristiane nepalesi fermate per ‘conversioni forzate’

    I quattro nepalesi hanno evangelizzato per un mese alcuni quartieri della città di Muzaffarpur. Sono accusati di aver tentato di convertire i poveri con allettamenti in denaro. Ma non vi è alcuna prova. La Costituzione indiana garantisce il diritto di propagare la propria fede.



    28/04/2008 INDIA
    Riconvertiti all’induismo 1793 cristiani
    Leader indù: i missionari cristiani usano mezzi “allettanti e fuorvianti”, occorrono leggi anti-conversione. Vescovo di Mumbai: si faccia avanti chi si dice convertito “con forza o inganno”, il legislatore si occupi piuttosto di dare a tutti acqua potabile, casa e istruzione.



    In evidenza

    GIAPPONE-VATICANO
    Mons. Kikuchi: In sintonia col papa e il card. Filoni per la missione in Giappone

    Tarcisio Isao Kikuchi

    Il vescovo di Niigata e presidente di Caritas Japan commenta a caldo il messaggio papale inviato ieri ai vescovi del Giappone. Le tappe del viaggio del card. Filoni, che toccherà anche Fukushima. Rimane ancora “irrisolta” la questione del rapporto con il Cammino neocatecumenale.


    VATICANO-GIAPPONE
    Papa ai vescovi giapponesi: Siate sale e luce della società, anche andando contro-corrente



    In occasione della visita pastorale del card. Fernando Filoni, Prefetto di Propaganda Fide, nel Paese del Sol levante, papa Francesco spinge i vescovi e la Chiesa giapponese a rinnovare il loro impegno missionario nella società, segnata da suicidi, divorzi, formalismo religioso, povertà materiale e spirituale. La richiesta di collaborare coi movimenti ecclesiali, forse in memoria delle polemiche passate con il Cammino neocatecumenale.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®