18 Gennaio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 16/03/2011, 00.00

    MALAYSIA

    Malaysia: il governo sblocca le 35mila Bibbie fermate per la diatriba sul termine “Allah”



    Kuala Lumpur cede alle pressioni e alle proteste, e permette che le Bibbie importate dall’Indonesia entrino nel Paese. I libri porteranno la sovrascritta “Solo per cristiani”. Il timore che possano avvenire conversioni dall’ islam.

    Kuala Lumpur (AsiaNews/Agenzie) – Il governo ha sbloccato 35mila bibbie in lingua malay ferme al porto di destinazione. E’ stato il governo stesso ad annunciare la decisione, dopo la polemica legata all’uso della parola “Allah” per significare “Dio”. Il governo aveva proibito l’uso del termine Allah da parte dei cristiani, in particolare del giornale cattolico “Herald”. La Corte suprema ha dato ragione ai cristiani, ma il governo ha fatto appello, e nel frattempo ha bloccato due carichi di Bibbie provenienti dall’Indonesia. (12/03/2011 Cristiani protestano: il governo blocca 30mila Bibbie in lingua malay ).

    Il rilascio è legato a una legge del 1982 che permette“una limitata e controllata importazione e circolazione di Bibbie in lingua malay, con la sovrascritta: ‘Solo per cristiani’”, ha spiegato Idris Jala, un funzionario del dipartimento del Primo ministro. “Questo è un compromesso ragionevole per gestire la polarizzazione di opinioni fra cristiani e musulmani nel paese”, ha aggiunto il funzionario. Il governo aveva detto in precedenza che l’uso del termine “Allah” per indicare Dio da parte della minoranza cristiana potrebbe causare confusione e incoraggiare le conversioni dall’islam, illegali nel paese a maggioranza musulmana.

    Il 60% dei malaysiani sono musulmani sunniti (religione ufficiale del paese); circa il 19% pratica il buddismo; il 9% sono cristiani e il 6% induisti. Il restante è diviso fra religioni cinesi e filosofie e credenze tradizionali.

    Il 14 marzo il vescovo della diocesi di Malacca-Johor, Paul Tan, aveva protestato ufficialmente, con una rara presa di posizione, contro il blocco delle Bibbie (“Al Kitab”, in malay) definendo la decisione “un flagrante esempio di ipocrisia”, e “una violazione del diritto fondamentale della libertà di religione garantito dalla Costituzione federale, ed è difeso da papa Benedetto XVI come il diritto di proteggere la dignità della persona umana e la sua libertà di coscienza”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/03/2011 MALAYSIA
    Le Chiese in Malaysia rifiutano le Bibbie bloccate e deturpate dal governo
    I cristiani si rifiutano di ritirare le Bibbie bloccate da due anni, e liberate solo dopo la stampigliatura sulla copertina: “Al Kitab Berita Baik è solo per l’uso dei cristiani. Per ordine del ministero degli Interni”. Il vescovo Ng Moon Hing, presidente della Federazione dei cristiani malaysiani: “Questo è pienamente offensivo per i cristiani”.

    23/03/2011 MALAYSIA
    Bibbie sequestrate: Kuala Lumpur fa marcia indietro. I cristiani valutano la proposta
    Sulle Bibbie non apparirà più il numero seriale, la scritta ”Solo per cristiani” e il sigillo del ministero degli Interni, ma solamente la stampigliatura: “Per la cristianità”. La questione è legata all’uso del termine “Allah” per indicare Dio da parte dei non musulmani.

    09/08/2011 MALAYSIA
    Mons. Paul Tan: la politica in Malaysia cerca lo scontro fra religioni
    Il presule di Melaka-Johor sostiene che sono alcuni politici i responsabili delle numerose controversie che hanno coinvolto la fede cristiana di recente. Rigetta le accuse di proselitismo lanciate da un funzionario: “Credo che gli interessi dei musulmani siano protetti meglio se i loro rappresentanti dicono la verità, che non facendo ipotesi allarmistiche”.

    30/10/2013 MALAYSIA
    Sabah, "sequestro preventivo" del settimanale cattolico che non può più usare la parola "Allah"
    Duemila copie dell’Herald bloccate all’aeroporto di Kota Kinabalu. Il via libera arrivato a distanza di giorni, grazie all’intervento dell’arcidiocesi di Kuala Lumpur che ha interpellato un politico cattolico locale. Il sequestro ha di fatto impedito la distribuzione delle copie per la messa domenicale. Gruppi attivisti: violata la libertà religiosa.

    14/10/2013 MALAYSIA
    Malaysia, proibito ai cristiani l’uso della parola "Allah". Cattolici annunciano ricorso
    Questa mattina il tribunale di secondo grado ha stabilito che la parola è di uso “esclusivo” dei musulmani. Il direttore di "Herald Malaysia", p. Lawrence, si dice “contrariato e sbigottito” e si rivolgerà alla Corte federale per ottenere giustizia. Ministro dello Stato di Sarawak (Borneo) assicura: Da noi i cristiani potranno continuare a usare la parola Allah.



    In evidenza

    COREA
    La Corea del Nord invierà una delegazione olimpica di alto livello a Pyeongchang



    Dopo due anni di tensioni, il primo incontro fra delegazioni di Nord e Sud Corea. Seoul propone che gli atleti di Nord e Sud marcino fianco a fianco nelle cerimonie di apertura e chiusura dei Giochi (9-25 febbraio 2018).


    VATICANO
    Papa: il rispetto dei diritti di persone e nazioni essenziale per la pace



    Nel discorso ai diplomatici Francesco ha chiesto la soluzione di conflitti – a partire dalla Siria – e tensioni – dalla Corea a Ucraina, Yemen , Sud Sudan e Venezuela – e auspicato accoglienza per i migranti e per gli “scartati”, come i bambini non nati o gli anziani e rispetto per i diritti alla libertà religiosa e di opinione, al lavoro.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®