30 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 14/03/2017, 15.38

    MYANMAR

    Mandalay: Leader politici, etnici e religiosi ai colloqui di pace targati Nld

    Yaung Ni Oo

    Obiettivo dell’incontro del 18 marzo allentare le tensioni confessionali e favorire il dialogo fra etnie e fedi. Presenti personalità politiche di livello nazionale. Allo studio un percorso di sviluppo in chiave “federale” del Paese, a tutela delle minoranze. Leader Nld: Affrontare insieme i problemi, senza ricorrere alla violenza.

     

    Mandalay (AsiaNews) - Colloqui di pace su scala nazionale, cui parteciperanno leader delle principali religioni, insieme a esponenti del governo centrale, per allentare le tensioni confessionali e favorire il dialogo e l’incontro fra fedi ed etnie diverse del Paese. Sono questi gli obiettivi dell’evento intitolato “Incontro amichevole fra fratelli e sorelle che coesistono da sempre in Myanmar”, in programma il 18 marzo prossimo presso le sale del municipio di Mandalay.

    U Tin Tun Oo, responsabile della sezione locale della Lega nazionale per la democrazia (Nld), il partito di Aung San Suu Kyi oggi al potere nella ex Birmania, conferma la presenza di “personalità” di livello nazionale. Insieme a loro si discuterà di come promuovere una coesistenza pacifica fra tutti i cittadini del Myanmar, in un periodo di forti contrasti etnico-religiosi.

    L’esponente dei democratici aggiunge inoltre che l’incontro potrà aiutare nel percorso di sviluppo di uno status “federale” per il Paese, in grado di tutelare le minoranze e garantire maggiore partecipazione alle diverse etnie (circa 135) spesso in lotta col potere centrale.

    “Mandalay è stata la capitale culturale - sottolinea U Tin Tun Oo - per persone di religioni diverse. Abbiamo una storia di coesistenza pacifica alle spalle. Vogliamo questa pace anche per il futuro. I problemi e le difficoltà possono essere affrontati e risolti insieme, in modo pacifico e senza ricorrere all’uso della violenza”.

    Commentando l’iniziativa il pastore cristiano protestante U Saw Win Aun sottolinea che “vogliamo invitare quante più persone possibili. Ciascuna religione dovrebbe poter avere un rappresentate all’incontro”.

    Pace e coesistenza sono uno degli obiettivi della leadership del Myanmar, che di recente ha rilanciato la richiesta di cessate il fuoco a tutti i gruppi etnici ribelli. Del resto ancora oggi sono in atto molti conflitti e focolai di violenza - Kachin nel nord, Rohingya nell’ovest, il monaco nazionalista U Wirathu - che insanguinano il Paese e ne frenano lo sviluppo. Un’azione sostenuta con forza anche dalla Chiesa birmana che invoca un “pellegrinaggio di pace per tutto il Myanmar”.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/05/2015 MYANMAR
    Myanmar: a rischio il piano di pace, tre etnie minacciano di abbandonare i dialoghi
    La decisione conseguenza dei reiterati attacchi dell’esercito governativo. Le operazioni militari complicano il già “fragile” dialogo per la pace. Dal governo di Naypyidaw pressioni sugli altri gruppi per escludere i movimenti “ribelli”. Nuovo fronte di scontro fra autorità birmane e leader Kachin.

    20/10/2004 myanmar
    Myanmar: nuovo primo ministro
    È il generale Soe Win, esponente della linea dura contro i movimenti democratici.

    28/03/2013 MYANMAR
    L’esercito "ha sempre un ruolo centrale” in Myanmar
    Lo ha detto il generale Min Aung Hlaing durante la parata militare di ieri nella capitale. Esso rimane una “forza politica e di pace” a garanzia della “stabilità interna”. Respinte le accuse di genocidio e crimini di guerra. All’evento ha partecipato per la prima volta anche la leader dell’opposizione Aung San Suu Kyi.

    13/12/2004 MYANMAR
    Monaci accusano: "Il regime si fa propaganda con il buddismo"

    Al vertice mondiale buddista di Yangon, molte delegazioni non hanno partecipato  per protesta. Almeno 400 i monaci buddisti rinchiusi nelle prigioni con pene da 15 a 20 anni.



    26/10/2007 MYANMAR
    Autorità buddiste: rifiutate le offerte dei militari
    Per la fine del digiuno buddista, la giunta ha assoldato finti monaci che accolgano i loro doni. I responsabili dei monasteri hanno invece chiesto a tutti i bonzi di non accettare alcuna offerta dalle autorità, pena la “scomunica”. Il ministro per la Religione chiede ai monaci di “comprendere” le ragioni della repressione.



    In evidenza

    EGITTO – VATICANO
    Papa in Egitto: l’Egitto chiamato a condannare violenza e povertà in Medio Oriente



    Nel discorso alle autorità Francesco sottolinea ruolo e responsabilità del Cairo nel futuro della regione. “Di fronte a uno scenario mondiale delicato e complesso, che fa pensare a quella che ho chiamato una ‘guerra mondiale a pezzi’, occorre affermare che non si può costruire la civiltà senza ripudiare ogni ideologia del male, della violenza e ogni interpretazione estremista che pretende di annullare l’altro e di annientare le diversità manipolando e oltraggiando il Sacro Nome di Dio”.


    ISLAM-VATICANO-EGITTO
    Un musulmano scrive al papa : Caro papa Francesco,..

    Kamel Abderrahmani

    L’ammirazione per la carità mostrata dal pontefice verso i rifugiati musulmani siriani, per il suo spingere all’amore e nel denunciare l’odio. “I nostri ulema non sono così” e non denunciano l’odio di Daesh e non fanno nulla per i cristiani. La richiesta perché nel viaggio in Egitto, spinga il presidente al Sisi e Al Azhar alla riforma dell’islam. Senza di questo Al Azhar rischia di essere l’accademia del fondamentalismo mondiale. Dal nostro amico e collaboratore Kamel Abderrahmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®