3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/08/2012
FILIPPINE
Manila, 16 morti e oltre 700mila sfollati per le alluvioni
Da 72 ore piove senza sosta. Colpite la capitale e le province settentrionali dell'isola di Luzon. Sono 90 le municipalità sommerse o spazzate via dalla furia delle acque.

Manila (AsiaNews/ Agenzie) - Sale a 16 morti il bilancio delle alluvioni causate dalle piogge monsoniche che hanno colpito Manila e diverse province dell'isola di Luzon, dove da 72 ore piove senza sosta. Oltre alla capitale le province più colpite sono Ilocos, Central Luzon, Calabarzon, Mimaropa, con oltre 90 municipalità inondate dalle acque. Secondo il National Disaster Risk Reduction and Management Council, gli sfollati sono quasi 1,5 milioni, di questi circa 700mila sono ospitati nei centri di evacuazione e in altri ripari di fortuna organizzati dai soccorsi e dalle comunità locali. 

Benito Ramos, responsabile del dipartimento per i disastri naturali, afferma "che i soccorsi sono in stato di massima allerta. Anche se in diverse aree l'acqua ha smesso di salire, milioni di persone sono bloccate sui tetti delle loro abitazioni". Egli spiega che molta gente si è rifiutata di abbandonare la propria casa per paura degli sciacalli. Nelle aree più a rischio il personale di soccorso ha portato aiuti casa per casa. Oggi, il presidente Benigno Aquino ha chiesto alla popolazione di collaborare e di essere solidale. "Il governo - ha affermato - non ha infinite capacità" che deve riservare per chi è più in difficoltà.  

Ieri, le autorità hanno stanziato circa 300mila euro in aiuti umanitari. Il personale di soccorso è affiancato da oltre 5mila soldati dell'esercito e da uomini della guardia costiera. A causa delle alluvioni l'inflazione è salita al 3,2%, rispetto al 2,8% di giugno. 

Oggi, i meteorologi hanno annunciato un miglioramento per i prossimi giorni, anche se continuerà a piovere in diverse aree, soprattutto nelle province del Nord del Paese. La scorsa settimana l'isola di Luzon è stata colpita dal tifone Saola che ha fatto oltre 50 morti e danni per oltre 8 milioni di euro. Le alluvioni di questi giorni sono le più forti dal 2009. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/08/2012 FILIPPINE
Piogge torrenziali sommergono Manila. Otto morti
17/12/2011 FILIPPINE
Tempesta tropicale a Mindanao: 143 morti e centinaia di dispersi
24/06/2011 FILIPPINE
Manila, 11 dispersi e 50mila sfollati per la tempesta tropicale Falcon
09/12/2004 FILIPPINE
Trovati vivi dopo 10 giorni sotto il fango dei tifoni
14/07/2010 FILIPPINE
Inizia la stagione dei tifoni nelle Filippine: 20 morti e decine dispersi

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate