20 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 08/08/2012
FILIPPINE
Manila, 16 morti e oltre 700mila sfollati per le alluvioni
Da 72 ore piove senza sosta. Colpite la capitale e le province settentrionali dell'isola di Luzon. Sono 90 le municipalità sommerse o spazzate via dalla furia delle acque.

Manila (AsiaNews/ Agenzie) - Sale a 16 morti il bilancio delle alluvioni causate dalle piogge monsoniche che hanno colpito Manila e diverse province dell'isola di Luzon, dove da 72 ore piove senza sosta. Oltre alla capitale le province più colpite sono Ilocos, Central Luzon, Calabarzon, Mimaropa, con oltre 90 municipalità inondate dalle acque. Secondo il National Disaster Risk Reduction and Management Council, gli sfollati sono quasi 1,5 milioni, di questi circa 700mila sono ospitati nei centri di evacuazione e in altri ripari di fortuna organizzati dai soccorsi e dalle comunità locali. 

Benito Ramos, responsabile del dipartimento per i disastri naturali, afferma "che i soccorsi sono in stato di massima allerta. Anche se in diverse aree l'acqua ha smesso di salire, milioni di persone sono bloccate sui tetti delle loro abitazioni". Egli spiega che molta gente si è rifiutata di abbandonare la propria casa per paura degli sciacalli. Nelle aree più a rischio il personale di soccorso ha portato aiuti casa per casa. Oggi, il presidente Benigno Aquino ha chiesto alla popolazione di collaborare e di essere solidale. "Il governo - ha affermato - non ha infinite capacità" che deve riservare per chi è più in difficoltà.  

Ieri, le autorità hanno stanziato circa 300mila euro in aiuti umanitari. Il personale di soccorso è affiancato da oltre 5mila soldati dell'esercito e da uomini della guardia costiera. A causa delle alluvioni l'inflazione è salita al 3,2%, rispetto al 2,8% di giugno. 

Oggi, i meteorologi hanno annunciato un miglioramento per i prossimi giorni, anche se continuerà a piovere in diverse aree, soprattutto nelle province del Nord del Paese. La scorsa settimana l'isola di Luzon è stata colpita dal tifone Saola che ha fatto oltre 50 morti e danni per oltre 8 milioni di euro. Le alluvioni di questi giorni sono le più forti dal 2009. 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
07/08/2012 FILIPPINE
Piogge torrenziali sommergono Manila. Otto morti
17/12/2011 FILIPPINE
Tempesta tropicale a Mindanao: 143 morti e centinaia di dispersi
24/06/2011 FILIPPINE
Manila, 11 dispersi e 50mila sfollati per la tempesta tropicale Falcon
09/12/2004 FILIPPINE
Trovati vivi dopo 10 giorni sotto il fango dei tifoni
14/07/2010 FILIPPINE
Inizia la stagione dei tifoni nelle Filippine: 20 morti e decine dispersi

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate