26 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 08/08/2012, 00.00

    FILIPPINE

    Manila, 16 morti e oltre 700mila sfollati per le alluvioni



    Da 72 ore piove senza sosta. Colpite la capitale e le province settentrionali dell'isola di Luzon. Sono 90 le municipalità sommerse o spazzate via dalla furia delle acque.

    Manila (AsiaNews/ Agenzie) - Sale a 16 morti il bilancio delle alluvioni causate dalle piogge monsoniche che hanno colpito Manila e diverse province dell'isola di Luzon, dove da 72 ore piove senza sosta. Oltre alla capitale le province più colpite sono Ilocos, Central Luzon, Calabarzon, Mimaropa, con oltre 90 municipalità inondate dalle acque. Secondo il National Disaster Risk Reduction and Management Council, gli sfollati sono quasi 1,5 milioni, di questi circa 700mila sono ospitati nei centri di evacuazione e in altri ripari di fortuna organizzati dai soccorsi e dalle comunità locali. 

    Benito Ramos, responsabile del dipartimento per i disastri naturali, afferma "che i soccorsi sono in stato di massima allerta. Anche se in diverse aree l'acqua ha smesso di salire, milioni di persone sono bloccate sui tetti delle loro abitazioni". Egli spiega che molta gente si è rifiutata di abbandonare la propria casa per paura degli sciacalli. Nelle aree più a rischio il personale di soccorso ha portato aiuti casa per casa. Oggi, il presidente Benigno Aquino ha chiesto alla popolazione di collaborare e di essere solidale. "Il governo - ha affermato - non ha infinite capacità" che deve riservare per chi è più in difficoltà.  

    Ieri, le autorità hanno stanziato circa 300mila euro in aiuti umanitari. Il personale di soccorso è affiancato da oltre 5mila soldati dell'esercito e da uomini della guardia costiera. A causa delle alluvioni l'inflazione è salita al 3,2%, rispetto al 2,8% di giugno. 

    Oggi, i meteorologi hanno annunciato un miglioramento per i prossimi giorni, anche se continuerà a piovere in diverse aree, soprattutto nelle province del Nord del Paese. La scorsa settimana l'isola di Luzon è stata colpita dal tifone Saola che ha fatto oltre 50 morti e danni per oltre 8 milioni di euro. Le alluvioni di questi giorni sono le più forti dal 2009. 

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    07/08/2012 FILIPPINE
    Piogge torrenziali sommergono Manila. Otto morti
    In alcune aree del centro l'acqua ha superato i tre metri. Decine di migliaia di sfollati. Il governo chiude scuole, uffici pubblici e la borsa. A Quezon City esonda la diga di La Mesa e spazza via interi quartieri. L'alluvione segue il passaggio del tifone Saola.

    17/12/2011 FILIPPINE
    Tempesta tropicale a Mindanao: 143 morti e centinaia di dispersi
    Le alluvioni hanno colpito soprattutto la città di Cagayan de Oro, dove sono morte oltre 100 persone, soprattutto bambini. In meno di 24 ore sono caduti oltre 25 millimetri di pioggia. Il bilancio delle vittime potrebbe superare i 200 morti.

    24/06/2011 FILIPPINE
    Manila, 11 dispersi e 50mila sfollati per la tempesta tropicale Falcon
    Circa 10mila le famiglie evacuate nelle baraccopoli della periferia di Manila. Strage evitata grazie al nuovo piano di evacuazione realizzato dopo i 500 morti della tempesta Ketsana avvenuta nel 2009. Nelle prossime ore Falcon raggiungerà le coste di Taiwan.

    09/12/2004 FILIPPINE
    Trovati vivi dopo 10 giorni sotto il fango dei tifoni


    14/07/2010 FILIPPINE
    Inizia la stagione dei tifoni nelle Filippine: 20 morti e decine dispersi
    Venti fino a 120 km l’ora; colpita la parte nord delle Filippine. Panico nelle baraccopoli di Manila, dove si registra il maggior numero di vittime. Il presidente Aquino critica il servizio meteo nazionale, accusato di non informare in tempo la popolazione.



    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®