24 Febbraio 2018
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/01/2018, 15.54

    FILIPPINE

    Manila, aumentano i casi di Hiv ed Aids. Chiesa ed istituzioni allarmate

    Santosh Digal

    L'83% dei nuovi casi di Hiv si verifica tra soggetti maschi che intrattengono rapporti omosessuali. Due su tre nuove infezioni da Hiv avvengono tra gli uomini di età compresa tra 15 e 24 anni. La Conferenza episcopale (Cbcp) invita la popolazione ad avere comportamenti ed abitudini responsabili. P. James McTavish: “la vera soluzione all'epidemia non è la distribuzione dei preservativi, bensì l'umanizzazione della sessualità”.

    Manila (AsiaNews) – L’aumento nel Paese delle nuove diagnosi da virus dell’Hiv preoccupa la Chiesa filippina e gli esperti della salute. Negli ultimi sei anni, le Filippine hanno registrato l'epidemia di Hiv/Aids a più rapida crescita nell'Asia-Pacifico, con un aumento del 140% nel numero dei contagi. È quanto riferiscono il ministero della Salute e le Nazioni Unite.

    Citando i dati Programma delle Nazioni Unite per l'Aids/Hiv (Unaids), il ministro Paulyn Ubial dichiara che alla fine del 2016 erano 10,500 i filippini infettati dal virus dell'immunodeficienza, dai 4,300 nel 2010. Nel solo maggio 2017 vi sono stati 1,098 nuovi casi, il più alto numero registrato dal 1984, quando le infezioni sono state segnalate per la prima volta. Tra gennaio e novembre dello scorso anno, l'Aids ha causato 428 vittime nelle Filippine, una delle sole sette nazioni al mondo dove i contagi sono in aumento.

    Eamonn Murphy, direttore del team di supporto regionale Unaids, afferma che l'83% dei nuovi casi di Hiv si è verificato tra soggetti maschi che intrattengono rapporti sessuali con persone dello stesso sesso e donne transgender che hanno rapporti sessuali con altri maschi. Due su tre nuove infezioni da Hiv avvengono tra gli uomini di età compresa tra 15 e 24 anni, che secondo le autorità non hanno sufficiente consapevolezza dell'Hiv, dei suoi sintomi e delle sue cure.

    La Commissione Salute della Conferenza episcopale (Cbcp) invita la popolazione ad avere comportamenti ed abitudini responsabili. Mons. Gilbert Armea Garcera, arcivescovo di Lipa ed ex presidente della Commissione, dichiara che la consapevolezza e le modalità di prevenzione alla malattia sono le priorità della Chiesa cattolica in materia.

    La Chiesa filippina si sforza di presentare statistiche sulla situazione dell'Hiv/Aids, esaminando cause, modalità di trasmissione e gli effetti del virus. “Queste informazioni sono vitali per i sacerdoti ed i religiosi, perché la Chiesa è chiamata a servire i fratelli e le sorelle che vivono con l'Hiv e l'Aids”, spiega p. James McTavish, uno dei promotori dei programmi della Chiesa per la prevenzione. Egli è un sacerdote scozzese, missionario della comunità Verbum Dei con sede a Quezon City (diocesi di Cubao). Prima di diventare prete, p. McTavish era un chirurgo ed ora insegna Teologia morale e Bioetica alla Loyola School of Theology dei gesuiti e tiene corsi anche all'Università domenicana di Santo Tomas, a Manila.

    “[Oltre agli omosessuali] Altri gruppi ad alto rischio sono gli Ofw [lavoratori migranti all’estero, ndr], i tossicodipendenti per via iniettiva (Idu) e le persone dedite alla prostituzione. Tutto ciò ha implicazioni per il contenuto e la forma delle nostre catechesi, omelie e predicazioni. Saranno forniti alcuni utili punti catechetici relativi al nostro messaggio sulla sessualità umana, compresa una discussione sul perché la vera soluzione all'epidemia non è la distribuzione dei preservativi, bensì l'umanizzazione della sessualità”, conclude p. McTavish.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    25/09/2008 FILIPPINE
    Chiesa filippina contraria al test Hiv per i lavoratori d’oltremare
    Secondo i vescovi il test obbligatorio è “discriminante” e viola la privacy dell’individuo. In base ai dati di una statistica relativa al 2006, su 2566 casi di Aids solo 891 erano registrati fra i lavoratori all’estero.

    06/08/2008 FILIPPINE
    Filippine, aumentano i casi di AIDS per comportamenti sessuali a rischio
    Cresce del 14% l’incidenza della malattia nel Paese asiatico. Per combattere la diffusione governo e Chiesa cattolica promuovono campagne educative e di prevenzione fin dalle scuole. Dal vertice mondiale di Città del Messico auspicano nuovi fondi per la ricerca.

    01/12/2008 FILIPPINE – ASIA
    Filippine, sieropositivi in aumento fra giovani e migranti
    In previsione della giornata mondiale contro l’Aids si è tenuto un forum dedicato ai giovani. Attivista sottolinea che c’è “consapevolezza” dei rischi legati alla malattia, ma mancano “iniziative concrete per prevenire il contagio”. I casi di Aids in aumento anche fra i migranti, per i quali spesso non è possibile accedere alle cure mediche.

    10/02/2006 FILIPPINE
    Filippine: Onu e Caritas insieme nella lotta contro l'Aids

    Funzionari delle due associazioni si sono incontrati in un forum a Manila. Padre Robert Vitillo della Caritas internazionale: "collaboriamo su valori ed idee condivise, ma rimangono comunque principi ed opinioni diverse". Nelle Filippine L'anno scorso più di 11 mila persone sono state contagiate dal virus Hiv.



    02/12/2004 india
    Aids, India secondo paese al mondo per contagi




    In evidenza

    BANGLADESH
    Snehonir, la ‘Casa della Tenerezza’ per disabili (Foto)



    La struttura nasce 25 anni fa dall’opera delle suore Shanti Rani e dei missionari Pime. A Rajshahi accoglie disabili mentali e fisici, sordomuti, ciechi, orfani, poveri, abbandonati. “Il principio-guida è avviarli alla vita”.


    COREA
    L’abbraccio delle atlete della Corea unita, sconfitte in gara, ma ‘prime’ nella storia



    Oggi hanno perso l’ultima partita conto la Svezia e sono finite al settimo posto. Le lacrime per l’imminente separazione. L’orgoglio della coach canadese: “I politici hanno preso la decisione esecutiva. Le nostre giocatrici e il nostro staff sono quelli che l'hanno fatta funzionare”. Atleta sudcoreana: spero che il nostro Paese sia fiero di noi: era una cosa più grande dell’hockey.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

     









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®