01/07/2016, 08.15
FILIPPINE
Invia ad un amico

Manila, i vescovi: Non siamo nemici, ma vigileremo sul nuovo governo

Il presidente della Conferenza episcopale spiega che la Chiesa cattolica “intende collaborare” per il bene dei filippini ma, allo stesso tempo, “rimarrà vigile. Offriremo le nostre critiche e denunceremo gli errori, ma non vedeteci come nemici. Siamo fratelli e amici che vogliono che i politici riescano nei loro scopi”.

Manila (AsiaNews/Cbcp) – Con l’inizio del mandato presidenziale del controverso leader filippino Rodrigo Duterte, il presidente della Conferenza episcopale spiega che la Chiesa cattolica “vuole collaborare” per il benessere della popolazione ma allo stesso tempo “rimane vigile”. Abbiamo, dichiara il presule, “la stessa visione, come filippini e come cattolici. Ma saremo vigili perché il controllo è il grande prezzo della libertà”.

I vescovi, continua mons. Socrates Villegas, “offriranno le proprie critiche e denunceranno gli errori. Tuttavia vi prego di considerarci non come dei nemici, ma come amici e fratelli che vogliono vedere i politici raggiungere i propri scopi con successo”. Proprio i politici, spiega, “sono un dono di Dio. Essi possono conservare la pace e raggiungere il progresso della società. Eppure in alcuni casi sono divenuti un serbatoio di rifiuti”.

Come è possibile, si chiede l’arcivescovo di Lingayen-Dagupan, “che uomini dediti alla politica siano divenuti contenitori di sporcizia, invece di essere miniere d’oro? Non è accaduto in un attimo. Accade quando i valori vengono erosi pian piano e le virtù scendono a compromessi. I politici si sporcano e continueranno a farlo fino a che non vi sarà un vero sistema di controllo e una vera etica nel governo”. È possibile, si chiede ancora, “che un politico divenga un santo? Sì, è possibile. Grandi re del passato, servendo i propri regni, sono divenuti santi. E i politici possono divenire una fonte di santità per il popolo”.

Il neo presidente Duterte ha un rapporto piuttosto teso con la Chiesa cattolica nazionale, da lui più volte definita una “istituzione ipocrita”. Lo scorso anno l’allora sindaco di Davao usò offese molto esplicite nei confronti di papa Francesco, accusato di aver causato “un enorme blocco del traffico a Manila” durante la sua visita pastorale. Duterte ha inoltre promesso di promuovere “con forza” il controllo delle nascite nel Paese nonostante l’opposizione cattolica.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Vescovi filippini: Gli attacchi alla vita “gridano al cielo per la giustizia divina”
16/09/2016 08:51
I vescovi filippini: ‘Guerra a Marawi, mai più! Guerra a Marawi, non più!’
11/07/2017 12:43
Presidente vescovi filippini: "Il Papa ci sveglia dall'indifferenza, male nazionale"
27/02/2015
Manila, 29 anni dopo ritorna il "People Power": Via il presidente Aquino
25/02/2015
Mons. Ledesma: I rapporti tra Stato e Chiesa sono ‘complicati come il presidente’
13/07/2018 11:54