24 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 12/09/2017, 14.45

    FILIPPINE

    Manila, mons. Pabillo: ‘Ingiustificabile’ la guerra alla droga di Duterte

    Santosh Digal

    “Non è altro che una serie di assassinii extragiudiziali”. Più di 12mila vittime nelle operazioni di polizia. Tossicodipendenti e famiglie, l’azione della Chiesa per l’assistenza ed il recupero. Gonfiati i dati del governo sull’utilizzo di droghe nel Paese.

    Manila (AsiaNews) – “Il governo filippino non ha alcuna responsabilità morale e diritto politico di uccidere la gente sulla base di semplici ‘sospetti di droga’”. È quanto dichiara ad AsiaNews mons. Broderick Soncuaco Pabillo, vescovo ausiliare dell'arcidiocesi di Manila. “Che ne è dei diritti umani inalienabili della gente a difendere la propria posizione nel contesto di un giusto processo?”, domanda il presule.

    Secondo le ultime statistiche, più di 12mila persone sono morte nella guerra alla droga indetta dal presidente Rodrigo Duterte. Essa ha suscitato forti proteste da parte dei leader della Chiesa, movimenti della società civile, gruppi per i diritti umani, attivisti sociali, giornalisti, studenti, accademici e persone comuni. Anche diverse organizzazioni internazionali hanno criticato il governo filippino.

    La Chiesa filippina si sforza di fornire programmi di soccorso e riabilitazione per le famiglie i cui membri sono stati uccisi dalla polizia durante le operazioni. Da quando Duterte è diventato presidente nel 2016, i dati del governo mostrano che la polizia ha ucciso 3.451 “personalità legate alla droga”. Secondo la polizia, più di 2mila altre persone sono state uccise in crimini di droga e migliaia ancora uccise in circostanze inspiegabili.

    Mons. Pabillo ribadisce che la polizia e le altre agenzie governative non possono avere mano libera per uccidere persone al solo “ipotizzare” o “dubitare” di un loro coinvolgimento in crimini di droga. “È moralmente e politicamente inesatto”.

    “Qualsiasi persona risulti essere un sospetto agli occhi del governo – prosegue – deve avere l'opportunità di difendersi in un tribunale giusto e legale, accedendo al sistema giudiziario con il dovuto processo. Il governo non può catturare le persone con indagini e fatti propri”.

    Quanto alle persone segnate dalla tossicodipendenza, le priorità del governo dovrebbero essere i programmi di assistenza e riabilitazione; dare loro la possibilità di vivere nella società con piena dignità e rispetto umano, piuttosto che eliminarle senza pietà e pensar di violare il loro diritto all’esistenza. “L’implacabile guerra implacabile del governo contro la droga non è altro che assassinii extragiudiziali, cosa ingiustificabile. Non è altro che ‘abuso di potere’”, dichiara il vescovo.

    Il presidente filippino sostiene che nel Paese vi siano circa 4milioni di tossicodipendenti. L'Agenzia nazionale per la lotta contro la droga afferma che “in una famiglia su otto vi è un drogato” - 2,5 milioni di persone in un Paese di 20 milioni di famiglie. Tuttavia, il Centro filippino per il giornalismo investigativo afferma che un sondaggio governativo nazionale, condotto dal dicembre 2015 al febbraio 2016 su un campione di 5mila persone, rivela che il 94% degli intervistati “non assume” o “non ha mai assunto” sostanze stupefacenti.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    03/03/2017 12:48:00 FILIPPINE
    Manila, in via di approvazione la pena di morte. L’ultimo appello dei vescovi filippini

    La proposta di legge è passata ieri in seconda lettura. Martedì 7 marzo la definitiva approvazione. La Chiesa richiama i parlamentari ai valori cristiani e ad opporsi al provvedimento. I vescovi chiedono la votazione nominale. Il cardinale Luis Antonio Tagle: “La vita umana è un dono di Dio, non possiamo far finta di essere dèi".



    01/03/2017 13:15:00 FILIPPINE
    Vescovo di Manila: è ‘vendetta politica’ l’arresto della senatrice De Lima

    La senatrice aveva indagato il presidente. Mons. Pabillo: “Vogliono fargliela pagare”. La Chiesa filippina unita contro una cultura di morte: “Educare le persone e raddoppiare gli sforzi per affrontare i problemi”.



    07/04/2017 14:30:00 FILIPPINE
    I vescovi filippini per un confronto positivo con l’amministrazione Duterte

    Mons. Socrates Villegas: “Differiamo per linea di principio, ma le differenze non ci impediscano di cooperare”. Vescovi e governo si impegnano ad abbassare i toni dello scontro. Il presidente della Conferenza episcopale: “Non possiamo tacere. Si fermi il disprezzo per la vita umana”. Mons. Antonio R. Tobias: “La Chiesa cattolica non è un nemico dell’amministrazione Duterte”



    21/08/2017 10:25:00 FILIPPINE
    Il card. Tagle contro la guerra alle droghe di Duterte: ‘Stop allo spreco di vite umane’

    In meno di quattro giorni, la polizia ha ucciso 32 presunti spacciatori a Bulacan e altri 49 a Manila. Il card. Luis Antonio Cardinal Tagle, arcivescovo di Manila, invita il governo al dialogo: “Il problema della droga non deve esser ridotto ad un problema politico o penale. Esso è una questione umanitaria che colpisce tutti noi”. “Ricordate le parole che Dio disse a Caino, il quale aveva ucciso suo fratello Abele: ‘La voce del sangue di tuo fratello grida a me dal suolo!’ (Genesi 4:10)”.



    25/10/2017 15:23:00 FILIPPINE
    ‘Un balsamo’ il programma antidroga della Chiesa a Manila

    Sanlakbay nasce in risposta alla violenta guerra alla droga del governo. L'iniziativa fornisce ai tossicodipendenti consulenza, formazione spirituale e opportunità. Le comunità parrocchiali sono coinvolte nel processo di guarigione. L'apprezzamento di papa Francesco.





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®