05/03/2020, 08.09
FILIPPINE
Invia ad un amico

Manila guarda al nucleare. Vescovo filippino: troppi rischi, Fukushima l’esempio

Per soddisfare il fabbisogno di energia il governo guarda all’atomica. Il dossier sul tavolo di Duterte per la firma. Mons. Alminaza: i disastri nucleari “potente e doloroso promemoria” dei pericoli legati alla tecnologia. Puntare sulle rinnovabili quali fonte “più economica e sicura”, serve un impegno green “per la cura della casa comune”. 

Manila (AsiaNews/Cbcp) - Dopo gli scontri durissimi del passato sulla lotta alla droga e la campagna contro i gruppi estremisti a Mindanao, in queste ore rischia di aprirsi una nuova frattura fra i vescovi filippini e il governo del presidente Rodrigo Duterte. Il nuovo fronte riguarda le energie e, in particolare, la svolta nucleare verso la quale l’esecutivo sembra orientato, per rispondere al fabbisogno e alimentare lo sviluppo industriale del Paese. 

I disastri atomici di Chernobyl, Fukushima e Three Mile Island mostrano che il nucleare “porta con sé dei rischi” che, per dirla in modo semplice, “non vale la pena prendere”. Ad affermarlo è mons. Gerardo Alminaza, vescovo della diocesi di San Carlos, nella provincia di Negros Occidental, nell’ovest dell’arcipelago. Il prelato, da tempo in prima linea nella lotta per l’energia pulita e le rinnovabili, sottolinea che “i tre incidenti si sono verificati in nazioni con tecnologia, infrastrutture ed esperienza ben più avanzate delle Filippine”. 

“[Questi incidenti] sono un potente, sebbene doloroso promemoria dei rischi legati al nucleare - afferma il prelato - ai quali le Filippine non hanno alcun bisogno di esporsi”. Mons. Alminaza si è espresso in risposta ai documenti governativi che intendono inserire l’atomica nel novero delle energie utilizzate per il fabbisogno e che si trovano sulla scrivania di Duterte per l’approvazione. 

Il 2 marzo scorso si è tenuta una riunione dell’esecutivo, in cui il ministro per l’Energia Alfonso Cusi ha illustrato il piano nucleare per la nazione. Commentando la vicenda, il vescovo di san Carlos auspica che il presidente non volti le spalle al suo appello, che prevede lo sviluppo delle energie rinnovabili che rappresentano una fonte “più economica e sicura” rispetto ad un possibile “olocausto” nucleare.

In diverse occasioni pubbliche, Duterte ha criticato membri della Chiesa con toni violenti e spesso volgari, invitando anche ad “ucciderli” perché sono “inutili”. Sin dalla sua elezione, vescovi e sacerdoti hanno censurato alcune delle politiche governative. Tra queste la sanguinosa guerra alla droga, che ha causato circa 5mila morti e l’imposizione della legge marziale a Mindanao.

Stavolta mons. Alminaza auspica che la risposta del capo di Stato sia diversa e che non firmi l’ordine esecutivo, rafforzando l’impegno per le energie “green” e rinnovabili. “Questo - conclude il prelato - sarebbero davvero vantaggioso per la nostra gente e un atto concreto per la cura della nostra casa comune”.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Filippine, i vescovi: La Chiesa non fa politica, lasciamola ai laici
11/05/2019 10:10
La polizia filippina invita i sacerdoti nelle violente operazioni antidroga
15/03/2017 15:38
Mumbai, incontro di vescovi per riflettere sulla ‘missione della Chiesa’
09/07/2018 08:27
Chiesa filippina: No al mega-impianto petrolifero, che inquina Manila e i suoi abitanti
27/11/2014
Vescovi contro la bonifica anti-ecologica della baia di Manila
21/12/2013