27 Maggio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 31/07/2012, 00.00

    FILIPPINE – CINA

    Mar Cinese meridionale: Manila mette all'asta tre aree contese da Pechino



    L’area contesa è al largo dell’isola occidentale di Palawan. Per il governo filippino la zona, ricca di gas naturali, si trova all’interno del territorio nazionale. Sottosegretario all’energia: “diritti non negoziabili”. All’asta prevista la partecipazione di compagnie locali e straniere, fra cui Total, Eni e Shell.

    Manila (AsiaNews/Agenzie) - Il governo filippino lancia un'asta per l'esplorazione di tre aree ricche di petrolio e gas naturale nel mar Cinese meridionale - che Manila chiama mare Filippino occidentale - in una zona al centro di un'aspra contesa con Pechino. All'asta dovrebbero prendere parte diverse compagnie nazionali e internazionali, tra cui il gigante francese dell'energia Total, la statunitense Exxon, l'italiana Eni e la Royal Dutch Shell. Per Manila è un tentativo di ridurre la dipendenza dalle importazioni estere e di contrastare le mire espansioniste nella regione Asia-Pacifico di Pechino, che in passato ha già promosso dei bandi per le esplorazioni marittime (cfr. AsiaNews 28/06/2012 Mar Cinese meridionale, nervi tesi fra Manila, Hanoi e Pechino. Inutile un codice di condotta) scatenando le proteste di Filippine e Vietnam.

    Il sottosegretario filippino per l'Energia Jose Layug precisa che tutti e tre i blocchi oggetto del bando appartengono al territorio nazionale e si trovano al largo dell'isola occidentale di Palawan, dove da poco sono stati scoperti ingenti riserve di gas naturale nel sottosuolo. Il funzionario rifiuta inoltre le affermazioni di Pechino, secondo cui la zona rientra nei possedimenti marittimi della Cina.

    "Tutte le zone che abbiamo messo all'asta - aggiunge Layug - sono ben all'interno delle 200 miglia nautiche, considerate zone economiche esclusive delle Filippine in base alle disposizioni previste da Unclos", il Codice di condotta delle Nazioni Unite che regola le dispute nei mari. Il sottosegretario conclude affermando che Manila "esercita i diritti legittimi di sovranità" e possiede "l'autorità per esplorare e sfruttare le risorse all'interno di queste aree" in via esclusiva. "Si tratta di diritti non negoziabili".

    L'arcipelago nel mar Cinese meridionale, potenzialmente ricco di giacimenti petroliferi sottomarini, è conteso da Cina, Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia e da tempo i tentativi di impossessarsi di un atollo o di un altro producono frizioni fra i vari Paesi. Filippine e Vietnam accusano Pechino di essere sempre più aggressiva nel rivendicare la sovranità sull'arcipelago (cfr. AsiaNews 04/07/2012 Pechino contro tutti. La Cina sempre più dura in politica estera). Nelle scorse settimane si sono verificati scontri fra pescherecci filippini, vietnamiti e cinesi. In particolare, la tensione fra Manila e Pechino si è innalzata lo scorso aprile quando navi pattuglia cinesi hanno bloccato - al largo delle Scarborough Shoal - imbarcazioni della marina filippina, mentre stavano per arrestare pescherecci cinesi che avevano sconfinato.

    Le mire egemoniche di Pechino preoccupano anche gli Stati Uniti che hanno accresciuto la loro presenza navale nel Pacifico. Secondo gli esperti di International Crisis Group (Icg), organismo con base a Bruxelles, le prospettive di risoluzione delle dispute "stanno diminuendo" e anche se resta "improbabile" una guerra, tutti i segnali "vanno nella direzione sbagliata".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    01/08/2012 CINA – ASIA
    Mar Cinese meridionale: Pechino nega atti “ostili”, ma prosegue la politica di espansione
    Per i vertici militari le decisioni servono solo a “tutelare gli interessi nazionali” e a perseguire “diritti legittimi”. E rilanciano la proposta di accordi bilaterali e soluzioni amichevoli. Tuttavia, nei fatti ostacolano i progetti economici dei Paesi vicini e lanciano critiche al governo giapponese per le rivendicazioni territoriali nel mar Cinese orientale.

    04/09/2012 VIETNAM – CINA
    Mar Cinese meridionale nei colloqui strategici fra Hanoi e Pechino
    Ieri nella capitale vietnamita riunione fra alti funzionari di Cina e Vietnam. Fra gli obiettivi, il rafforzamento del dialogo bilaterale e della cooperazione. Il lavoro della diplomazia di Pechino per rendere sicura la regione Asia-Pacifico. Ma un esperto avverte: non al prezzo della sovranità e dell’integrità territoriale. Clinton chiede “unità” ai Paesi Asean.

    06/08/2012 CINA – STATI UNITI – VIETNAM
    Mar Cinese meridionale: è guerra – di parole – fra Pechino e Washington
    Pechino convoca il numero due dell’ambasciata Usa e accusa: gli Stati Uniti “manipolano” i fatti e “si immischiano” nelle vicende interne cinesi. Nei giorni scorsi il governo americano aveva criticato la decisione di creare una guarnigione militare nelle Paracel. Hanoi arresta 50 manifestanti, in piazza contro “l’imperialismo” cinese.

    05/09/2012 CINA – STATI UNITI
    Hillary Clinton a Pechino, per placare le tensioni nel mar Cinese meridionale
    Il segretario di Stato Usa ha incontrato il presidente Hu Jintao. Al centro dei colloqui le dispute sui confini nella regione Asia-Pacifico. Cancellato all’ultimo il faccia a faccia con il futuro leader Xi Jinping. I media cinesi attaccano Washington, accusata di “seminare discordia”. Tra gli altri argomenti di discussione la Siria e il nucleare iraniano e nord-coreano.

    09/01/2014 CINA - FILIPPINE - VIETNAM
    Pechino accelera i programmi di "polizia e controllo" sul mar Cinese meridionale
    Il governo cinese vuole rafforzare il dominio sulla regione imponendo a pescherecci o navi straniere un permesso di transito. Una norma difficile da applicare, ma che rivela gli obiettivi di Pechino. Manila chiede “chiarimenti” ufficiali tramite l’ambasciata. Analisti temono escalation della tensione.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    La persecuzione dei cattolici durante la Rivoluzione culturale

    Sergio Ticozzi

    La documentazione di quel violento periodo è stata bruciata o è sepolta negli archivi. Solo alcuni sopravvissuti ne parlano. I persecutori tacciono nella paura. I roghi degli oggetti religiosi e arredi nell’Hebei. Vescovi umiliati e arrestati nell’Henan; suore battute e uccise con bastoni, o sepolte vive. La persecuzione “non è ancora finita”; oggi è forse solo più sottile.


    CINA
    Il silenzio sui 50 anni della Rivoluzione Culturale in Cina e in occidente

    Bernardo Cervellera

    La sanguinosa campagna lanciata da Mao Zedong ha ucciso quasi 2 milioni di persone e mandato nei lager altri 4 milioni. Ogni cinese è stato segnato dalla paura. Ma oggi, nessuna cerimonia in memoria è stata prevista e non è apparso nessun articolo di giornale. Le lotte interne del Partito e il timore di Xi Jinping di finire come l’Urss. Anche oggi, come allora, in Europa c’è chi tace e osanna il mito della Cina. Molti predicono un ritorno al “grande caos”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®