21 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 31/07/2012
FILIPPINE – CINA
Mar Cinese meridionale: Manila mette all'asta tre aree contese da Pechino
L’area contesa è al largo dell’isola occidentale di Palawan. Per il governo filippino la zona, ricca di gas naturali, si trova all’interno del territorio nazionale. Sottosegretario all’energia: “diritti non negoziabili”. All’asta prevista la partecipazione di compagnie locali e straniere, fra cui Total, Eni e Shell.

Manila (AsiaNews/Agenzie) - Il governo filippino lancia un'asta per l'esplorazione di tre aree ricche di petrolio e gas naturale nel mar Cinese meridionale - che Manila chiama mare Filippino occidentale - in una zona al centro di un'aspra contesa con Pechino. All'asta dovrebbero prendere parte diverse compagnie nazionali e internazionali, tra cui il gigante francese dell'energia Total, la statunitense Exxon, l'italiana Eni e la Royal Dutch Shell. Per Manila è un tentativo di ridurre la dipendenza dalle importazioni estere e di contrastare le mire espansioniste nella regione Asia-Pacifico di Pechino, che in passato ha già promosso dei bandi per le esplorazioni marittime (cfr. AsiaNews 28/06/2012 Mar Cinese meridionale, nervi tesi fra Manila, Hanoi e Pechino. Inutile un codice di condotta) scatenando le proteste di Filippine e Vietnam.

Il sottosegretario filippino per l'Energia Jose Layug precisa che tutti e tre i blocchi oggetto del bando appartengono al territorio nazionale e si trovano al largo dell'isola occidentale di Palawan, dove da poco sono stati scoperti ingenti riserve di gas naturale nel sottosuolo. Il funzionario rifiuta inoltre le affermazioni di Pechino, secondo cui la zona rientra nei possedimenti marittimi della Cina.

"Tutte le zone che abbiamo messo all'asta - aggiunge Layug - sono ben all'interno delle 200 miglia nautiche, considerate zone economiche esclusive delle Filippine in base alle disposizioni previste da Unclos", il Codice di condotta delle Nazioni Unite che regola le dispute nei mari. Il sottosegretario conclude affermando che Manila "esercita i diritti legittimi di sovranità" e possiede "l'autorità per esplorare e sfruttare le risorse all'interno di queste aree" in via esclusiva. "Si tratta di diritti non negoziabili".

L'arcipelago nel mar Cinese meridionale, potenzialmente ricco di giacimenti petroliferi sottomarini, è conteso da Cina, Vietnam, Brunei, Taiwan, Filippine e Malaysia e da tempo i tentativi di impossessarsi di un atollo o di un altro producono frizioni fra i vari Paesi. Filippine e Vietnam accusano Pechino di essere sempre più aggressiva nel rivendicare la sovranità sull'arcipelago (cfr. AsiaNews 04/07/2012 Pechino contro tutti. La Cina sempre più dura in politica estera). Nelle scorse settimane si sono verificati scontri fra pescherecci filippini, vietnamiti e cinesi. In particolare, la tensione fra Manila e Pechino si è innalzata lo scorso aprile quando navi pattuglia cinesi hanno bloccato - al largo delle Scarborough Shoal - imbarcazioni della marina filippina, mentre stavano per arrestare pescherecci cinesi che avevano sconfinato.

Le mire egemoniche di Pechino preoccupano anche gli Stati Uniti che hanno accresciuto la loro presenza navale nel Pacifico. Secondo gli esperti di International Crisis Group (Icg), organismo con base a Bruxelles, le prospettive di risoluzione delle dispute "stanno diminuendo" e anche se resta "improbabile" una guerra, tutti i segnali "vanno nella direzione sbagliata".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
01/08/2012 CINA – ASIA
Mar Cinese meridionale: Pechino nega atti “ostili”, ma prosegue la politica di espansione
04/09/2012 VIETNAM – CINA
Mar Cinese meridionale nei colloqui strategici fra Hanoi e Pechino
06/08/2012 CINA – STATI UNITI – VIETNAM
Mar Cinese meridionale: è guerra – di parole – fra Pechino e Washington
05/09/2012 CINA – STATI UNITI
Hillary Clinton a Pechino, per placare le tensioni nel mar Cinese meridionale
11/03/2014 VIETNAM
Vietnam, Filippine e Malaysia: un fronte comune contro “l’imperialismo” di Pechino
di Paul N. Hung

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate