24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 31/08/2016, 12.33

    IRAQ - VATICANO

    Mar Sako: Le minacce dell'Isis al papa "sono propaganda", nel mirino c'è l’islam moderato



    Nella rivista ufficiale del Califfato attacchi a papa Francesco e Benedetto XVI, l’appello a rompere la croce del Vaticano. Per mar Sako è un tentativo di “esercitare pressioni” sull’Occidente. A rischio i musulmani che cercano dialogo e riconciliazione. L’islam non può conoscere il cristianesimo dal Corano. Lettera aperta del primate caldeo ai musulmani contro il “cancro” dell’Isis. 

    Baghdad (AsiaNews) - L’attacco frontale e le minacce di morte lanciate dallo Stato islamico (SI) in questi giorni contro papa Francesco fanno parte di una strategia di “propaganda”, per “esercitare pressioni sull’Occidente usando la figura del pontefice”. È quanto sottolinea ad AsiaNews il patriarca caldeo mar Louis Raphael Sako, commentando l’ultimo numero della rivista “Dabiq”, il magazine ufficiale della “guerra santa” di Daesh [acronimo arabo per lo SI]. Dalla copertina, con il titolo “Rompi la croce” alle pagine interne, il numero è un inno alla lotta contro la cristianità e i suoi simboli più noti, fra cui il Vaticano e lo stesso papa. 

    Diffusa su internet, con una versione in inglese per il jihad internazionale, la rivista racconta perché i musulmani “odiano e combattono” - secondo l’ideologia del Califfato - i “crociati”. Primi in assoluto fra i gruppi estremisti islamici, i miliziani di Daesh usano la propaganda per un attacco personale al pontefice. Un tentativo, forse, di rispondere a parole all’assedio militare in Iraq e Siria. 

    L’ultimo numero di Dabiq, oltre a contenere un articolo sulla barbara uccisione di p. Jacques Hamel, 86enne sacerdote francese sgozzato nella sua chiesa da due giovani, attacca Francesco per l’attenzione agli omosessuali e l’opera di dialogo con il mondo musulmano moderato. Nella rivista vi è un’immagine del papa assieme all’imam Ahmad al-Tayyib, guida dell’Università islamica del Cairo, anch’egli bollato come “apostata” per aver definito il cristianesimo religione di pace. 

    Con Bergoglio (e il papa emerito Benedetto XVI) vengono presi di mira imam moderati e personalità musulmane aperte al dialogo; a seguire, attacchi ai sufi e nuovi appelli alla “guerra santa” con immagini delle recenti violenze in Francia, Bangladesh e Germania. Infine, bambini con meno di 10 anni che sfilano in uniforme, pronti a combattere fra le “nuove leve” del Califfato. 

    “Vogliono intimidire l’Occidente usando la figura del papa” spiega ad AsiaNews il primate della Chiesa caldea, secondo cui i jihadisti “non fanno distinzioni fra Stato laico e religione cristiana, perché per loro non vi sono distinzioni fra l’ambito politico e quello religioso”. “Hanno in testa il progetto di una nazione teocratica, basata sull’islam - aggiunge - condita da una ignoranza di fondo: ritengono che anche i cristiani abbiano uno Stato teocratico, che è il Vaticano”. Non capiscono che “si tratta di una entità diversa”, mentre “l’Occidente è fondato sul principio della laicità”. 

    A dispetto dell’attacco diretto, prosegue mar Sako, il papa “non è il vero obiettivo, questa è solo propaganda per scopi e finalità politiche”. Diverso, invece, il discorso per le personalità del mondo musulmano moderato favorevoli al dialogo, come l’imam di al-Azhar: “Questi - avverte il presule - sono obiettivi diretti, perché hanno una ideologia diversa, conciliante, aperta all’incontro. Le minacce, gli attacchi sono uno dei motivi per i quali il mondo musulmano, le autorità islamiche hanno paura di parlare in modo aperto contro lo SI e di condannarne in modo fermo le gesta”. 

    Per il primate della Chiesa caldea è in atto una “strategia” per “indebolire” e “cambiare il volto” dei Paesi in cui è in corso una guerra. “Vi è una precisa responsabilità - spiega - della comunità internazionale, degli Stati Uniti e della Russia che di certo sanno chi finanzia l’Isis e da dove vengono le loro armi”. Siamo di fronte a un “pericolo globale” e se anche verrà sconfitta “come forza militare”, tuttavia resisterà a lungo “sotto forma di ideologia”, alimentata da “corruzione e povertà” e secondo una “visione deformata del jihad”. 

    I musulmani, conclude mar Sako, “devono prendere una posizione coraggiosa e chiara”, affermando che “non hanno niente a che fare con la religione e i loro versetti sono estrapolati fuori dal conteso”. Inoltre, è necessario rafforzare il livello di istruzione, la qualità educativa nelle scuole, contrastare media e canali di diffusione dell’ideologia estremista e aiutare i musulmani a conoscere “la verità” sul cristianesimo favorendo “incontro e dialogo”, perché “ciò che sanno viene solo da Corano”.

    Da ultimo, ci deve essere “unità” fra irakeni per sconfiggere Daesh, lasciando da parte “interessi e ambizioni: è il tempo dell’unione, per la politica e la risoluzione delle questioni etniche e religiose vi sarà tempo nel futuro”. 

    In questi giorni il patriarca caldeo ha lanciato anche un appello alla comunità internazionale, alle autorità nazionali e internazionali, e ai fedeli musulmani contro il “cancro” dell’Isis. Ecco, di seguito, la lettera di mar Sako inviata ad AsiaNews: 

    È tempo di fermare la diffusione del cancro chiamato “Stato islamico” e di simili organizzazioni

    Lo Stato islamico (Daesh) e altre organizzazioni di questa natura hanno colto di sorpresa il mondo intero, limitando la libertà umana in nome dell’islam; civili sfollati e uccisi; o bruciati vivi; donne rese schiave e ridotte allo stato di prigionia; monumenti di carattere religioso e culturale demoliti. Questa ideologia estrema ha finito anche per rovinare le relazioni fra persone all’interno dello stesso paese e della stessa regione. 

    Eventi di questa natura provocano la seguente domanda: non è questo il momento giusto per musulmani e non musulmani di buona volontà di tutto il mondo per affrontare in modo serio, e non solo in maniera superficiale, la situazione?

    In special modo quando sappiamo che la maggioranza dei musulmani sono neutrali/privi di colpe specifiche, di mente aperta e desiderosi di lavorare duro per il bene dei loro Paesi e dei loro concittadini. La loro iniziativa dovrebbe consistere in una presa di posizione forte e univoca, mediante la quale possano fermare la diffusione del cancro “Isis”, opponendosi all’isolamento, all’estremismo e all’odio, alla violenza e al rigetto della coesistenza, della cittadinanza e della tecnologia moderna. E ancora, mettere fine ai proclami dell’Isis, che la sola via per garantirsi il paradiso sia uccidere persone innocenti sia con cinture esplosive, che mediante autobombe o coltelli. Questa è una vera e propria distruzione della ragione. 

    I musulmani dovrebbero mostrare il vero volto dell’islam al mondo e confermare che l’estremismo è contrario alla loro fede. In altre parole, dovrebbero precisare il significato del messaggio dell’islam, che è ben diverso dai proclami dell’Isis. Come sappiamo, la missione di tutte le religioni è l’amore, la tolleranza e il perdono; essi vanno compresi nell’ottica di una valutazione della spiritualità dei testi e delle loro prescrizioni. Per questo crediamo che i musulmani debbano mostrare impegno verso il messaggio centrale dell’islam, rispettando Dio e delle altre religioni. 

    In conclusione, i cristiani aspettano governi e autorità religiose per lavorare insieme in un’ottica di confronto e per smantellare il terrorismo e l’estremismo, attraverso la diffusione di una cultura di libertà, ragione, apertura, tolleranza, coesistenza, amore, rispetto dei diritti umani e della diversità. Tutto questo può essere ottenuto mediante una riforma dei programmi scolastici, che sono oggi la principale fonte di diffusione del terrorismo; la creazione delle fondamenta per la pace, stabilità, cooperazione e giustizia; adottare un dialogo civile, pacato, coraggioso per risolvere le molte crisi che colpiscono e devastano le persone e i loro Paesi; stabilire lo Stato di diritto e le istituzioni a sostegno. 

    Infine, le persone hanno il diritto di vivere una vita stabile e sicura, godendo degli stessi diritti e assolvendo i medesimi doveri, nel quadro di un livello ragionevole di servizio pubblico. 

    Per dimostrare a cosa mi riferisco quando si parla di ingiustizia e violazione della libertà umana sommate all’abuso della religione, vi propongo di seguito un elenco di alcuni passaggi tratti da sermoni e fatwa ostili verso i cristiani, che devono essere fronteggiati con decisione: 

    • Ogni religione diversa dall’islam è infedeltà ed eresia, e ogni luogo di culto che non sia la casa dell’islam è luogo di eresia e deviazione
    • Sono considerati infedeli anche quanti fra i musulmani considerano le chiese come luoghi in cui si rende culto a Dio, o quello che fanno ebrei e cristiani è una forma di culto. 
    • I musulmani devono rispettare la proibizione di fare gli auguri ai cristiani per Natale e Pasqua. 
    • Pregare Dio perché renda vedove tutte le mogli dei cristiani e i loro figli orfani. 

    Sono discorsi e atteggiamenti come questi che, senza dubbio, creano persone che trasformano l’odio delle parole in azioni e combattono coloro i quali sono classificati come “infedeli” secondo queste fatwa! 

    Il cristianesimo è nato ed è cresciuto in Oriente, i cristiani possiedono in modo legittimo questa terra e formano una parte essenziale del tessuto della società mediorientale. Essi hanno partecipato alla costruzione e allo sviluppo della cultura e della civiltà araba. È un peccato che siano stati aggrediti senza motivo nel corso della storia e che la loro esistenza nella regione sia stata a più riprese messa a repentaglio. Per questo è urgente formulare una posizione ufficiale, chiara e coraggiosa per sostenerli e incoraggiarli a rimanere in Medio oriente, anche perché la maggioranza rappresenta il nucleo più qualificato nell’educazione, economia, cultura, etc… Tutto questo può essere raggiunto solo garantendo sicurezza e diritti legittimi ad ogni essere umano, che conducano alla vera uguaglianza e al consolidamento della coesistenza. 

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/05/2017 12:02:00 LIBANO - VATICANO - ISLAM
    Contro l’islamofobia, l’invito al dialogo di papa Francesco guardando al Concilio Vaticano II

    In rete si moltiplicano i video che attaccano la fede musulmana e descrivono la religione islamica solo per massacri e conversioni forzate La visita del pontefice in Egitto mostra come affrontare i pregiudizi. Ai leader islamici e alle loro istituzioni (come al-Azhar) il compito di incoraggiare le riforme. Ai cristiani è chiesto di accompagnarli in questo cammino lungo e difficoltoso.

     



    28/04/2017 11:20:00 EGITTO - ISLAM
    Cairo, dalla conferenza di al-Azhar il tentativo di uscire dal binomio islam e violenza

    L'incontro voluto con forza dal presidente egiziano al-Sisi per combattere l’ideologia dello Stato islamico. Vescovo copto-ortodosso di Tanta: Al terrorismo rispondiamo con la pace. Dietro le violenze il binomio fondamentalismo/relativismo. L’annoso problema della esegesi del Corano.

     



    05/05/2017 12:50:00 EGITTO - VATICANO - ISLAM
    Portavoce Chiesa cattolica: papa in Egitto, dono di pace e ponte fra cristiani e musulmani

    Per p. Rafic Greiche Francesco ha “annullato” le distanze fra le persone e le fedi. Una visita di “enorme importanza” dopo gli attentati alle chiese: “Ha portato gioia a tutti”. Presto per dire se cambierà qualcosa con al-Azhar ma “siamo sulla giusta via”. I musulmani colpiti dalla “modestia” di “un uomo di Dio”. Per i cattolici è un invito “all’unità”.

     



    28/04/2017 08:39:00 EGITTO - VATICANO - ISLAM
    L’Egitto in festa (e in massima allerta) pronto ad accogliere papa Francesco

    Il presidente della Repubblica al-Sisi ha supervisionato di persona l’apparato di sicurezza. Il Cairo vuole mostrare un Paese tollerante, fraterno e solidale. Oggi l’intervento alla conferenza di pace di al-Azhar. Oltre 35mila persone (accreditate) per la messa di domani all’accademia dell’aeronautica. Ancora minacce estremiste contro i cristiani a Minya. 

     



    26/04/2017 11:27:00 EGITTO - VATICANO - ISLAM
    Emerito di Giza: oltre le violenze, il Papa in Egitto messaggero di dialogo e di incontro

    Ad AsiaNews mons. Antonios Aziz Mina racconta un Paese, e una comunità cristiana, ancora ferite dagli attentati, ma pronti a ricevere il pontefice. Il dolore dei musulmani per gli attacchi alle chiese. L’Egitto capace di spezzare la catena oscurantista dello Stato islamico. In Oriente in gioco interessi economici, che ruotano attorno al petrolio.





    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®