21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/05/2015, 00.00

    IRAQ - IRAN

    Mar Sako: Oltre la guerra, per un futuro di dialogo e riconciliazione fra cristiani e musulmani



    Il patriarca di Baghdad guarda al futuro dei cristiani in Medio oriente, che sarà “ancora migliore” quando finiranno i conflitti. Attraverso AsiaNews esorta a lavorare “con la pazienza e la preghiera” e ricorda il ruolo di “ponte” dei cristiani fra fedi e culture. Dal viaggio pastorale in Iran il conforto di una comunità viva “che può crescere” e la proposta di un “comitato misto” islamo-cristiano.

    Baghdad (AsiaNews) - Le Chiese orientali “hanno un futuro sia in Iraq, che in Iran”, e quando finiranno i conflitti esso “sarà ancora migliore” perché si potrà davvero avviare un cammino “di dialogo e di riconciliazione” che abbraccerà cristiani e musulmani. “Le guerre hanno sempre una fine e bisogna lavorare per il futuro, per la riconciliazione, con la pazienza e la preghiera”. È questo il messaggio che il patriarca caldeo Mar Louis Raphael I Sako consegna ad AsiaNews al rientro a Baghdad, dopo aver effettuato una visita di due settimane alle comunità cristiane caldee in Iran. Sua Beatitudine ha voluto analizzare il momento attuale dell’Iraq, teatro di una sanguinosa guerra fra le autorità centrali e i jihadisti dello Stato islamico oggi concentrata attorno a Ramadi e in alcune zone della provincia di Anbar.

    Mar Sako racconta che in Iraq - teatro oggi di un doppio attentato nei pressi di due hotel di lusso nella capitale, che hanno causato morti e feriti - la situazione “resta molto tesa” e “la gente è preoccupata per il futuro”. I miliziani dello Stato islamico, aggiunge, “si muovono e hanno occupato una parte molto importante del Paese”. I jihadisti controllano “più del 50% del territorio siriano e anche il 30% del territorio irakeno” sono diventati parte del Califfato e “questo mette paura, la gente vive con ansia e timore”. 

    Per quanto concerne gli sfollati il numero ha superato i tre milioni e, racconta il patriarca caldeo, “manca loro un po’ di tutto”; essi possono contare sull’aiuto di agenzie internazionali e della Chiesa, “ma è difficile andare avanti e vi è amarezza e sconforto” fra le persone. “Il governo fa ciò che può - aggiunge - ma manca la formazione di soldati, mancano le armi e il quadro generale della regione mediorientale complica ancor più la situazione nel nostro Paese. Bisogna affrontare questa crisi non solo dal punto di vista militare, ma è necessario contrastarne anche l’ideologia. Sono molto pericolosi”. 

    Se il fronte interno irakeno è fonte di preoccupazione, il patriarca di Baghdad ricorda ancora con fiducia e speranza il recente viaggio pastorale - dal 12 al 24 maggio - fra le comunità caldee iraniane di Teheran e Urmia, in cui vivono “quasi 400mila fedeli”. Incontrandoli, racconta, “ho sentito dentro di me la forza della Chiesa primitiva”, una realtà “che può crescere se ha pazienza e riesce a mantenersi unita”. La mia visita, aggiunge, “ha contribuito a rafforzare la spiritualità e dare loro speranza, incoraggiandoli a rimanere”. Anche perché, osserva, “loro hanno pace e speranza, non hanno paura [a differenza dei fedeli in Iraq] e questa è una benedizione per loro”. 

    Nel contesto del viaggio in Iran (nella foto, tratta dal sito del patriarcato caldeo), mar Sako ha incontrato le più alte autorità civili e religiose della Repubblica islamica, sottolineando il ruolo di Teheran nel contesto regionale come forza “di pace e di stabilità”. Bisogna imparare da queste guerre, ha detto il patriarca ai leader iraniani, e “lavorare per la riconciliazione fra sunniti e sciiti, siete tutti musulmani e non ci sono scuse per fratture o divisioni”. “Ho insistito - aggiunge - perché promuovano l’idea di un islam di pace e tolleranza, di mostrare nei fatti che non vi è oppressione nell’islam… e poi ho proposto di fare iniziative in comune nell’Anno della misericordia. Hanno risposto in modo positivo, ma alle parole devono seguire i fatti!”. 

    Fra le idee emerse dai vari incontri, la possibilità di creare un “comitato misto” di musulmani e cristiani iraniani “per il dialogo sociale e religioso”, per dar vita a legami e rapporto “al di là delle frontiere”. I fedeli, aggiunge, si sono detti “pronti” a dar seguito alla proposta e desiderano davvero “un dialogo sincero”. “In Iran - conferma Sua Beatitudine - c’è una presenza cristiana simbolica ma attiva, e deve essere incoraggiata. Ho cercato di dare loro un impulso, sottolineando che il patriarca è vicino a loro e pensa anche a loro”. 

    Da ultimo, il patriarca di Baghdad rivolge un invito alla Chiesa cattolica universale perché “pensi di più a questi Paesi poveri in numero, ma forti nella qualità” quando si parla di presenza cristiana. “La Congregazione delle Chiese orientali - avverte - deve essere più vicina a questi ‘piccoli resti’, lavorando per l’unità e la solidarietà, non solo la semplice amministrazione”. Queste Chiese dell’Iran e dell’Iraq, conclude, possono avere un futuro e i cristiani potranno continuare a essere - come è sempre stato in passato - “un ponte fra religioni, fedi e culture” in Medio oriente. (DS)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    28/05/2015 IRAQ - IRAN
    Patriarca di Baghdad: caldei dell’Iran, “luce, sale e lievito” nella Chiesa di Persia
    Dal 12 al 24 maggio scorso Mar Sako ha compiuto una visita pastorale a Teheran e Urmia, in Iran, incontrando personalità politiche e religiose, cristiane e musulmane. Sua Beatitudine sottolinea la presenza storica dei cristiani in Iran, una presenza che precede l’islam. Egli invita i fedeli a “stare vicini al vostro Paese” e “rafforzarvi per qualità e non per numero”.

    14/06/2017 14:18:00 IRAQ
    Sacerdote irakeno: entro fine mese il rientro dei primi profughi cristiani a Karamles, nella Piana di Ninive

    Don Paolo racconta i lavori di ricostruzione della cittadina della piana di Ninive, affidati a operai locali. I progetti riguardano un primo settore di case con danni solo parziali. Se continueranno gli aiuti l’opera dovrebbe proseguire “senza intoppi”. Ma servono altri fondi per la sistemazione delle abitazioni con i danni maggiori. Le famiglie: “Risorgeremo quando torneremo”. 

     



    11/04/2016 10:33:00 IRAQ
    Patriarca Sako: La Chiesa irakena ha bisogno dei giovani, coraggiosi testimoni di fede

    Almeno 350 fra ragazzi e ragazze hanno partecipato all’incontro con il leader della Chiesa caldea. Sua beatitudine ha ricordato la scelta della vita consacrata e invitato le nuove generazioni a rispondere ai bisogni di una realtà sofferente. Vertici del patriarcato contro la tratta dei profughi cristiani. Liberare i territori per permettere il rientro degli sfollati.



    02/05/2016 11:32:00 IRAQ
    Mar Sako ai politici: basta divisioni, serve progetto condiviso per la rinascita dell’Iraq

    Duro monito del patriarca caldeo contro una classe dirigente fallimentare, che non ha saputo promuovere riforme e riconciliazione. Egli auspica uno sforzo comune “per mettere fine a questo degrado economico, istituzionale e della sicurezza”. Conclusa la protesta nella Zona Verde a Baghdad, ira del governo contro i manifestanti. 



    08/07/2016 12:22:00 IRAQ
    Ancora morti in Iraq, patriarca Sako: cristiani e musulmani uniti contro il terrorismo

    La Chiesa caldea ha organizzato una veglia di preghiera per le vittime della strage di Baghdad. Il numero dei morti è salito a 292. E non si fermano le violenze: 30 morti e 50 feriti in un attentato al santuario sciita di Balad. Mar Sako: Crimini che rinnegano i valori delle religioni e conducono i loro autori “all’inferno, non in paradiso”. 





    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®