16 Gennaio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/01/2017, 08.19

    HONG KONG - CINA

    Marcia anti-governo, in difesa dei parlamentari localisti. Pechino mette in guarda dalla “sovversione”



    Solo 9mila persone vi hanno partecipato. Raccolti 1,43 milioni di dollari di Hong Kong per pagare le spese legali dei parlamentari pro-democrazia a rischio espulsione. Il rappresentante della Cina pone limiti al movimento democratico.

    Hong Kong (AsiaNews) – Almeno 9mila persone hanno partecipato ieri alla tradizionale marcia del primo dell’anno per le vie del centro protestando contro il governo che cerca di mettere in difficoltà quattro parlamentari “localisti”, il cui giuramento non è secondo le norme del territorio.

    Nathan Law Kwun-chung, Edward Yiu Chung-yim, Lau Siu-lai  e Leung Kwok-hung, soprannominato “Long Hair” (“capelli lunghi” per il suo look) hanno vinto le elezioni al Legco (il parlamento di Hong Kong), fra gli eletti del gruppo pro-democratico, ma nel giurare all’inizio del mandato, hanno usato non la formula stabilita, ma espressioni in difesa di Hong Kong contro l’egemonia della Cina.

    Il governo, dietro suggerimento di Pechino sta cercando di squalificarli ed eliminarli dal parlamento, dove i democratici hanno quasi la metà dei seggi.

    Alla manifestazione di ieri si sono raccolti fondi per pagare le spese legali in difesa dei quattro legislatori. Ieri sono stati raccolti 1,43 milioni di dollari di Hong Kong (circa 175mila euro).

    Secondo gli organizzatori della marcia, il Civil Human Rights Front, la ridotta partecipazione di quest’anno è dovuta al fatto che alcune settimane fa il capo dell’esecutivo di Hong Kong, Leung Chun-ying, ha annunciato che non si sarebbe presentato per un nuovo mandato alle elezioni del governatore, fissate per il prossimo marzo.

    Leung Chun-ying è stato fra i più strenui oppositori del movimento democratico, in stretta connessione col controllo che Pechino vuole esercitare sul territorio.

    A questo proposito, proprio ieri, Zhang Xiaoming, direttore dell’Ufficio per i rapporti fra Hong Kong e la Cina (una specie di ambasciata di Pechino a Hong Kong), ha precisato i limiti entro cui la popolazione del territorio deve lavorare per la propria libertà. Egli ha detto che negli ultimi 20 anni il progetto “una nazione, due sistemi” ha funzionato con successo, ma è importante non far crescere il separatismo radicale, che vorrebbe una Hong Kong indipendente dalla Cina.

    Per Zhang non bisogna superare tre limiti: non si deve indebolire la sicurezza nazionale; non si deve sfidare l’autorità del governo centrale; non usare il territorio come base per infiltrazioni che sovvertano il Paese.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/10/2014 HONG KONG - CHINA
    Occupy Central: in attesa del dialogo col governo, la Corte suprema ordina lo sblocco di alcune strade a Mong Kok e Admiralty
    Le ingiunzioni della Corte suprema richiesti da ditte di taxi, minibus e dalla Citic. Un dimostrante accusa la decisione di essere contro la libertà di espressione. L'incontro fra la Federazione degli studenti e il governo è fissato alle 18 di oggi. Per il governatore di Hong Kong, la piena democrazia danneggerebbe l'economia, perché dà potere ai poveri. Per la Chiesa cattolica, il movimento di Occupy ha già raggiunto il grande risultato di una maggiore coscienza politica e di impegno ideale della popolazione.

    20/10/2014 HONG KONG - CINA
    Pechino e il governo di Hong Kong versano disinformazione e minacce su Occupy
    La polizia minaccia: Non mandate i vostri figli (studenti) a Mong Kok. Si teme un raid violento. La Cina e Leung accusano Occupy di essere al soldo di organizzazioni straniere e di volere "l'indipendenza" di Hong Kong: queste accuse potrebbero dare adito a un intervento dell'esercito cinese. Fissato per domani l'incontro fra governo e studenti.

    18/10/2014 HONG KONG - CINA
    La polizia assalta Occupy Central a Mong Kok. I giovani rimettono i blocchi
    Nella notte i poliziotti si sono scontrati con migliaia di dimostranti. Oltre 60 feriti; 15 fra i poliziotti. I giovani di Occupy erano "armati" solo di ombrelli; la polizia in tenuta antisommossa usava manganelli e spray urticanti. Sempre più basse le possibilità di dialogo e la fiducia nelle forze dell'ordine. Forse vi sarà una nuova ondata di occupazioni.

    16/10/2014 HONG KONG - CINA
    Il governo di Hong Kong "pronto al dialogo" con Occupy, ma nei termini fissati da Pechino
    Per i manifestanti, i dialoghi sono "inutili" a causa delle pre-condizioni poste dal governo. Le aturoità "vogliono distruggerci e sopprimerci". Ancora scontri nella notte fra polizia e studenti. Sospesi sette poliziotti che due giorni fa hanno picchiato per 4 minuti un manifestante indifeso e pacifico.

    02/10/2014 HONG KONG - CINA
    Hong Kong, il Capo dell'Esecutivo: Non mi dimetto, la protesta deve finire
    Dopo una giornata tesissima, in cui i manifestanti di Occupy Central e gli studenti sono riusciti a isolare il cuore politico di Hong Kong, Leung Chun-ying concede un incontro pubblico ai manifestanti: "Continuo il mio lavoro per la riforma elettorale, che deve però basarsi sulle indicazioni dell'Assemblea nazionale del Popolo cinese". Il leader degli studenti chiede ai dimostranti "tempo" per negoziare.



    In evidenza

    CINA - VATICANO
    I nuovi leader all’Assemblea dei cattolici: dominano la vecchia guardia e i vescovi illegittimi

    Elizabeth Li

    Riconfermati Ma Yinglin e Fang Xingyao a presidenti del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica rispettivamente. Sempre esaltati i principi di indipendenza, autonomia, autogestione e sinicizzazione. Nessun “segnale positivo” come sperato dal Vaticano.


    CINA-VATICANO
    All’Assemblea dei rappresentanti cattolici cinesi si loda “indipendenza e autonomia”

    Bernardo Cervellera

    All’incontro sarebbero presenti 59 vescovi, oltre al direttore dell’amministrazione statale per gli affari religiosi e membri del Fronte unito. I futuri cambi nella leadership del Consiglio dei vescovi e dell’Associazione patriottica. Nell’osanna all’autonomia (dalla Santa Sede) un segnale non positivo. Il Global Times ribadisce le precondizioni per il dialogo. Una Chiesa di Stato. Le critiche del card. Joseph Zen e di Giustizia e Pace di Hong Kong. Una cattolica: Questa assemblea è uno schiaffo in faccia al Vaticano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®