22/09/2006, 00.00
INDIA
Invia ad un amico

Mathura, sacerdote indù mette i jeans a Krishna: cacciato

Anand Kishore Goswami, capo sacerdote del tempio Banke Bihari Mandir, è stato ripreso da un televisione locale mentre metteva ad una statua del dio i jeans ed una maglietta ed in mano, al posto del flauto rituale, un telefono cellulare.

Lucknow (AsiaNews/Icns) – Le autorità di uno dei  più antichi e rispettati templi dell'India dedicati a Krishna hanno cacciato il capo sacerdote indù che lo aveva in cura perché ha vestito una statua del dio con jeans e maglietta e gli ha messo in mano  un telefono cellulare.

Le autorità del tempio Banke Bihari Mandir - che si trova nella città di Mathura, parte settentrionale del Paese – hanno cacciato Anand Kishore Goswami e lo hanno accusato di aver violato le regole religiose del tempio e di aver urtato la sensibilità religiosa dei fedeli.

Il gesto dissacratorio è stato rivelato dalle immagini trasmesse da una televisione locale, che ha ripreso di sfuggita il sacerdote impegnato nella vestizione della statua. I fotogrammi hanno scatenato l'ira degli altri sacerdoti del luogo, dei partiti politici e delle organizzazioni indù che lo accusano di aver denigrato l'immagine di Krishna.

L'accusato ha detto di averlo vestito così a causa del suo "eterno amore" per il dio ed ha cercato di definire il nuovo stile "un avatar [reincarnazione ndr] di Krishna ancora sconosciuta".

La famiglia Goswami è per tradizione la custode del tempio: i suoi membri ne assumono la direzione a rotazione, ma ora sono stati banditi persino dal varcarne i cancelli.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Giappone: grazie alle suore paoline la Bibbia si legge anche sul cellulare
13/05/2006
Taiwan, lavoratori thailandesi in rivolta
24/08/2005
Kerala, monaca indù: nessun dio vieta alle donne di entrare nei templi
04/01/2019 11:59
Agra: contro la "love jihad", vietare i telefoni cellulari alle ragazze indù
02/09/2014
Nepal, cellulari in regalo ai saggi nudi "Naga Baba" per diffondere messaggi di laicità e tolleranza
17/02/2015