01/09/2014, 00.00
INDONESIA
Invia ad un amico

Medan: medici e studenti cattolici in ritiro, per rafforzare collaborazione e amicizia

di Mathias Hariyadi
Il tema della 19ma edizione dell’incontro è “Accrescere l’unità attraverso la solidarietà”. All’evento hanno partecipato almeno 80 persone, fra studenti e dottori; presenti anche sacerdoti della zona. Lezioni teoriche e seminari hanno affiancato esercitazioni pratiche. Universitaria cattolica: iniziativa che rafforza “cooperazione e relazioni reciproche”.

Jakarta (AsiaNews) - Con l'obiettivo di rafforzare il senso di collaborazione e l'amicizia reciproca attraverso seminari di approfondimento e attività pratiche, dottori cattolici e studenti di medicina di varie facoltà di tutta l'Indonesia hanno partecipato alla 19ma edizione dell'incontro annuale promosso dalla "Pjpmkfki". Si tratta dell'associazione che riunisce un network di medici - presenti e futuri - cattolici di tutto l'arcipelago e che quest'anno si è riunita nei giorni scorsi in un centro carmelitano dell'arcidiocesi di Medan, nella provincia di North Sumatra. Alla settimana di eventi hanno aderito circa 80 partecipanti, provenienti da diversi atenei - pubblici e statali - sparsi per il Paese. Come sottolinea Cinthya Theresia Tambunan, studentessa di Scienze mediche dell'università di Indonesia, a Jakarta, l'iniziativa ha rafforzato un "senso di cooperazione e relazioni reciproche tra noi". 

L'edizione 2014 è stata realizzata grazie alla collaborazione fra il gruppo studentesco di San Luca della North Sumatra University e i membri della St. Raphael Methodist University, entrambe di Medan. Durante le giornate di seminario dottori e studenti hanno visitato le aree più remote, per fornire cure mediche gratuite alla popolazione locale. All'attività pratica si aggiungono i seminari sulla salute e la prevenzione di base, al quale hanno partecipato anche alcuni sacerdoti della zona. 

All'insegna del tema "Accrescere l'unità attraverso la solidarietà", sacerdoti e partecipanti hanno rafforzato i legami reciproci per cementare lo spirito di cooperazione, al servizio della società e dei malati in particolare. I membri di Pjpmkfki si definiscono un gruppo "informale", nato nel 1990 durante il regime del presidente Suharto su iniziativa degli studenti dell'università di Indonesia a Jakarta e della Padjajaran University di Bandung, nel West Java, entrambi atenei statali.

I primi anni sono stati obiettivo delle unità di intelligence governative, che operavano una vasta censura e bloccavano tutte le attività non in linea con il regime. Col tempo il progetto si è allargato fino a comprendere studenti e professionisti da tutto il Paese. 

Cinthya Tambunan, originaria di Medan, aggiunge che "a livello personale, questo tipo di iniziative sono un'occasione unica per permettere ai partecipanti [di diverse università] di conoscersi meglio e questo è elemento di rafforzamento a livello morale per tutti". 

In Indonesia, nazione musulmana più popolosa al mondo, i cattolici sono una piccola minoranza composta da circa sette milioni di persone, pari al 3% circa della popolazione totale. Nella sola arcidiocesi di Jakarta, i fedeli raggiungono il 3,6% della popolazione. Essi sono una parte attiva nella società e contribuiscono allo sviluppo della nazione o all'opera di aiuti durante le emergenze, come avvenuto per in occasione della devastante alluvione del gennaio 2013. 

 

 

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Conoscenze e capacità: il contributo degli ex studenti alla formazione nei seminari
24/08/2018 11:56
Purwokerto: forum diocesano, per promuovere la “fraternità” fra futuri sacerdoti
10/07/2014
Puwokerto: seminaristi “missionari” fra i giovani, per alimentare le vocazioni
06/05/2014
Poso, violenze anticristiane: estremisti incendiano una chiesa protestante
23/10/2012
Formare sacerdoti per la missione della Chiesa nell’Orissa vittima dell’estremismo indù
11/12/2010