26 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/01/2011
LIBANO
Mediatori all’opera a Beirut, ma le prospettive sono quasi nulle
Gli inviati di Turchia e Qatar stanno incontrando i responsabili della politica libanese, ma un accordo non sembra possibile. In ambito internazionale il “Gruppo di contatto” proposto da Sarlozy trova il sostegno degli Stati Uniti e della Siria, che però non vuole che Washington ne faccia parte. E l’Arabia Saudita minaccia di “lavarsi le mani”.

Beirut (AsiaNews) – Sono in corso, a Beirut, gli incontri dei “mediatori” di Turchia – il ministro degli esteri Ahmet Davutoglu – e del Qatar – il primo ministro Sheikh Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani – arrivati ieri nella capitale libanese. Essi hanno incontrato il presidente Michel Suleiman, il premier Saad Hariri, il presidente della Camera Nabih Berri e il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah e proseguono oggi i loro colloqui con altri esponenti politici.
 
Una dichiarazione diffusa al termine dell’incontro tra i mediatori e il presidente parla solo di colloqui “profondi e utili”. Ambienti della presidenza citati dall’Orient le Jour hanno comunque fatto sapere che la mediazione ha lo scopo di salvare l’intesa siro-saudita.
 
In realtà, le prospettive sono difficili. Praticamente nulle le possiilità che l’attuale mediazione dei due inviati di Turchia e Qatar arrivi a dar vita a un accordo, mentre si prospetta da un lato l’azione del “Gruppo di contatto” proposto dal presidente francese Sarkozy (e che dovrebbe comprendere, oltre al Libano, Francia, Siria, Turchia, Arabia Saudita e Qatar) e dall’altra la probabile nuova designazione di Saad Hariri a capo del governo, con nuovi mesi di stallo politico.
 
La proposta di Sarkozy ha ricevuto oggi il sostegno degli Stati Uniti, ma, sembra vedere l’ostilità del presidente siriano alla partecipazione di Washington al “Gruppo”. Il portavoce del Dipartimento di Stato, Philip Crowley, ha riconosciuto che Damasco “ha interessi in Libano”, aggiungendo che il suo Paese invita la Siria e gli altri Paesi “a rispettare la sovranità e l’indipendenza del Libano”
  
In questo quadro internazionale, secondo An-Nahar, le proposte finora avanzate dai due inviati si scontrano con una serie di condizioni poste dall’opposizione guidata da Hezbollah. Le richieste del Partito di Dio sono legate alle voci che vogliono suoi esponenti di alto livello accusati dal Tribunale speciale per il Libano di essere responsabili dell’assassinio dell’ex premeri Rafic Hariri. E ieri, Berri, capo del partito Amal, alleato di Hezbollah, aveva sostenuto che la linea politica dell’opposizione potrà cambiare solo dopo che saranno ufficializzati i nomi degli imputati.
 
Una mossa a sorpresa, forse un gesto di pressione sui contendenti è arrivata dall’Arabia Saudita. Oggi il ministro degli esteri Saud al-Faisal ha detto che re Abdullah giudica “pericolosa” la situazione libanese, con la prospettiva della divisione di uno Stato “modello di pacifica convivenza tra religioni ed etnie”  e che sta pensando di “lavarsi le mani” dal tentativo di mediazzione che da tempo sta svolgendo insieme alla Siria.
 
La vicenda ha anche un altro interprete, lontano dai tavoli negoziali, ma ben presente: stamattina caccia israeliani hanno sorvolato Nabatiyeh, Iqlim al-Tuffah, Kfarkila e Khiam. (PD)
 

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
22/01/2011 LIBANO
Joumblatt con gli Hezbollah: un “colpo di Stato bianco”
di Paul Dakiki
26/11/2010 LIBANO
Tensione a Beirut mentre si avvicina l’atto di accusa per l’assassinio di Hariri
di Fady Noun
22/07/2010 LIBANO - SIRIA - IRAN
Nuove tensioni in Libano : Hezbollah fra i responsabili dell’uccisione di Hariri
di Fady Noun
04/01/2007 LIBANO
Vescovi maroniti: per la crisi libanese servono “soluzioni nuove”
di Paul Dakiki
18/01/2011 LIBANO
Prime manifestazioni in piazza mentre giungono a Beirut inviati del mondo arabo

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate