18 Agosto 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 19/01/2011, 00.00

    LIBANO

    Mediatori all’opera a Beirut, ma le prospettive sono quasi nulle



    Gli inviati di Turchia e Qatar stanno incontrando i responsabili della politica libanese, ma un accordo non sembra possibile. In ambito internazionale il “Gruppo di contatto” proposto da Sarlozy trova il sostegno degli Stati Uniti e della Siria, che però non vuole che Washington ne faccia parte. E l’Arabia Saudita minaccia di “lavarsi le mani”.
    Beirut (AsiaNews) – Sono in corso, a Beirut, gli incontri dei “mediatori” di Turchia – il ministro degli esteri Ahmet Davutoglu – e del Qatar – il primo ministro Sheikh Hamad bin Jassim bin Jaber Al Thani – arrivati ieri nella capitale libanese. Essi hanno incontrato il presidente Michel Suleiman, il premier Saad Hariri, il presidente della Camera Nabih Berri e il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah e proseguono oggi i loro colloqui con altri esponenti politici.
     
    Una dichiarazione diffusa al termine dell’incontro tra i mediatori e il presidente parla solo di colloqui “profondi e utili”. Ambienti della presidenza citati dall’Orient le Jour hanno comunque fatto sapere che la mediazione ha lo scopo di salvare l’intesa siro-saudita.
     
    In realtà, le prospettive sono difficili. Praticamente nulle le possiilità che l’attuale mediazione dei due inviati di Turchia e Qatar arrivi a dar vita a un accordo, mentre si prospetta da un lato l’azione del “Gruppo di contatto” proposto dal presidente francese Sarkozy (e che dovrebbe comprendere, oltre al Libano, Francia, Siria, Turchia, Arabia Saudita e Qatar) e dall’altra la probabile nuova designazione di Saad Hariri a capo del governo, con nuovi mesi di stallo politico.
     
    La proposta di Sarkozy ha ricevuto oggi il sostegno degli Stati Uniti, ma, sembra vedere l’ostilità del presidente siriano alla partecipazione di Washington al “Gruppo”. Il portavoce del Dipartimento di Stato, Philip Crowley, ha riconosciuto che Damasco “ha interessi in Libano”, aggiungendo che il suo Paese invita la Siria e gli altri Paesi “a rispettare la sovranità e l’indipendenza del Libano”
      
    In questo quadro internazionale, secondo An-Nahar, le proposte finora avanzate dai due inviati si scontrano con una serie di condizioni poste dall’opposizione guidata da Hezbollah. Le richieste del Partito di Dio sono legate alle voci che vogliono suoi esponenti di alto livello accusati dal Tribunale speciale per il Libano di essere responsabili dell’assassinio dell’ex premeri Rafic Hariri. E ieri, Berri, capo del partito Amal, alleato di Hezbollah, aveva sostenuto che la linea politica dell’opposizione potrà cambiare solo dopo che saranno ufficializzati i nomi degli imputati.
     
    Una mossa a sorpresa, forse un gesto di pressione sui contendenti è arrivata dall’Arabia Saudita. Oggi il ministro degli esteri Saud al-Faisal ha detto che re Abdullah giudica “pericolosa” la situazione libanese, con la prospettiva della divisione di uno Stato “modello di pacifica convivenza tra religioni ed etnie”  e che sta pensando di “lavarsi le mani” dal tentativo di mediazzione che da tempo sta svolgendo insieme alla Siria.
     
    La vicenda ha anche un altro interprete, lontano dai tavoli negoziali, ma ben presente: stamattina caccia israeliani hanno sorvolato Nabatiyeh, Iqlim al-Tuffah, Kfarkila e Khiam. (PD)
     
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    22/01/2011 LIBANO
    Joumblatt con gli Hezbollah: un “colpo di Stato bianco”
    In forse la ricandidatura di Hariri. I suoi sostenitori studiano il da farsi. Geagea ha cancellato una visita in Francia. Turchia e Qatar abbandonano la mediazione. Fra due giorni iniziano le consultazioni del presidente per un nuovo governo. Timori per un nuovo stallo politico e forse per nuove tensioni fra sunniti e sciiti.

    26/11/2010 LIBANO
    Tensione a Beirut mentre si avvicina l’atto di accusa per l’assassinio di Hariri
    Le indiscrezioni che parlano di un coinvolgimento di uomini di Hezbollah hanno già causato una paralisi parziale delle istituzioni per il boicottaggio degli esponenti dell’opposizione. Ma in Libano è meno forte il timore avanzato in Occidente di possibili atti di forza del Partito. E’ comunque una partita che coinvolge potenze regionali e internazionali.

    04/01/2007 LIBANO
    Vescovi maroniti: per la crisi libanese servono “soluzioni nuove”
    Secondo i presuli “il nodo nevralgico” dello scontro è la formazione del tribunale internazionale. Esponenti di Hezbollah hanno incontrato il re saudita. Il Consiglio superiore sciita invita a tornare al “tavolo del dialogo”.

    22/07/2010 LIBANO - SIRIA - IRAN
    Nuove tensioni in Libano : Hezbollah fra i responsabili dell’uccisione di Hariri
    Il Tribunale speciale sul Libano sta per rivelare responsabilità di alcuni capi di Hezbollah nell’assassinio del defunto premier libanese. A rischio la rottura della politica del consenso inaugurata con l’accordo di Doha. Anche la Siria sembra cambiare alleanze nella regione, distaccandosi da Teheran e da Hezbollah.

    18/01/2011 LIBANO
    Prime manifestazioni in piazza mentre giungono a Beirut inviati del mondo arabo
    Dispersi stamattina gruppi di attivisti filo-Hezbollah, all’indomani dell’annuncio che il Tribunale internazionale ha depositato l’accusa per l’assassinio di Rafic Hariri. L’esercito pattuglia le vie della capitale, dove arrivano il ministro degli esteri turco e il primo ministro del Qatar, all’indomani di un vertice a Damasco. Telefonata di Ahmadinejad a Erdogan, monito saudita a “preservare l’unità, la sicurezza e la stabilità” del Paese, mentre Obama invita a “mantenere la calma”.



    In evidenza

    LIBANO-M. ORIENTE-VATICANO
    Patriarchi cattolici d’Oriente: Il genocidio dei cristiani, un affronto contro tutta l’umanità

    Fady Noun

    Colpite da guerre, emigrazione e insicurezza, le comunità cristiane si sono ridotte ormai a un “piccolo gregge” nell’indifferenza internazionale. Un appello a papa Francesco e alla comunità internazionale. Cattolici e ortodossi condividono gli stessi problemi. La fine dei cristiani in Oriente sarebbe “uno stigma di vergogna per tutto il XXI secolo”.


    COREA
    Vescovi coreani: No alle ‘provocazioni imprudenti’. Fermiamo l’escalation nucleare lavorando per la ‘coesistenza dell’umanità’



    I vescovi coreani hanno diffuso oggi un’Esortazione sulle tensioni crescenti attorno alla penisola coreana. La Corea del Nord, ma anche i “Paesi limitrofi” rischiano di compiere “azioni precipitose, senza freni”, che potrebbero portare alla “morte di innumerevoli persone” e a “piaghe profonde per l’intera l’umanità”. Ridurre le spese militari e potenziare le spese per lo sviluppo umano e culturale. L’appello a usare “la coscienza, l’intelligenza, la solidarietà, la pietà e il mutuo rispetto”. La preghiera nel giorno dell’Assunta, festa dell’indipendenza coreana.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®