28 Aprile 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 10/12/2003
iraq
"Mi auguro che gli Stati Uniti e i loro alleati non lascino l'Iraq"
di Lorenzo Fazzini
Intervista a Mons. Jean Benjamin Sleiman, arcivescovo latino di Baghdad*

Verona (AsiaNews) - Le Forze della Coalizione come ultimo baluardo contro il caos che il terrorismo fondamentalista vuole instaurare in Iraq e nel Medio Oriente. Di passaggio da Verona, mons. Jean Benjamin Sleiman, arcivescovo di Baghdad per i fedeli di rito latino, ha rilasciato questa intervista ad AsiaNews.

Come la popolazione irachena giudica le forze militari straniere?

Bisogna distinguere tra la popolazione civile, e quelli che pianificano attentati perseguendo uno scopo politico. Questi soldati stranieri hanno fatto del bene alla gente e la gente vuole loro bene.

Dico comunque che non bisogna avere troppa fiducia nelle reazioni della gente perché può cambiare opinione con facilità: può bastare il discorso di un imam per far diventare  nemici quelli che prima erano amici.

E i soldati italiani, come sono visti?

Il lavoro svolto dai vostri soldati è soprattutto umanitario. Hanno sempre avuto la preoccupazione di essere al servizio della popolazione e di aiutarla: sono andati al di là anche di una missione militare di pace. Hanno prestato soccorsi a bambini, anziani, donne, ammalati.

Come si spiega la strage di Nassiriyah?

Non bisogna dimenticare che gli italiani sono alleati degli americani. Per i terroristi, gli amici degli Stati Uniti sono i loro nemici. Forse bisognava prendere più misure di sicurezza. Comunque, chi ha pianificato quegli attentati non erano certo le persone che i vostri soldati incontravano tutti i giorni.

La presenza della coalizione deve proseguire?

Certo, dovrà continuare. Ma con maggior cautela. Mi auguro che gli Stati Uniti e i loro alleati non lascino l'Iraq perché altrimenti sorgerà un caos ancora più violento che potrebbe coinvolgere anche altri Paesi della regione. Potrebbe scoppiare una guerra interna che rischierebbe di estendersi in tutto il Medio Oriente. Mi auguro che al più presto in Iraq rientri l'Onu e vengano coinvolti anche altri Paesi.

A cosa tende questo stillicidio di attentati in Iraq?

I terroristi vogliono che in Iraq si instauri la loro "democrazia", quella della legge islamica. Essi pensano che solo questa è una vera forma democratica di governo, non quella occidentale.

Questo progetto può estendersi anche in altri Paesi?

Certamente. La rivoluzione sciita in Iran [ai tempi di Khomeini – ndr] ebbe influsso altrove. Una possibile vittoria dei terroristi in Iraq e l'instaurazione di un governo fondamentalista potrebbero avere forti influssi in tutta la regione. Bisogna impedire l'estendersi del fondamentalismo terrorista. Ma per realizzare questo è necessaria più unanimità all'interno dei Paesi influenti nell'Onu.

 

* Mons. Jean B. Sleiman, 57 anni, libanese di origine maronita, si è licenziato in Sociologia all'Università di Lione, ha conseguito il Magistero in Scienze Sociali nell'Università di Beirut ed il Dottorato in Antropologia sociale e culturale all'Università di Parigi V-Sorbonne. Definitore Generale dell'Ordine carmelitano dal 1991 al 1997, è stato quindi rieletto per un altro sessennio fino al 2003. Ha pure insegnato Scienze Sociali all'Università St. Joseph dei Padri Gesuiti di Beirut e Antropologia sociale e culturale al "Teresianum" di Roma. Dal 2001 è arcivescovo dei cattolici di rito latino a Baghdad.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
26/01/2005 IRAQ
Vescovo di Kirkuk: Votare è un dovere nazionale e religioso
27/08/2004 IRAQ
Patriarca caldeo: "Preghiamo per la famiglia del giornalista ucciso"
20/01/2004 iraq
"L'Iraq, paese multietnico, spera nel federalismo"
di Pierre Balanian
10/09/2004 IRAQ - VATICANO
Ambasciatore iracheno in Vaticano: "Tornano in Iraq i cristiani profughi all'estero"
16/03/2004 iraq
Nell'Iraq dell'occupazione c'è speranza di democrazia

In evidenza
VATICANO
Papa: Il ricordo e la preghiera per una “nuova tragedia” dei migranti, “fratelli nostri” che “cercavano la felicità”Al Regina Caeli, papa Francesco fa pregare per le centinaia di vittime del barcone affondato al largo della Libia. Un appello alla comunità internazionale perché “agisca con decisione e prontezza”. “Ogni battezzato è chiamato a testimoniare, con le parole e con la vita, che Gesù è risorto, che è vivo e presente in mezzo a noi”. Il messaggio cristiano “non è una teoria, un’ideologia o un complesso sistema di precetti e divieti, oppure un moralismo, ma un messaggio di salvezza, un evento concreto, anzi una Persona: è Cristo risorto, vivente e unico Salvatore di tutti”. Il papa sarà a Torino il 21 giugno per onorare la Sindone, la cui ostensione comincia oggi.
ARABIA SAUDITA - YEMEN
Con la guerra in Yemen, l’Arabia Saudita maschera le tensioni interne
di Afshin ShahiIl conflitto in Yemen serve all’Arabia Saudita per coprire i suoi problemi interni, primo tra tutti la disuguaglianza tra le classi e il settarismo religioso. La famiglia reale ostenta lo sfarzo più assoluto mentre il 20% della popolazione vive in povertà. Molti giovani sauditi scontenti alimentano l’esercito dei “foreign fighters” dello Stato islamico (IS). Il 15% della popolazione è di religione sciita e subisce pesanti restrizioni dallo Stato sunnita. La lucida analisi di Afshin Shahi, Direttore del Centro di studi di politica islamica e Professore di Relazioni Internazionali e di Politica del Medio Oriente all’università di Bradford.
VATICANO
Papa: Sulle persecuzioni dei cristiani, la comunità internazionale “non assista muta e inerte”, non “rivolga il suo sguardo da un’altra parte”Al Regina Caeli (la preghiera mariana nel tempo di Pasqua), per la sesta volta in una settimana, papa Francesco ricorda il martirio dei cristiani e denuncia l’indifferenza della comunità internazionale verso questa “preoccupante deriva dei diritti umani più elementari”. I martiri di oggi “sono tanti e possiamo dire che siano più numerosi che nei primi secoli”. “La fede nella risurrezione di Gesù - ha continuato - e la speranza che Egli ci ha portato è il dono più bello che il cristiano può e deve offrire ai fratelli. A tutti e a ciascuno, dunque, non stanchiamoci di ripetere: Cristo è risorto!”

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate