Skin ADV
07 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 10/12/2003, 00.00

    iraq

    "Mi auguro che gli Stati Uniti e i loro alleati non lascino l'Iraq"

    Lorenzo Fazzini

    Intervista a Mons. Jean Benjamin Sleiman, arcivescovo latino di Baghdad*

    Verona (AsiaNews) - Le Forze della Coalizione come ultimo baluardo contro il caos che il terrorismo fondamentalista vuole instaurare in Iraq e nel Medio Oriente. Di passaggio da Verona, mons. Jean Benjamin Sleiman, arcivescovo di Baghdad per i fedeli di rito latino, ha rilasciato questa intervista ad AsiaNews.

    Come la popolazione irachena giudica le forze militari straniere?

    Bisogna distinguere tra la popolazione civile, e quelli che pianificano attentati perseguendo uno scopo politico. Questi soldati stranieri hanno fatto del bene alla gente e la gente vuole loro bene.

    Dico comunque che non bisogna avere troppa fiducia nelle reazioni della gente perché può cambiare opinione con facilità: può bastare il discorso di un imam per far diventare  nemici quelli che prima erano amici.

    E i soldati italiani, come sono visti?

    Il lavoro svolto dai vostri soldati è soprattutto umanitario. Hanno sempre avuto la preoccupazione di essere al servizio della popolazione e di aiutarla: sono andati al di là anche di una missione militare di pace. Hanno prestato soccorsi a bambini, anziani, donne, ammalati.

    Come si spiega la strage di Nassiriyah?

    Non bisogna dimenticare che gli italiani sono alleati degli americani. Per i terroristi, gli amici degli Stati Uniti sono i loro nemici. Forse bisognava prendere più misure di sicurezza. Comunque, chi ha pianificato quegli attentati non erano certo le persone che i vostri soldati incontravano tutti i giorni.

    La presenza della coalizione deve proseguire?

    Certo, dovrà continuare. Ma con maggior cautela. Mi auguro che gli Stati Uniti e i loro alleati non lascino l'Iraq perché altrimenti sorgerà un caos ancora più violento che potrebbe coinvolgere anche altri Paesi della regione. Potrebbe scoppiare una guerra interna che rischierebbe di estendersi in tutto il Medio Oriente. Mi auguro che al più presto in Iraq rientri l'Onu e vengano coinvolti anche altri Paesi.

    A cosa tende questo stillicidio di attentati in Iraq?

    I terroristi vogliono che in Iraq si instauri la loro "democrazia", quella della legge islamica. Essi pensano che solo questa è una vera forma democratica di governo, non quella occidentale.

    Questo progetto può estendersi anche in altri Paesi?

    Certamente. La rivoluzione sciita in Iran [ai tempi di Khomeini – ndr] ebbe influsso altrove. Una possibile vittoria dei terroristi in Iraq e l'instaurazione di un governo fondamentalista potrebbero avere forti influssi in tutta la regione. Bisogna impedire l'estendersi del fondamentalismo terrorista. Ma per realizzare questo è necessaria più unanimità all'interno dei Paesi influenti nell'Onu.

     

    * Mons. Jean B. Sleiman, 57 anni, libanese di origine maronita, si è licenziato in Sociologia all'Università di Lione, ha conseguito il Magistero in Scienze Sociali nell'Università di Beirut ed il Dottorato in Antropologia sociale e culturale all'Università di Parigi V-Sorbonne. Definitore Generale dell'Ordine carmelitano dal 1991 al 1997, è stato quindi rieletto per un altro sessennio fino al 2003. Ha pure insegnato Scienze Sociali all'Università St. Joseph dei Padri Gesuiti di Beirut e Antropologia sociale e culturale al "Teresianum" di Roma. Dal 2001 è arcivescovo dei cattolici di rito latino a Baghdad.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    26/01/2005 IRAQ
    Vescovo di Kirkuk: Votare è un dovere nazionale e religioso
    Mons. Sako: "Nelle nostre messe diciamo di andare a votare. Le elezioni sono una cosa immensa e nuova". Al Jazeera e Al Arabiya danno notizie false che spingono al fanatismo.

    27/08/2004 IRAQ
    Patriarca caldeo: "Preghiamo per la famiglia del giornalista ucciso"

    Ieri sera la tv araba al-Jazeera ha dato la notizia della morte del giornalista italiano Enzo Baldoni, rapito la scorsa settimana a Najaf da una sedicente banda criminale chiamata "Esercito islamico  in Iraq". La tv araba non ha fatto vedere le immagini dell'esecuzione, ritenendole troppo cruente. Chi ha visto il filmato parla di una breve colluttazione, alla quale ha fatto seguito l'uccisione del giornalista free- lance con colpi di pistola e ha definito le immagini "agghiaccianti". Baldoni era sposato ed era padre di due figli; egli collaborava con una rivista milanese e aveva compiuto diversi viaggi in zone considerate "a rischio". Personalità irakene del mondo cristiano e islamico hanno voluto testimoniare il cordoglio e il dolore per la tragica morte del giornalista italiano.



    20/01/2004 iraq
    "L'Iraq, paese multietnico, spera nel federalismo"

    Intervista a Mons. Louis Sako, arcivescovo caldeo di Kirkuk



    10/09/2004 IRAQ - VATICANO
    Ambasciatore iracheno in Vaticano: "Tornano in Iraq i cristiani profughi all'estero"

    Oggi a Roma il presidente al Yawar incontra il premier italiano Berlusconi



    10/01/2005 iraq
    Patriarca di Baghdad: il terrorismo colpisce tutti gli iracheni
    Cento morti nell'ultima settimana. Questa mattina ucciso il vice capo della polizia di Baghdad.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®