28 Agosto 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/08/2012
IRAN - USA
Migliaia di bambini iraniani "vittime collaterali" delle sanzioni di Obama
Il presidente Usa rafforza sanzioni contro chi commercia con ditte petrolifere iraniane o aiuta l'Iran a evitare le sanzioni. Colpite una banca cinese e una irakena. Decine di migliaia di bambini emofiliaci senza medicine a causa dell'embargo sulle transazioni finaziarie. "Vittime collaterali" anche fra gli imprenditori.

Teheran (AsiaNews) - Il presidente Usa Barack Obama ha stabilito un aumento delle sanzioni contro l'Iran, che colpiscono in modo ancora più profondo il settore energetico e quello finanziario. Nel Paese emergono sempre più problemi per la popolazione, anche per bambini malati che non riescono a trovare sul mercato le medicine necessarie.

All'inizio dell'anno l'amministrazione Usa, nel tentativo di fermare il programma nucleare iraniano - da essa giudicato pericoloso dal punto di vista bellico -  ha varato sanzioni che colpiscono le esportazioni di petrolio (uno dei pochi beni ancora rimasti all'Iran) e le transazioni finanziarie con il Paese. A luglio le sanzioni sono state varate anche dall'Unione europea. Teheran nega che il suo programma abbia scopi bellici e sta cercando di sfuggire all'embargo e alle sanzioni usando come merce di scambio l'oro o tornando alla pratica del baratto.

Le nuove sanzioni colpiscono ogni compagnia che commercia con la National Iranian Oil Company, la Naftiran Intertrade Company e la banca centrale iraniana. Nel mirino sono anche i gruppi che aiutano l'Iran ad acquistare dollari americani o metalli preziosi. Da questo punto di vista, le nuove sanzioni condannano pure la banca cinese Kunlun e quella irakena Elaf Islamic Bank che a giudizio di Washington aiutano l'Iran ad evadere le sanzioni.

Il braccio di ferro di Usa (e Unione europea) contro l'Iran sta però creando molte "vittime collaterali". Fra questi vi sono i migliaia di bambini emofiliaci che, a causa delle sanzioni, non possono trovare sul mercato le medicine loro necessarie.

L'associazione iraniana per l'emofilia ha scritto alla Federazione internazionale denunciando che "la vita di decine di migliaia di bambini è messa in pericolo per la mancanza di medicine specifiche". Di per sé  non vi è embargo sulle medicine, ma essendo bloccate tutte le transazioni bancarie, non è possibile acquistare, pagare e trasferire medicine attraverso bonifici internazionali.

"Vittime collaterali" possono essere definiti anche tutti gli imprenditori grandi e piccoli bloccati nel loro commercio con l'estero. Fonti di AsiaNews parlano di imprese che chiudono e di altre che fanno fatica a sopravvivere perché non possono vendere o acquistare all'estero. "Non sappiamo dove tutto questo ci porterà", dichiara uno di loro. "Quel che è certo è che è ormai impossibile vivere".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/05/2014 IRAN
E' tempo di togliere le sanzioni contro l'Iran, causa di una crisi umanitaria
di Bernardo Cervellera
12/06/2012 INDIA – STATI UNITI – IRAN
Petrolio iraniano: Gli Usa “cancellano” le sanzioni economiche per l’India
05/01/2012 IRAN - UE
Nuove sanzioni della Ue sul petrolio iraniano
15/02/2012 INDIA
L’India sfrutta l’embargo Usa sull’Iran
di CT Nilesh
26/06/2012 COREA DEL SUD – IRAN
Per le sanzioni Usa e Ue, Seoul costretta a tagliare le importazioni di greggio iraniano

In evidenza
IRAQ-ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del Patriarca Louis Sako; le preoccupazioni del vescovo del Kurdistan
di Bernardo CervelleraIl capo della Chiesa caldea ringrazia per la campagna di AsiaNews e spera che "questa catena di solidarietà si allunghi". Aiutare i profughi a rimanere in Iraq. Ma molti vogliono fuggire all'estero. Il vescovo di Amadiyah, che ha accolto migliaia di sfollati nelle chiese e nelle case: Aiutiamo anche arabi (musulmani) e yazidi, in modo gratuito e senza guardare alle differenze confessionali.
ITALIA - IRAQ
"Adotta un cristiano di Mosul", rispondere nei fatti e con la vita all'emergenza irachenaAsiaNews lancia una raccolta fondi per sostenere i fedeli nel mirino dello Stato islamico, dopo le richieste del Patriarca di Baghdad e il pressante appello di papa Francesco "a assicurare gli aiuti necessari, soprattutto quelli più urgenti, a così tanti sfollati, la cui sorte dipende dalla solidarietà altrui". Oltre 100mila persone sono state costrette a fuggire dalle loro case senza niente addosso, e ora non hanno di che vivere. Per aiutarli, bastano 5 euro al giorno: i fondi raccolti saranno inviati al Patriarcato di Baghdad, che provvederà a distribuirli secondo i bisogni di ogni famiglia.
CINA-VATICANO
Vescovo e sacerdoti di Wenzhou denunciano la campagna del governo contro le croci e le chiese del Zhejiang
di Eugenia ZhangPer mons. Vincenzo Zhu Weifang, della Chiesa ufficiale, la campagna di distruzione aumenta l'instabilità sociale. E' vera persecuzione contro la fede cristiana. Il vescovo si scusa per non essere intervenuto prima: sperava che la campagna finisse presto. Fedeli cattolici e protestanti sono rimasti feriti per difendere i loro edifici sacri. I sacerdoti di Wenzhou: la campagna è ingiusta e colpisce anche edifici in regola. Questi "atti stupidi" del governo provocano una distruzione dell'armonia sociale.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate