2 Giugno 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 01/08/2012
IRAN - USA
Migliaia di bambini iraniani "vittime collaterali" delle sanzioni di Obama
Il presidente Usa rafforza sanzioni contro chi commercia con ditte petrolifere iraniane o aiuta l'Iran a evitare le sanzioni. Colpite una banca cinese e una irakena. Decine di migliaia di bambini emofiliaci senza medicine a causa dell'embargo sulle transazioni finaziarie. "Vittime collaterali" anche fra gli imprenditori.

Teheran (AsiaNews) - Il presidente Usa Barack Obama ha stabilito un aumento delle sanzioni contro l'Iran, che colpiscono in modo ancora più profondo il settore energetico e quello finanziario. Nel Paese emergono sempre più problemi per la popolazione, anche per bambini malati che non riescono a trovare sul mercato le medicine necessarie.

All'inizio dell'anno l'amministrazione Usa, nel tentativo di fermare il programma nucleare iraniano - da essa giudicato pericoloso dal punto di vista bellico -  ha varato sanzioni che colpiscono le esportazioni di petrolio (uno dei pochi beni ancora rimasti all'Iran) e le transazioni finanziarie con il Paese. A luglio le sanzioni sono state varate anche dall'Unione europea. Teheran nega che il suo programma abbia scopi bellici e sta cercando di sfuggire all'embargo e alle sanzioni usando come merce di scambio l'oro o tornando alla pratica del baratto.

Le nuove sanzioni colpiscono ogni compagnia che commercia con la National Iranian Oil Company, la Naftiran Intertrade Company e la banca centrale iraniana. Nel mirino sono anche i gruppi che aiutano l'Iran ad acquistare dollari americani o metalli preziosi. Da questo punto di vista, le nuove sanzioni condannano pure la banca cinese Kunlun e quella irakena Elaf Islamic Bank che a giudizio di Washington aiutano l'Iran ad evadere le sanzioni.

Il braccio di ferro di Usa (e Unione europea) contro l'Iran sta però creando molte "vittime collaterali". Fra questi vi sono i migliaia di bambini emofiliaci che, a causa delle sanzioni, non possono trovare sul mercato le medicine loro necessarie.

L'associazione iraniana per l'emofilia ha scritto alla Federazione internazionale denunciando che "la vita di decine di migliaia di bambini è messa in pericolo per la mancanza di medicine specifiche". Di per sé  non vi è embargo sulle medicine, ma essendo bloccate tutte le transazioni bancarie, non è possibile acquistare, pagare e trasferire medicine attraverso bonifici internazionali.

"Vittime collaterali" possono essere definiti anche tutti gli imprenditori grandi e piccoli bloccati nel loro commercio con l'estero. Fonti di AsiaNews parlano di imprese che chiudono e di altre che fanno fatica a sopravvivere perché non possono vendere o acquistare all'estero. "Non sappiamo dove tutto questo ci porterà", dichiara uno di loro. "Quel che è certo è che è ormai impossibile vivere".


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
12/05/2014 IRAN
E' tempo di togliere le sanzioni contro l'Iran, causa di una crisi umanitaria
di Bernardo Cervellera
12/06/2012 INDIA – STATI UNITI – IRAN
Petrolio iraniano: Gli Usa “cancellano” le sanzioni economiche per l’India
05/01/2012 IRAN - UE
Nuove sanzioni della Ue sul petrolio iraniano
15/02/2012 INDIA
L’India sfrutta l’embargo Usa sull’Iran
di CT Nilesh
26/06/2012 COREA DEL SUD – IRAN
Per le sanzioni Usa e Ue, Seoul costretta a tagliare le importazioni di greggio iraniano

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate