11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 01/08/2012, 00.00

    IRAN - USA

    Migliaia di bambini iraniani "vittime collaterali" delle sanzioni di Obama



    Il presidente Usa rafforza sanzioni contro chi commercia con ditte petrolifere iraniane o aiuta l'Iran a evitare le sanzioni. Colpite una banca cinese e una irakena. Decine di migliaia di bambini emofiliaci senza medicine a causa dell'embargo sulle transazioni finaziarie. "Vittime collaterali" anche fra gli imprenditori.

    Teheran (AsiaNews) - Il presidente Usa Barack Obama ha stabilito un aumento delle sanzioni contro l'Iran, che colpiscono in modo ancora più profondo il settore energetico e quello finanziario. Nel Paese emergono sempre più problemi per la popolazione, anche per bambini malati che non riescono a trovare sul mercato le medicine necessarie.

    All'inizio dell'anno l'amministrazione Usa, nel tentativo di fermare il programma nucleare iraniano - da essa giudicato pericoloso dal punto di vista bellico -  ha varato sanzioni che colpiscono le esportazioni di petrolio (uno dei pochi beni ancora rimasti all'Iran) e le transazioni finanziarie con il Paese. A luglio le sanzioni sono state varate anche dall'Unione europea. Teheran nega che il suo programma abbia scopi bellici e sta cercando di sfuggire all'embargo e alle sanzioni usando come merce di scambio l'oro o tornando alla pratica del baratto.

    Le nuove sanzioni colpiscono ogni compagnia che commercia con la National Iranian Oil Company, la Naftiran Intertrade Company e la banca centrale iraniana. Nel mirino sono anche i gruppi che aiutano l'Iran ad acquistare dollari americani o metalli preziosi. Da questo punto di vista, le nuove sanzioni condannano pure la banca cinese Kunlun e quella irakena Elaf Islamic Bank che a giudizio di Washington aiutano l'Iran ad evadere le sanzioni.

    Il braccio di ferro di Usa (e Unione europea) contro l'Iran sta però creando molte "vittime collaterali". Fra questi vi sono i migliaia di bambini emofiliaci che, a causa delle sanzioni, non possono trovare sul mercato le medicine loro necessarie.

    L'associazione iraniana per l'emofilia ha scritto alla Federazione internazionale denunciando che "la vita di decine di migliaia di bambini è messa in pericolo per la mancanza di medicine specifiche". Di per sé  non vi è embargo sulle medicine, ma essendo bloccate tutte le transazioni bancarie, non è possibile acquistare, pagare e trasferire medicine attraverso bonifici internazionali.

    "Vittime collaterali" possono essere definiti anche tutti gli imprenditori grandi e piccoli bloccati nel loro commercio con l'estero. Fonti di AsiaNews parlano di imprese che chiudono e di altre che fanno fatica a sopravvivere perché non possono vendere o acquistare all'estero. "Non sappiamo dove tutto questo ci porterà", dichiara uno di loro. "Quel che è certo è che è ormai impossibile vivere".

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    10/01/2017 09:21:00 IRAN - STATI UNITI
    Teheran, il Parlamento approva l’aumento delle spese militari: fino al 5% del bilancio statale

    Il piano quinquennale prevede il potenziamento di missili balistici, droni armati e cyber-guerra. I parlamentari hanno approvato con 173 voti favorevoli e 10 contrari. Intellettuali, artisti e attivisti di origine iraniana in Usa scrivono al neo presidente Trump: salvaguardare l’accordo sul nucleare per evitare nuovi conflitti nella regione.

     



    29/04/2016 09:05:00 IRAN-USA
    Teheran chiede aiuto all’Onu per i fondi iraniani congelati negli Usa, gestiti dalla Corte suprema

    Una lettera di Javad Zarif a Ban Ki-moon, ricorda le ingiustizie subite dal popolo iraniano a causa della politica Usa. Critiche alla Corte suprema che permette lo sblocco di fondi congelati per ricompensare le vittime del terrorismo a Beirut.



    30/01/2017 13:05:00 STATI UNITI - A. SAUDITA - IRAN
    Trump e re Salman favorevoli a un applicazione “rigorosa” dell’accordo nucleare iraniano

    Il presidente Usa e il monarca saudita hanno discusso ieri della questione in una conversazione telefonica. L’obiettivo è “fronteggiare” le attività “destabilizzanti” di Teheran nella regione. In campagna elettorale Trump aveva minacciato di stralciare l’accordo. I due leader hanno parlato anche di terrorismo islamico e zone sicure in Yemen e Siria. 

     



    20/04/2016 15:09:00 IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.



    12/05/2014 IRAN
    E' tempo di togliere le sanzioni contro l'Iran, causa di una crisi umanitaria
    Mancano latte in polvere per i bambini, medicine, strumenti medici per trattamenti specifici, macchine per i raggi X. L'inquinamento - causato dall'embargo sul gas di città - provoca 22mila morti all'anno nella sola Teheran. In poco più di 10 anni sono cresciuti del 181% i malati di cancro. Il commercio si è ridotto ed è cresciuta la disoccupazione. Le sanzioni arricchiscono i radicali e il loro commercio di contrabbando. Ampi spiragli di dialogo nel dialogo sul nucleare che si riapre domani a Vienna. Prima parte di un reportage sull'Iran.



    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®