28 Aprile 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 17/03/2017, 12.11

    BANGLADESH

    Militante bangladeshi kamikaze suicida in Iraq. La famiglia: aveva detto che andava a pregare

    Sumon Corraya

    Neaz Morshed Raja ha abbandonato moglie e figli piccoli per andare a combattere per il Califfato. È stato ripreso in un video, poco prima di farsi esplodere a Tikrit. Il suo nome era stato inserito nella lista dei giovani scomparsi dopo l’attentato al caffè di Dhaka.

    Dhaka (AsiaNews) – “Aveva detto che andava a pregare, ma non è più tornato a casa”. È il racconto di Zannatul Mawa, la sorella di un militante del Bangladesh radicalizzato in patria e andato a combattere in Iraq nelle file del Califfato islamico. L’uomo, di nome Neaz Morshed Raja, è comparso di recente in un video dell’Isis mentre era su un blindato e si preparava a compiere un attentato suicida a Tikrit. Il filmato dell’attacco risale all’ottobre del 2015, ma è stato reso pubblico solo ieri. La famiglia del miliziano, che aveva denunciato la scomparsa e sperava in suo ritorno, ha dichiarato: “Non capiamo come egli sia potuto divenire un radicale dello Stato islamico”.

    Zannatul racconta che il fratello era un ragazzo come tanti altri “e amava andare alle feste. Poi è cambiato. Ha iniziato a non andare più alle feste, ma a frequentare la moschea. Era diventato una persona religiosa. Noi eravamo felici di questa sua trasformazione- Non capiamo come abbia potuto fare una tale scelta”.

    Neaz Morshed Raja è andato via da casa due anni fa, lasciando la famiglia nella miseria e nella disperazione. “Sua moglie – continua la sorella – ha affrontato enormi problemi, essendo rimasta sola con due figli”. La donna riporta che, dopo la sua sparizione, la famiglia ha saputo che Neaz Morshed Raja si era trasferito all’estero e non sarebbe più tornato in Bangladesh.

    Il nome del radicale è comparso per la prima volta nelle liste delle persone sparite, redatta dopo la strage del primo luglio 2016 nell’Holey Artisan Bakery Cafè della capitale, durante la quale sono morte 20 persone. Dopo quell’attentato le autorità hanno incoraggiato i parenti a denunciare la scomparsa dei propri familiari. Così è emerso che tantissimi giovani bangladeshi, spesso indottrinati da imam e professori locali, hanno abbandonato le proprie famiglie per combattere con gli estremisti.

    Fariduddin, zio del militante morto suicida, dichiara: “Suo padre, morto nel 2011, era una persona istruita e gentile. Non riesco a capire come Neaz sia potuto diventare un militante. Se mio fratello fosse ancora vivo, avrebbe avuto un infarto”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    05/07/2016 14:58:00 BANGLADESH
    Esperti cristiani e musulmani: I terroristi di Dhaka hanno subito il lavaggio del cervello

    Gli attentatori del bar per stranieri erano giovani istruiti. I reclutatori dell’Isis preferiscono avvicinare i nuovi militanti online, perché essi sanno comprendere le loro motivazioni. La scarsa attenzione dei genitori porta i giovani a trascorrere tante ore in casa davanti alla tv, dove ascoltano i sermoni di predicatori radicali.



    23/03/2017 12:08:00 BANGLADESH
    Bangladesh, l’82% dei militanti si radicalizza sui social media

    È il risultato di un sondaggio della polizia, presentato ad un incontro internazionale delle agenzie per la sicurezza. Intervistati 250 estremisti islamici incarcerati. Dopo la strage di Dhaka è emerso che i predicatori islamici influenzano i giovani su internet.



    09/07/2016 11:01:00 BANGLADESH
    Video-minaccia dell’Isis: uno dei jihadisti è un famoso cantante di talent show

    L’uomo si chiama Tahamid Rahman Shafi ed è il figlio di un ex commissario del collegio elettorale. Ha studiato in scuole prestigiose e aveva guadagnato la fama grazie alle sue “melodie che conquistavano i cuori”. Genitori e amici non riescono a comprendere la decisione di unirsi al Califfato. “Sognava un futuro da cantante professionista”.



    21/07/2016 11:25:00 BANGLADESH
    Per il governo di Dhaka almeno 11 Ong finanziano gruppi terroristici

    Le organizzazioni avrebbero ricevuto il denaro fin dal 2012. I fondi provengono da Paesi del Medio Oriente – come Kuwait, Qatar e Arabia saudita – e Regno Unito. I gruppi islamici hanno aperto scuole, madrasse, ospedali e centri di formazione. Almeno 231 associazioni avrebbero foraggiato il terrorismo, con 500mila dipendenti su tutto il territorio.



    27/08/2016 12:37:00 BANGLADESH
    Dhaka, ucciso il mandante della strage nel bar per stranieri

    Tamim Ahmed Chowdhury era arrivato dal Canada nel 2013 e da quel momento aveva fatto perdere le sue tracce. Nel blitz di questa mattina sono morti altri due terroristi, dall’identità ignota. Il pianificatore della strage al caffè della capitale aveva creato una nuova branca del gruppo islamico Jama’atul Mujahideen Bangladesh.





    In evidenza

    VATICANO-EGITTO
    Papa Francesco in videomessaggio: Caro popolo d’Egitto…

    Papa Francesco

    In occasione della sua visita al Paese (28-29 aprile), oggi papa Francesco ha trasmesso un videomessaggio al popolo egiziano. “Il nostro mondo, dilaniato dalla violenza cieca – che ha colpito anche il cuore della vostra cara terra – ha bisogno di pace, di amore e di misericordia; ha bisogno di operatori di pace”.


    ISLAM
    Le radici dell’islamismo violento sono nell’islam, parola di musulmano

    Kamel Abderrahmani

    Dopo ogni attentato terrorista si tende a dire: “Questo non è l’islam”. Eppure quegli atti criminali sono giustificati e ispirati dai testi che sono il riferimento dei musulmani e delle istituzioni islamiche nel mondo. È urgente una riforma dell’islam dall’interno, da parte degli stessi musulmani. La convivenza con le altre religioni è la strada per togliere l’islam dalla sclerosi e dalla stagnazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®