25 Marzo 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  •    - Afghanistan
  •    - Bangladesh
  •    - Bhutan
  •    - India
  •    - Nepal
  •    - Pakistan
  •    - Sri Lanka
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 07/03/2017, 12.35

    BANGLADESH

    Militanti attaccano il furgone carcerario per liberare il leader islamista Abdul Hannan

    Sumon Corraya

    Il mezzo era diretto alla prigione di Kashimpur. Due bombe sono esplose, ma il tentativo è fallito. Fermato un sospettato, ora sotto interrogatorio. Continuano gli attacchi islamisti in Bangladesh.

    Gazipur (AsiaNews) – Un gruppo di militanti islamisti ha attaccato un furgone per il trasporto dei prigionieri nel tentativo di liberare Abdul Hannan, muftì e leader del gruppo estremista Harkat-ul-jihad al-Islami (HuJI), e 19 suoi associati. Il fatto è avvenuto ieri pomeriggio nell’area Tongi del distretto di Gazipur, nella parte centrale del Bangladesh, di fronte all’accademia Safiuddin Sarker, mentre i carcerati venivano riportati alla prigione centrale di Kashimpur dopo essere stati ascoltati in udienza a Dhaka.

    Hannan è leader di un gruppo responsabile di molti attentati sanguinosi negli ultimi anni.

    Secondo quanto riportato dall’ufficiale in carica Md Firoz Talukder, diverse bombe a mano sono state lanciate contro il furgone. Due di esse sono esplose, ma hanno mancato l’obiettivo e nessuno è rimasto ferito.

    La polizia ha catturato a Mymensingh un sospettato, Md Mostafa Kamal, di 25 anni. Il giovane, uno studente di una madrassa (scuola coranica), è stato scoperto mentre cercava di fuggire con in borsa sette bombe a mano, una granata assordante e due machete.

    “Durante un iniziale interrogatorio, Kamal ha confessato di aver ricevuto da qualcuno 10mila taka per compiere l’attacco. Non ha ancora fatto il nome di questa persona,” ha dichiarato l’ufficiale in carica. La stessa fonte afferma che Kamal era a Gazipur da un anno e portava con sé una carta d’identità falsa, si pensa per depistare le indagini.

    Secondo la polizia, l’attacco al furgone è stato pianificato per liberare Hannan.

    Hannan è il leader di HuJI, un'organizzazione fondamentalista islamica votata a instaurare un dominio islamico, attiva soprattutto nell'Asia meridionale. Il gruppo è responsabile dell’attentato alla chiesa del Santissimo Redentore, nella diocesi di Khulna (distretto sudoccidentale di Gopalgonj) il 6 giugno del 2001, durante il quale 10 cattolici sono rimasti uccisi e 26 feriti. Sul muftì pende una condanna a morte per un attacco a Sylhet diretto all’allora alto commissario britannico Anwar Chowdhury, nel quale sono morte tre persone, tra cui due poliziotti, e per le esplosioni al Ramna Batamul che nell’aprile del 2001 uccisero 10 persone.

    Il 23 febbraio 2014, dei militanti islamisti avevano attaccato un furgone a Mymensingh, uccidendo un poliziotto e liberando tre leader del gruppo Jamaat-ul-Mujahideen (Jmb). Uno di questi, Rakibul Hasan fu ricatturato il giorno stesso, mentre gli altri due, Salauddin Salehin e “Mizan”, sono ancora fuggitivi e su di essi pende una ricompensa di 500mila taka per chiunque fornisca informazioni.

    Negli ultimi due decenni, gli atti terroristici dei militanti islamisti sono aumentati, diretti contro persone comuni, stranieri e minoranze religiose.  Dopo la strage di Dakha, nel quale sono decedute 20 persone fra cui 9 italiani, sono continui gli attacchi rivolti a cristiani e indù. Lo scorso 21 febbraio, durante un seminario sul dialogo interreligioso, Alhaj Molla Nazrul Islam, leader islamico di Dakop, ha promesso loro la sua protezione.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/06/2014 BANGLADESH
    Bangladesh, condannati a morte 8 islamisti per la strage di Capodanno
    Sono tutti militanti dell'Harkat-ul-Jihad -al-Islami (HuJI), organizzazione illegale dal 2005. Nel 2001 uccisero 10 persone a Dhaka durante le celebrazioni del Nuovo Anno bengalese. Qualche mese dopo misero una bomba nella chiesa del Santissimo Redentore (diocesi di Khulna), uccidendo 10 persone. Altri sei membri condannati al carcere a vita.

    22/02/2017 11:42:00 BANGLADESH
    Un milione di palme contro i fulmini che uccidono

    Secondo i meteorologi, dal 2010 sono morte folgorate circa 1500 persone. Nel 2015 i bangladeshi morti fulminati sono stati 274, mentre nei primi mesi del 2016, le vittime sarebbero 349 (di cui 82 in un solo giorno). La decisione del governo di rimboschire le aree rurali entro giugno e il parere degli esperti.



    17/08/2015 BANGLADESH
    Bangladesh, una biblioteca per i 4.000 cattolici di Rangamatia
    L’iniziativa è della cooperativa cristiana di credito della zona. Non solo sviluppo economico, ma anche intellettuale. La struttura renderà più popolare la lettura e “i giovani si terranno lontani dalla droga, potendo passare del tempo di qualità qui”.

    28/11/2016 08:57:00 BANGLADESH
    Gazipur, derubata una chiesa cattolica. Paura tra i fedeli

    Venti ladri si sono introdotti nella notte di sabato 26 novembre e hanno legato guardie e parroco. Quest’ultimo è stato minacciato di morte e ha dovuto rivelare dove si trovavano gli oggetti di valore. Negli ultimi tre anni, sei rapine simili alle proprietà della Chiesa e due furti al convento.



    12/09/2016 08:50:00 BANGLADESH
    Dhaka, sale a 31 morti il bilancio per l'esplosione di una fabbrica

    Al momento dello scoppio, nella struttura si trovavano più di 100 persone. Almeno 10 mancano ancora all’appello. Nella Tampaco Foils si confezionavano merci. Denunciate otto persone, tra cui il proprietario.





    In evidenza

    VATICANO
    Il Papa ai giovani: Memoria del passato, coraggio nel presente, speranza per il futuro



    Diffuso oggi il Messaggio per la 32ma Giornata mondiale della gioventù sul tema “Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente”. Il modello di Maria nel suo incontro con Elisabetta. Rifiutare l’immobilità del “divano” dove starsene comodi e sicuri. Vivere l’esperienza della Chiesa non come una “flashmob” istantanea. Riscoprire il rapporto con gli anziani. Vivere il futuro in modo costruttivo non svalutando “le istituzioni del matrimonio, della vita consacrata, della missione sacerdotale”.


    AFGHANISTAN
    P. Moretti: Le Piccole sorelle di Gesù, per 60 anni “afghane fra gli afghani”



    Hanno vissuto 60 anni al servizio dei bisognosi. Sono rimaste a Kabul sotto l’occupazione sovietica, il controllo dei talebani e i bombardamenti Nato. Rispettate da tutti, anche dai talebani. Questo febbraio è finita la loro esperienza, secondo p. Moretti “una a cui guardare”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®