23 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 04/01/2017, 08.40

    FILIPPINE

    Mindanao, estremisti islamici attaccano un carcere: fuggiti 150 detenuti



    Nel mirino la prigione distrettuale di North Cotabato, nei pressi Kidapawan. Nell’area sono attivi gruppi fondamentalisti, bande criminali e guerriglieri comunisti. L’assalto è durato almeno due ore; negli scontri a fuoco morta una guardia, ferito un detenuto. Polizia ed esercito hanno lanciato una caccia all’uomo.

     

    Manila (AsiaNews/Agenzie) - Un gruppo armato, forse legato ai movimenti estremisti e separatisi islamici attivi nel sud delle Filippine, ha attaccato nelle prime ore di oggi la prigione distrettuale di North Cotabato, nei pressi della città di Kidapawan, sull’isola di Mindanao. Nell’assalto sono fuggiti almeno 150 prigionieri. Una guardia carceraria è deceduta negli scontri a fuoco con il commando e un prigioniero è rimasto ferito.

    Già in passato sono avvenuti casi di attacchi alle carceri filippine, in particolare nel sud dove da decenni sono attivi gruppi separatisti islamici e movimenti jihadisti (legati allo Stato islamico), nell’unica nazione asiatica a maggioranza cattolica. Il raid è avvenuto poco prima dell’alba e non è un caso isolato, visto che già in passato si sono verificati casi analoghi.

    Testimoni oculari riferiscono che l’assalto è durato almeno due ore, con scontri a fuoco violenti fra guardie carcerarie e assalitori. Almeno un centinaio di uomini armati hanno sferrato l’attacco; alla testa del gruppo vi era un comandante legato alle milizie musulmane ribelli.

    All’interno della prigione vi erano almeno 1500 detenuti. Circa 150 hanno approfittato della confusione che si è venuta a creare per fuggire dalle proprie celle, scavalcare i muri di recinzione impilando i letti uno sopra l’altro e far disperdere le proprie tracce nell’area circostante.

    Peter Bonggat, guardia carceraria presente al momento dell’attacco, riferisce che l’obiettivo del raid era la liberazione di alcuni elementi legati all’estremismo islamico detenuti all’interno della struttura. Polizia ed esercito hanno lanciato una imponente caccia all’uomo per catturare tutti gli evasi, ma finora sono riusciti a fermarne solo sei. I sospetti delle autorità sono al momento concentrati su una fazione separatista del Moro Islamic Liberation Front (Milf), il principale movimento separatista ribelle del sud del Paese che nel recente passato ha siglato un accordo di pace col governo centrale di Manila.

    Nell’agosto dello scorso anno estremisti islamici vicini allo Stato islamico (SI) hanno liberato otto detenuti e altri 15 carcerati nella prigione di Marawi, una città di Mindanao.

    Kidapawan, città in cui è avvenuto l’attacco di oggi, è situata circa 950 km a sud di Manila. Nell’area sono attivi diversi gruppi ribelli musulmani, bande criminali legate sopratutto al narcotraffico e alla vendita di armi e guerriglieri comunisti.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/06/2015 FILIPPINE
    Mindanao, parte il piano di pace: il Milf consegna (alcune) armi e libera i guerriglieri
    I ribelli musulmani filippini hanno ceduto questa mattina almeno 75 armi di assalto. Un primo gruppo di 145 guerriglieri tornerà alla vita civile, dietro promessa di sostegno governativo. Alla cerimonia hanno partecipato il leader del Milf e il presidente filippino. Una svolta dopo mesi di stallo che hanno seguito il massacro di Maguindanao.

    27/02/2014 FILIPPINE - ISLAM
    Fra ostacoli e timori, Manila pronta a firmare l’accordo di pace con il Milf
    La ratifica dovrebbe arrivare entro la metà di marzo e dare il via libera alla nascita della regione autonoma musulmana. Missionario Pime: “tutti vogliono la pace”, ma restano “nubi all’orizzonte”. Fra i nodi irrisolti i confini territoriali e lo sfruttamento delle risorse. La Chiesa cattolica lancia iniziative per “rafforzare” il dialogo nella regione.

    28/02/2014 FILIPPINE
    Filippine, il card. Quevedo: "La pace a Mindanao, primo impegno per la Chiesa locale"
    Il neo porporato assicura che continuerà la sua opera per il dialogo fra cristiani e musulmani e per il cessate il fuoco fra esercito e Milf. “Non in prima linea” precisa, ma “dietro le quinte”. Egli auspica la fine del clima di “sfiducia” che ha originato “troppi malintesi, incomprensioni e fraintendimenti”. E rilancia il ruolo delle comunità ecclesiali di base nella vita della Chiesa.

    27/03/2014 FILIPPINE
    I vescovi filippini elogiano lo "storico accordo di pace" fra Manila e Milf
    Oggi a Manila la cerimonia che mette fine a decenni di guerra separatista dei ribelli musulmani del sud. La firma accolta con feste e celebrazione da 10mila guerriglieri a Maguindanao. La Chiesa rinnova l’invito al dialogo con il Mnlf e chiede dialoghi che includano tutte le comunità a Mindanao. Per la pace, aggiungono i prelati, è necessario lo sviluppo umano.

    30/11/2006 FILIPPINE
    Mindanao, cristiani e musulmani in marcia per la pace

    Si è aperta ieri a Zamboanga la nona "Settimana della Pace", che chiede al governo ed ai ribelli separatisti del Fronte islamico la fine delle ostilità nell'arcipelago meridionale.





    In evidenza

    LIBANO
    Trump, Marine Le Pen e il Medio oriente: il Libano contro muri e divisioni

    Fady Noun

    L’inizio della presidenza Trump ha segnato la “babelizzazione” della società americana. Ciascun Paese riversa il suo odio contro un nemico esterno. La crisi globale attuale ha radici religiose. Al cuore del caos vi è la minaccia jihadista. Laterza guerra mondiale non si vince con i droni, ma usando moderazione e promuovendo l’incontro e il confronto. 

     


    EGITTO – ISLAM
    Al Azhar sotto l’influenza dell’islamismo di Daesh

    Kamel Abderrahmani

    Le istituzioni religiose ufficiali e le università cosiddette islamiche sono la causa dell’immobilità del mondo musulmano. I programmi insegnati ad Al Azhar e la letteratura usata sono gli stessi che sono applicati sul terreno da tutti i terroristi armati. Nessun paragone possibile fra Al Azhar e il Vaticano. Il Vaticano ha ospitato musulmani irakeni e siriani che fuggivano la guerra. Al Azhar non ha fatto nulla per cristiani e Yazidi. La persecuzione verso Mohamed Nasr Abdellah, desideroso di modernizzare l’islam. Il commento di uno studente musulmano.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®