23 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 02/04/2010
FILIPPINE
Mindanao, la Pasqua richiama cristiani e musulmani all’impegno per la pace
di Santosh Digal
In occasione della Settimana Santa e della Pasqua, mons. Romulo Tolentino de la Cruz, vescovo di Kidapawan e membro del Forum dei vescovi e degli Ulema, racconta ad AsiaNews la situazione e le aspettative future della popolazione di Mindanao. La regione a maggioranza musulmana è da 40 anni teatro di guerra tra esercito filippino e ribelli islamici.

Manila (AsiaNews) – Nella regione di Mindanao a maggioranza musulmana e da oltre 40 anni teatro della guerra tra esercito filippino e ribelli islamici  “il messaggio presente nelle celebrazioni per la Settimana Santa e la Pasqua chiede a tutta la gente l’impegno per la pace, la giustizia e lo sviluppo di questa terra”. È quanto afferma ad AsiaNews mons. Tolentino de la Cruz, vescovo di Kidapawan (Mindanao). Il prelato è uno dei 24 vescovi del Forum dei vescovi e degli Ulema, organizzazione composta da cattolici, protestanti e musulmani, attiva dal 1996 nel promuovere la pace nella regione attraverso il dialogo interreligioso. Dal settembre 2009 Milf e governo hanno ripreso i dialoghi di pace e lo scorso 4 marzo a Kuala Lumpur hanno stilato una nuova bozza di accordo sostenuta anche dalla comunità internazionale.    

Quale importanza hanno la Settimana e la Pasqua in un contesto come quello di Mindanao?

Il mistero della Pasqua di Gesù è la base per qualsiasi circostanza della nostra vita, dell’esistenza della Chiesa e della sua pastorale e dell’attività missionaria del Paese e di tutto il mondo. Questo importante evento ci spinge tutti a lavorare per la pace, la giustizia e lo sviluppo della nostra regione.

I cristiani come vivono la loro fede in una regione a maggioranza musulmana?

Il messaggio di Cristo è aperto a tutti. Ciascun cristiano deve vivere la sua fede in ogni aspetto della vita quotidiana e deve essere testimone per coloro che vivono insieme a lui. La luce di Cristo dovrebbe splendere per tutti. Il Vangelo di Gesù chiama tutti i cristiani hanno la possibilità di farsi promotori della buona novella.  

Quali sono le sue preoccupazioni per la pace e lo sviluppo di Mindanao?

La gente è ormai stanca di vivere sotto il controllo militare. Ciascuno spera che tutto prima poi giunga alla fine e inizi ad esserci un dialogo anche fra le persone. La pace non può essere trovata alla fine del tunnel. Essa è un processo che deve iniziare per prima cosa nel cuore della gente per diffondersi nei villaggi, nelle città e da ultimo nella regione. Per questo motivo Chiesa e leader islamici continuano  a portare avanti il dialogo interreligioso attraverso il Forum dei vescovi e degli Ulema. A tutti i nostri sacerdoti e religiosi consigliamo di avere come priorità il dialogo con i musulmani nelle loro attività pastorali. Nonostante queste aperture è però difficile promuovere la pace nella regione. Essa è possibile solo se governo e popolazione lo desiderano sul serio e noi cristiani continueremo a pregare e lavorare. Per fare ciò la politica dovrà avere a cuore la prosecuzione dei dialoghi, ma anche le gente comune dovrà fare la sua parte.

Quale futuro prevede per Mindanao e quale sarà il ruolo della Chiesa nella regione?

Mindanao è ricco di risorse naturali, ma c’è povertà per la corruzione diffusa nel settore pubblico e privato e per l’utilizzo sbagliato dei fondi concessi dallo Stato. Quello che chiediamo è una politica adeguata e trasparente che sia veramente al servizio delle persone. La regione deve avere l’occasione per risollevarsi e bisogna aiutare la gente a migliorare le condizioni di vita. La Chiesa fa del suo meglio e diffonde tra la popolazione i valori del Vangelo quali verità, pace e giustizia e lo fa attraverso i suoi missionari e le loro attività.  Ma c’è ancora molto da fare. Abbiamo bisogno di essere guidati da Dio per portare la gente di Mindanao verso la via della pace e della prosperità.

Sono stati fatti degli sforzi per estendere i valori del cristianesimo anche ai ribelli del Milf e di Abu Sayyaf ?

La Chiesa intende accogliere tutti, compresi i ribelli islamici. Anche loro hanno bisogno di Dio. Attraverso il Buc, Noi stiamo facendo di tutto per raggiungerli. Dobbiamo tentare di ispirare in loro il bisogno di abbandonare la violenza e farli così ritornare alla via del dialogo con il governo. La Chiesa tenta da anni di portare Milf e Abu Sayyaf a un tavolo di negoziazione per risolvere insieme i problemi di Mindanao. Noi facciamo da ponte tra loro e il governo. Questa è la missione della Chiesa, e Milf e Abu Sayyaf ne sono consapevoli.  

 

 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
16/03/2010 FILIPPINE
Il movimento dei Non allineati per il dialogo e la pace a Mindanao
di Santosh Digal
19/03/2010 FILIPPINE
Presidente Arroyo: Dialogo interreligioso unica soluzione per la pace a Mindanao
17/05/2010 FILIPPINE
I ribelli islamici pronti al dialogo con Aquino
06/03/2010 FILIPPINE
Mindanao: Il Milf abbandona le pretese di indipendenza, nuove speranze per la pace
di Santosh Digal
08/01/2013 FILIPPINE
Mindanao, chiese stracolme a Natale. Un segno di speranza per la pace con i ribelli islamici

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate