05 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 02/04/2010, 00.00

    FILIPPINE

    Mindanao, la Pasqua richiama cristiani e musulmani all’impegno per la pace

    Santosh Digal

    In occasione della Settimana Santa e della Pasqua, mons. Romulo Tolentino de la Cruz, vescovo di Kidapawan e membro del Forum dei vescovi e degli Ulema, racconta ad AsiaNews la situazione e le aspettative future della popolazione di Mindanao. La regione a maggioranza musulmana è da 40 anni teatro di guerra tra esercito filippino e ribelli islamici.

    Manila (AsiaNews) – Nella regione di Mindanao a maggioranza musulmana e da oltre 40 anni teatro della guerra tra esercito filippino e ribelli islamici  “il messaggio presente nelle celebrazioni per la Settimana Santa e la Pasqua chiede a tutta la gente l’impegno per la pace, la giustizia e lo sviluppo di questa terra”. È quanto afferma ad AsiaNews mons. Tolentino de la Cruz, vescovo di Kidapawan (Mindanao). Il prelato è uno dei 24 vescovi del Forum dei vescovi e degli Ulema, organizzazione composta da cattolici, protestanti e musulmani, attiva dal 1996 nel promuovere la pace nella regione attraverso il dialogo interreligioso. Dal settembre 2009 Milf e governo hanno ripreso i dialoghi di pace e lo scorso 4 marzo a Kuala Lumpur hanno stilato una nuova bozza di accordo sostenuta anche dalla comunità internazionale.    

    Quale importanza hanno la Settimana e la Pasqua in un contesto come quello di Mindanao?

    Il mistero della Pasqua di Gesù è la base per qualsiasi circostanza della nostra vita, dell’esistenza della Chiesa e della sua pastorale e dell’attività missionaria del Paese e di tutto il mondo. Questo importante evento ci spinge tutti a lavorare per la pace, la giustizia e lo sviluppo della nostra regione.

    I cristiani come vivono la loro fede in una regione a maggioranza musulmana?

    Il messaggio di Cristo è aperto a tutti. Ciascun cristiano deve vivere la sua fede in ogni aspetto della vita quotidiana e deve essere testimone per coloro che vivono insieme a lui. La luce di Cristo dovrebbe splendere per tutti. Il Vangelo di Gesù chiama tutti i cristiani hanno la possibilità di farsi promotori della buona novella.  

    Quali sono le sue preoccupazioni per la pace e lo sviluppo di Mindanao?

    La gente è ormai stanca di vivere sotto il controllo militare. Ciascuno spera che tutto prima poi giunga alla fine e inizi ad esserci un dialogo anche fra le persone. La pace non può essere trovata alla fine del tunnel. Essa è un processo che deve iniziare per prima cosa nel cuore della gente per diffondersi nei villaggi, nelle città e da ultimo nella regione. Per questo motivo Chiesa e leader islamici continuano  a portare avanti il dialogo interreligioso attraverso il Forum dei vescovi e degli Ulema. A tutti i nostri sacerdoti e religiosi consigliamo di avere come priorità il dialogo con i musulmani nelle loro attività pastorali. Nonostante queste aperture è però difficile promuovere la pace nella regione. Essa è possibile solo se governo e popolazione lo desiderano sul serio e noi cristiani continueremo a pregare e lavorare. Per fare ciò la politica dovrà avere a cuore la prosecuzione dei dialoghi, ma anche le gente comune dovrà fare la sua parte.

    Quale futuro prevede per Mindanao e quale sarà il ruolo della Chiesa nella regione?

    Mindanao è ricco di risorse naturali, ma c’è povertà per la corruzione diffusa nel settore pubblico e privato e per l’utilizzo sbagliato dei fondi concessi dallo Stato. Quello che chiediamo è una politica adeguata e trasparente che sia veramente al servizio delle persone. La regione deve avere l’occasione per risollevarsi e bisogna aiutare la gente a migliorare le condizioni di vita. La Chiesa fa del suo meglio e diffonde tra la popolazione i valori del Vangelo quali verità, pace e giustizia e lo fa attraverso i suoi missionari e le loro attività.  Ma c’è ancora molto da fare. Abbiamo bisogno di essere guidati da Dio per portare la gente di Mindanao verso la via della pace e della prosperità.

    Sono stati fatti degli sforzi per estendere i valori del cristianesimo anche ai ribelli del Milf e di Abu Sayyaf ?

    La Chiesa intende accogliere tutti, compresi i ribelli islamici. Anche loro hanno bisogno di Dio. Attraverso il Buc, Noi stiamo facendo di tutto per raggiungerli. Dobbiamo tentare di ispirare in loro il bisogno di abbandonare la violenza e farli così ritornare alla via del dialogo con il governo. La Chiesa tenta da anni di portare Milf e Abu Sayyaf a un tavolo di negoziazione per risolvere insieme i problemi di Mindanao. Noi facciamo da ponte tra loro e il governo. Questa è la missione della Chiesa, e Milf e Abu Sayyaf ne sono consapevoli.  

     

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    16/03/2010 FILIPPINE
    Il movimento dei Non allineati per il dialogo e la pace a Mindanao
    Due giorni di incontri del Movimento dei Paesi non allineati, storica organizzazione internazionale che riunisce 118 Paesi in via di sviluppo. Leader musulmano: Piantare i semi della cultura della pace tra le persone e le nazioni attraverso il dialogo per consolidare gli sforzi verso la totale eliminazione dell’ombra della guerra.

    19/03/2010 FILIPPINE
    Presidente Arroyo: Dialogo interreligioso unica soluzione per la pace a Mindanao
    La Arroyo ha pronunciato il suo intervento in occasione della due giorni sul dialogo interreligioso organizzata dal Movimento dei Paesi non allineati. L’incontro è stato commentato con favore anche dalla Chiesa cattolica, vera promotrice della pace nella regione a maggioranza musulmana martoriata da quarant’anni di guerra.

    17/05/2010 FILIPPINE
    I ribelli islamici pronti al dialogo con Aquino
    Mohagher Iqbal, negoziatore del Moro Islamic Liberation Front loda la vittoria senza brogli del nuovo presidente e spera in una definitiva risoluzione del processo di pace a Mindanao dopo 40 anni di guerra. P. Giulio Mariani Pime: “la buona riuscita dei dialoghi tra Milf e il nuovo governo dipenderà molto dalle future alleanze politiche del presidente Aquino”.

    06/03/2010 FILIPPINE
    Mindanao: Il Milf abbandona le pretese di indipendenza, nuove speranze per la pace
    L’incontro sui dialoghi di pace tra governo filippino e rappresentanti del Moro Islamic Liberation Front si è concluso il 4 marzo scorso a Kuala Lumpur (Malaysia). La prossima seduta avverrà dopo le elezioni di maggio. Annabelle T. Abaya, segretaria del governo per i dialoghi di pace: Il rispetto mostrato dal Milf del processo di pace e delle proposte del governo, porta i dialoghi verso una soluzione di lungo periodo per i problemi di Mindanao.

    08/01/2013 FILIPPINE
    Mindanao, chiese stracolme a Natale. Un segno di speranza per la pace con i ribelli islamici
    Dopo gli accordi fra Milf e governo cala il pericolo di attentati dei gruppi estremisti. In migliaia, soprattutto giovani affollano le messe di mezzanotte celebrate nelle varie diocesi dell'isola a maggioranza musulmana. Due missionari raccontano le feste di Natale nell'isola per quarant'anni teatro della guerra fra esercito filippino e ribelli islamici.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa Francesco ai giovani: L’amore “concreto”, non da telenovela, è la carta d’identità dei cristiani



    Nel Giubileo dei ragazzi e ragazze, papa Francesco pronuncia un’omelia fatta di domande e risposte ai 70mila presenti.  I grandi ideali dell’amore come dono di sé, l’affettività come “voler bene senza possedere”; la libertà come “dono di poter scegliere il bene”. “Guai a un giovane che non osa sognare. Se uno alla vostra età non sogna, se n’è già andato in pensione!”. Le offerte raccolte per l’Ucraina. L’appello per i vescovi e i sacerdoti rapiti in Siria.


    IRAN
    La strana alleanza fra gli Stati Uniti e i fondamentalisti iraniani

    Bernardo Cervellera

    Washington blocca ancora l’uso del dollaro nelle transazioni bancarie, fermando i nuovi contratti economici stabiliti dopo l’accordo sul nucleare. Gli Usa sembrano dare man forte a Khamenei e alle guardie della rivoluzione, che vogliono affossare l’accordo per mantenere il potere. La popolazione sopravvive con i doppi e tripli lavori. L’Iran instabile e bellicoso accresce la vendita di armi. Il reportage.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®