21 Ottobre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 23/02/2009
FILIPPINE
Mindanao: liberati due ostaggi filippini. Nessuna novità per gli operatori umanitari
Padre e figlia rilasciati dopo quattro giorni. Non si hanno conferme sul pagamento di un riscatto. Ancora incerta la sorte dei tre volontari della Croce rossa. Sacerdote cattolico conferma che “le trattative vanno avanti”, ma le autorità mantengono un “basso profilo”.

Manila (AsiaNews) – Sono stati rilasciati nella tarda serata di ieri un albergatore e la figlia, rapiti quattro giorni fa nel sud delle Filippine. Rimane invece avvolta nel mistero la sorte dei tre operatori umanitari della Croce rossa, da oltre un mese nelle mani dei loro sequestratori.

I rapitori hanno liberato Wilson Tan, 50 anni, e la figlia Jennifer, di 10 anni, nei pressi del villaggio di Sapalan, nella provincia di Maguindanao, situata nella Regione Autonoma del Mindanao Musulmano (Armm). Il 18 febbraio scorso un gruppo di uomini armati aveva fatto irruzione nella casa di Wilson Tan: i sequestratori hanno rapito l’uomo e la figlia, ferendo la moglie alla testa prima di fuggire. Le autorità non hanno chiarito se la liberazione sia avvenuta dietro pagamento di un riscatto; i militari hanno attribuito il sequestro alle milizie del Fronte islamico Moro (Milf), attive nella zona.  

Rimane intanto avvolta nel mistero la sorte dei tre volontari della Croce rossa rapiti il 15 gennaio scorso nel sud delle Filippine: essi sono l’italiano Eugenio Vagni, lo svizzero Andreas Notter, e il filippino Jean Lacaba. Padre Angel Calvo, presidente di Peace Advocates Zamboanga (Paz), conferma che non vi sono al momento “novità sostanziali” nella vicenda. “I negoziati vanno avanti – ribadisce p. Calvo ad AsiaNews – e l’esercito continua a operare nella zona. Finora non sono state intraprese azioni militari per non mettere a repentaglio la vita degli ostaggi”. Il sacerdote conferma “trattative segrete le cui informazioni rimangono riservate”; gli elementi coinvolti nelle trattative coni rapitori “cercano di mantenere un basso profilo” per non compromettere l’esito delle mediazioni.

Secondo p. Calvo gli ostaggi “stanno relativamente bene”, ma il loro sequestro “non si sbloccherà finché non vi sarà il pagamento di un riscatto. L’alternativa – dice – è una azione dei militari, ma questa seconda opzione è scartata dai più, perché comporta numerosi rischi e metterebbe in pericolo la loro vita”. “Tutti concordano su un punto: ci vorrà ancora del tempo – conclude p. Angel Calvo – prima che la situazione si risolva”.


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
11/08/2008 FILIPPINE
Filippine: scontri fra esercito e ribelli islamici, oltre 20 morti e 130mila sfollati
di Santosh Digal
03/11/2008 FILIPPINE
Basilan, liberata una volontaria, ancora incerta la sorte della seconda rapita
di Santosh Digal
19/09/2008 FILIPPINE
Mindanao, avvolta nel mistero la sorte delle volontarie rapite
20/11/2008 FILIPPINE
Mindanao, oltre 46mila sfollati nella guerra fra esercito e Milf
di Santosh Digal
18/08/2008 FILIPPINE
Filippine, “prove di forza” fra governo e Milf in vista dell’accordo di pace

In evidenza
IRAQ - ITALIA
"Adotta un cristiano di Mosul": raccolti e inviati quasi 700mila euro. La campagna continua
di Bernardo CervelleraInviata la seconda tranche di aiuti, raccolti nel mese di settembre. In Medio oriente e in Iraq si gioca il destino dei rapporti fra oriente e occidente. L'appello di papa Francesco e del Sinodo. I governi tiepidi. Gli aiuti giunti da tutto il mondo: una nuova comunità internazionale che sconfigge la "globalizzazione dell'indifferenza".
IRAQ-VATICANO
"Adotta un cristiano di Mosul": il grazie del vescovo per i primi aiuti
di Amel NonaMons. Amel Nona, vescovo caldeo di Mosul, anch'egli rifugiato, ringrazia tutti i donatori della campagna lanciata da AsiaNews. La situazione è sempre più difficile per il numero enorme di profughi e per l'arrivo dell'inverno e della neve, che rendono impossibile alloggiare nelle tende o all'aperto. La crisi, un'occasione che rende attiva la fede dei cristiani.
ITALIA - IRAQ
Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul". Già raccolti oltre 350mila euro
di Bernardo CervelleraInviate al patriarca di Baghdad e ai vescovi del Kurdistan le donazioni ricevute fino al 31 agosto. La campagna serve a nutrire, alloggiare, vestire, consolare oltre 150mila profughi cristiani, yazidi, turkmeni, sciiti e sunniti, fuggiti dalla violenza dell'esercito del Califfato islamico. Una generosa partecipazione dall'Italia e da tutte le parti del mondo. Donazioni anche da chi è povero e senza lavoro. Una speranza per il mondo, per chi soffre e per chi dona.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate