30 Luglio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 23/02/2009, 00.00

    FILIPPINE

    Mindanao: liberati due ostaggi filippini. Nessuna novità per gli operatori umanitari



    Padre e figlia rilasciati dopo quattro giorni. Non si hanno conferme sul pagamento di un riscatto. Ancora incerta la sorte dei tre volontari della Croce rossa. Sacerdote cattolico conferma che “le trattative vanno avanti”, ma le autorità mantengono un “basso profilo”.

    Manila (AsiaNews) – Sono stati rilasciati nella tarda serata di ieri un albergatore e la figlia, rapiti quattro giorni fa nel sud delle Filippine. Rimane invece avvolta nel mistero la sorte dei tre operatori umanitari della Croce rossa, da oltre un mese nelle mani dei loro sequestratori.

    I rapitori hanno liberato Wilson Tan, 50 anni, e la figlia Jennifer, di 10 anni, nei pressi del villaggio di Sapalan, nella provincia di Maguindanao, situata nella Regione Autonoma del Mindanao Musulmano (Armm). Il 18 febbraio scorso un gruppo di uomini armati aveva fatto irruzione nella casa di Wilson Tan: i sequestratori hanno rapito l’uomo e la figlia, ferendo la moglie alla testa prima di fuggire. Le autorità non hanno chiarito se la liberazione sia avvenuta dietro pagamento di un riscatto; i militari hanno attribuito il sequestro alle milizie del Fronte islamico Moro (Milf), attive nella zona.  

    Rimane intanto avvolta nel mistero la sorte dei tre volontari della Croce rossa rapiti il 15 gennaio scorso nel sud delle Filippine: essi sono l’italiano Eugenio Vagni, lo svizzero Andreas Notter, e il filippino Jean Lacaba. Padre Angel Calvo, presidente di Peace Advocates Zamboanga (Paz), conferma che non vi sono al momento “novità sostanziali” nella vicenda. “I negoziati vanno avanti – ribadisce p. Calvo ad AsiaNews – e l’esercito continua a operare nella zona. Finora non sono state intraprese azioni militari per non mettere a repentaglio la vita degli ostaggi”. Il sacerdote conferma “trattative segrete le cui informazioni rimangono riservate”; gli elementi coinvolti nelle trattative coni rapitori “cercano di mantenere un basso profilo” per non compromettere l’esito delle mediazioni.

    Secondo p. Calvo gli ostaggi “stanno relativamente bene”, ma il loro sequestro “non si sbloccherà finché non vi sarà il pagamento di un riscatto. L’alternativa – dice – è una azione dei militari, ma questa seconda opzione è scartata dai più, perché comporta numerosi rischi e metterebbe in pericolo la loro vita”. “Tutti concordano su un punto: ci vorrà ancora del tempo – conclude p. Angel Calvo – prima che la situazione si risolva”.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    11/08/2008 FILIPPINE
    Filippine: scontri fra esercito e ribelli islamici, oltre 20 morti e 130mila sfollati
    Oltre 800 guerriglieri arroccati in 15 villaggi a maggioranza cristiana nel North Cotabato. Le violenze hanno creato una enorme crisi umanitaria, la Croce rossa ha predisposto l’invio di cibo e acqua. Parte della Chiesa filippina favorevole all’accordo sulla regione autonoma nel Mindanao.

    03/11/2008 FILIPPINE
    Basilan, liberata una volontaria, ancora incerta la sorte della seconda rapita
    Padre Angel Calvo è soddisfatto per la liberazione di Esperancita Hupida e preoccupato per Merlie Mendoza, tuttora nelle mani dei rapitori. Fonti del Mifl riferiscono il pagamento di un riscatto e imputano il sequestro a bande legate ad Abu Sayyaf. Il vescovo di Basilan nega l’autorizzazione a preti e suore di girare armati.

    19/09/2008 FILIPPINE
    Mindanao, avvolta nel mistero la sorte delle volontarie rapite
    P. Angel Calvo chiede “un contatto con i rapitori” e la prova che le donne “siano ancora in vita”. Nessuna notizia da parte dei sequestratori, la cui identità rimane incerta. Continuano gli scontri fra Milf ed esercito, mentre si aggrava la situazione degli sfollati che rischiano la fame.

    20/11/2008 FILIPPINE
    Mindanao, oltre 46mila sfollati nella guerra fra esercito e Milf
    Per la Croce rossa filippina 11.734 famiglie hanno dovuto abbandonare case e proprietà, distrutte dai combattimenti fra l’esercito e i ribelli del fronte islamico Moro. Gli sfollati sono accolti nei campi profughi, mentre riparte l’opera di ricostruzione. A Jolo summit vescovi-ulema nonostante le minacce di Abu Sayyaf.

    18/08/2008 FILIPPINE
    Filippine, “prove di forza” fra governo e Milf in vista dell’accordo di pace
    Secondo p. Sandalo, superiore del PIME delle Filippine, le violenze fra esercito e truppe ribelli sono un tentativo di acquisire posizioni dominanti prima della firma dell'accordo. Vescovi e leader del movimento islamico Moro chiedono “pace e sviluppo” nel Mindanao, ma solo oggi il Paese conta 16 morti fra la popolazione civile.



    In evidenza

    POLONIA – CINA – GMG
    I trucchi e le violenze di Pechino per fermare i giovani cinesi alla Gmg

    Vincenzo Faccioli Pintozzi

    Il governo ha bloccato ieri un gruppo di 50 giovani pellegrini, già imbarcati su un aereo diretto a Cracovia. Interrogati per ore all’immigrazione, sono stati “ammoniti” e rimandati a casa con l’ordine di non contattare nessuno all’estero. Nel frattempo, per i luoghi centrali della Giornata mondiale della Gioventù si aggirano “giovani cattolici cinesi”, in gruppi di cinque o sei persone, che hanno il compito di spiare i compatrioti. Lavorano per Istituti culturali o aziende cinesi in Polonia.


    ISLAM-EUROPA
    P. Samir: Terrore islamico in Francia e Germania: crisi dell’integrazione, ma soprattutto crisi della politica

    Samir Khalil Samir

    Il sequestro e l’uccisione di un sacerdote vicino a Rouen (Francia) e i vari attacchi a Würzburg, Monaco, Ansbach (Germania) sono stati compiuti da gente molto giovane e indottrinata con facilità. La Germania era un modello per l’integrazione dei rifugiati. Ma l’islamismo radicale non si lascia assimilare. Esso è sostenuto da Arabia saudita e Qatar. Non c’è altra strada all’integrazione. Ma occorre dire la verità: nel Corano ci sono elementi di guerra e violenza. Ignoranza e perdita di senso morale dei politici occidentali.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®