Skin ADV
14 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 25/07/2005, 00.00

    israele - vaticano

    Ministro israeliano degli esteri attacca il papa Benedetto XVI in modo "violento e volgare"

    Arieh Cohen

    Gerusalemme (AsiaNews) - Il Ministro isareliano degli esteri ha inviato delle istruzioni ai giornali dello stato d'Israele per lanciare un attacco crudo e violento contro la persona del papa Benedetto XVI. Nelle sue istruzioni - senza precedenti - indirizzate agli uffici editoriali con data "Lunedì 25 luglio" il ministero degli esteri accusa il Santo padre di aver escluso Israele dalla lista delle nazioni affette da terrorismo, citate ieri nell'Angelus del 24 luglio. Secondo il Ministero l'esclusione è deliberata e immorale e tenderebbe a legittimare attacchi contro gli ebrei.

    Le istruzioni, scritte in modo aspro e violento, sono violente anche nella formulazione: secondo epserti ebrei di linguaggio esse sono scritte con molti errori di grammatica e di sintassi.

    Un simile gratuito, violento, volgare attacco a un pontefice vivente - affermano osservatori  - è senza precedenti nei 57 anni di storia dello stato d'Israele.

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/11/2003 vaticano - israele
    Vergognose le dichiarazioni di Weisel sul Papa


    26/07/2005 israele - vaticano
    La Santa Sede risponde alle accuse pretestuose di Israele

    La dichiarazione di Navarro Valls – Il farneticante  comunicato del Ministro israeliano degli Esteri.



    30/11/2003 vaticano
    Il Papa: grandi religioni per non violenza, riconciliazione, perdono


    26/07/2005 israele - vaticano
    Attacco di Israele contro il papa: un polverone per abbandonare i dialoghi con la Santa Sede


    16/01/2005 Vaticano
    Papa: Migranti, è urgente simpatia e dialogo fra culture

    Domani si celebra la Giornata per il dialogo ebraico-cristiano.





    In evidenza

    CUBA-VATICANO-ORTODOSSI
    L’incontro fra Francesco e Kirill a Cuba: Finalmente! Siamo fratelli, abbiamo tutto in comune



    Atmosfera distesa e fraterna nel primo incontro dopo secoli fra il papa e il patriarca di Mosca. Due ore di colloquio in privato, poi la firma della Dichiarazione comune. Un grazie a Raul Castro: “Se continua così Cuba sarà la capitale dell’unità”. Un impegno per difendere i cristiani nel mondo e sostenere “le fondamenta della morale, della famiglia e della persona”.


    VATICANO – CUBA – ORTODOSSI
    Francesco e Kirill: Ortodossi e cattolici uniti, per i cristiani perseguitati e l’Occidente secolarizzato



    Nella Dichiarazione comune firmata a l’Avana, il papa e il patriarca di Mosca sottolineano i “mali” del mondo e la necessità per i cristiani di dare testimonianza comune. Il matrimonio naturale, composto da uomo e donna; il diritto alla vita; la necessità del dialogo interreligioso; lo scandalo della divisione. Un appello per la fine della persecuzione religiosa, per la pace in Ucraina e per l’unità “fatta di gesti concreti”. Il testo completo della Dichiarazione.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®