20 Febbraio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/01/2005, 00.00

    india

    Missionarie a Karinkal: Grande solidarietà fra gli scampati dello tsunami



    Le religiose, legate al PIME, offrono servizio sanitario ai feriti e ai sopravvissuti. Campagna di aiuti del PIME per sostenere la loro opera.

    Karinkal (AsiaNews) – Lo tsunami ha suscitato un'ondata di solidarietà e di attenzione: anche "chi ha perso tutto" nel terremoto si offre per aiutare a curare i feriti e assistere i bisognosi. È quanto racconta suor Geia, una delle Missionarie dell'Immacolata presenti a Karinkal, nel Tamil Nadu, lo stato dell'India più colpito dallo tsunami. Qui le religiose legate al PIME (Pontificio Istituto Missioni Estere) prestano cure mediche ai feriti, vaccinazioni gratuite per gli sfollati e visitano i villaggi colpiti dalla sciagura per portare aiuto e conforto.

    A Karinkal le religiose gestiscono l'unico ospedale rimasto intatto nella zona dopo lo tsunami: si tratta del Nirmala Hospital, situato a 6 km da Colachel, punta estrema dell'India meridionale. In favore dell'ospedale delle suore, il PIME ha lanciato una campagna di racolta di fondi per sostenere i soccorsi alle persone afflitte dallo tsunami.

    "In questi giorni abbiamo curato circa 400 feriti" racconta suor Geia, una delle 12 suore indiane che lavorano come infermiere al Nirmala Hospital. Altre 16 suore stanno arrivando dalle zone vicine a Karinkal per dare man forte nell'opera di assistenza medica. "Quelli che vengono curati sono poi ospitati nelle case vicino all'ospedale. Facciamo anche molte vaccinazioni, naturalmente in modo gratuito".

    Il racconto di un'altra religiosa getta nuova luce sul dramma di sopravvissuti allo tsunami: "I feriti lievi che curiamo in ospedale non possono tornare nelle loro case, perché sono andate tutte distrutte" afferma suor Sebasti Amali Hirudaya. "Allora vanno sulla spiaggia per paura di perdere gli aiuti che vengono distribuiti. Ma qui la polizia li rimanda indietro per il timore di nuove scosse di terremoto e altro pericolo dall'oceano".

    Suor Geia sottolinea comunque di "non aver mai visto una solidarietà così grande" tra la popolazione locale: "Tutti si aiutano, anche chi non ha più niente e ha perso la casa si mette a disposizione per assistere i feriti e i bisognosi". Alcune delle suore che stanno arrivando a Karinkal si recheranno a breve in alcuni villaggi vicini per portare medicine, cibo e vestiti. (LF)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    23/02/2005 ITALIA - INDIA - thailandia
    Campagna Pime tsunami, oltre 500 mila euro per la ricostruzione


    04/01/2005 sri lanka
    Vescovi dello Sri Lanka: “Preghiere e azione per gli sfollati”
    Il ministero della Salute di Colombo diffonde i dati dei medicinali e apparecchiature mediche necessari per fronteggiare l’emergenza sanitaria.

    26/01/2005 asia
    Un mese dopo lo tsunami, i cristiani in prima linea negli aiuti e nel ricostruire


    20/01/2005 ITALIA - ASIA
    Campagna PIME per lo tsunami: nuovi interventi nelle Andamane
    Promossi gemellaggi fra scuole italiane e quelle dei paesi del terremoto.

    30/12/2004 india
    Salesiani a Chennai: "La gente aiuta, il governo è lento"

    Solidarietà interreligiosa e preghiere nelle chiese per lo tsunami.





    In evidenza

    VATICANO-CINA-HONG KONG
    L’articolo del card. Tong sul dialogo Cina-Santa Sede fra gioia e sgomento

    Bernardo Cervellera

    L’ottimismo del vescovo di Hong Kong sul cambiamento del metodo delle nomine episcopali e sulla funzione dell’Associazione patriottica. Ma non è chiaro se è un cambiamento nei fatti o solo nominalistico, nelle parole. I vescovi sotterranei sono patriottici e amano il loro Paese, ma il Partito li sospetta. Libertà “essenziale” nelle nomine episcopali, ma i vescovi non sono liberi di svolgere il loro ministero. Vescovi patriottici controllati nelle loro visite con membri della Chiesa universale. Le “cimici” (microfoni nascosti) negli uffici episcopali.


    HONG KONG-CINA-VATICANO
    Card. Tong: Il futuro del dialogo Sino-Vaticano dal punto di vista ecclesiologico

    Card. John Tong

    Il cardinale di Hong Kong spiega i passi in cui si desidera far muovere il dialogo fra Cina e Santa Sede. A tema la funzione del papa nelle nomine dei vescovi; il cambiamento di visione nell’Associazione patriottica; la possibile integrazione dei vescovi sotterranei nella conferenza episcopale.  Il nuovo articolo a firma  del card. John Tong, dopo quello di alcuni mesi fa su “Comunione della Chiesa in Cina con la Chiesa universale”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®