13 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 03/10/2011, 00.00

    TIBET

    Monaco tibetano si dà fuoco per il Dalai Lama e la libertà religiosa. È il quinto in un anno



    Kalsang aveva 17 o 18 anni e stringeva in mano una fotografia del Dalai Lama. Appello alla comunità internazionale per i diritti dei tibetani. Il 1mo ottobre scorso, anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese, centinaia di tibetani hanno protestato nella provincia del Sichuan.
    Dharamsala (AsiaNews) – Un giovane monaco tibetano si è dato fuoco oggi, alle 2 di pomeriggio (ora locale), nel mercato ortofrutticolo della città di Ngaba, nella provincia del Sichuan. Quando si è dato fuoco, Kalsang, 17 o 18 anni, stringeva in mano una fotografia del Dalai Lama e invocava i diritti e la libertà religiosa del Tibet. La polizia ha spento le fiamme, ma le condizioni del giovane monaco di Kirti sono ancora sconosciute.

    Nei mesi scorsi, altri giovani monaci di Kirti si sono autoimmolati. Dal marzo scorso il monastero è sottoposto a controlli della polizia cinese e isolamento.

    “Solo quest’anno – spiega ad AsiaNews Stephanie Bridgen, direttore di Free Tibet – cinque giovani monaci si siano dati fuoco. È evidente che un numero sempre crescente di tibetani sente che questo sia l’unico modo di essere ascoltati. Si tratta di una tendenza molto preoccupante e senza precedenti, che speriamo finisca presto”. Secondo la Bridgen “la comunità internazionale deve intervenire e fermare questa situazione”, e per farlo “deve mostrare ai tibetani che c’è la determinazione a proteggere e promuovere i loro diritti”.

    Il direttore di Free Tibet aggiunge: “La situazione a Ngaba è già tesa, a causa della risposta repressiva delle autorità cinesi alle precedenti auto immolazioni. Ci auguriamo che Pechino riconosca il fallimento di tali metodi, e risponda in modo appropriato e costruttivo. I colloqui devono riprendere, per trovare una soluzione concordata alla crisi tibetana”.

    Non c’è modo di sapere quanto le notizie di episodi simili circolino nelle diverse zone del Tibet, o se essi siano parte di una forma di protesta più ampia. Tuttavia, si è venuto a conoscere il caso di Tsewang Norbu, un giovane monaco che si è dato fuoco lo scorso agosto. Grazie al passaparola e alle foto inviate tramite telefoni cellulari, lo scorso 1mo ottobre – anniversario della fondazione della Repubblica popolare cinese – centinaia di persone hanno organizzato una protesta a Serthar (prefettura di Kandze, provincia del Sichuan), gridando “Vogliamo la libertà” e chiedendo il ritorno del Dalai Lama in Tibet. La protesta ha avuto inizio dopo che la polizia aveva tolto una bandiera tibetana e un’immagine del Dalai Lama da un edificio municipale.

    In quell’occasione, è stato distribuito un volantino che recitava: “I fratelli tibetani non si addormenteranno sotto l’oppressione dei cinesi… Lunga vita al Dalai Lama. Vittoria per il Tibet, vittoria per il Tibet”. (NC)

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    14/08/2012 CINA - TIBET
    Pestaggi e arresti mentre due tibetani si danno fuoco
    L'auto-immolazione di due giovani, Lungtok e Tashi, è avvenuta nella "strada dei martiri" a Ngaba, dove vi sono stati molti suicidi. I due giovani hanno frequentato la scuola di medicina del monastero di Kirti. I dimostranti tibetani picchiati dalla polizia con mazze di ferro e bastoni appuntiti.

    18/03/2013 TIBET – CINA
    Monaco di Kirti si autoimmola in ricordo dei tibetani uccisi nel marzo 2008
    Il religioso, 28 anni, si è dato fuoco ed è morto nella provincia del Sichuan, dove il 16 marzo 2008 l’esercito cinese ha represso nel sangue la protesta pacifica di monaci tibetani. Qualche giorno prima anche una donna tibetana si è autoimmolata alla vigilia della nomina di Xi Jinping a nuovo presidente cinese.

    05/03/2012 CINA - TIBET
    Madre tibetana si dà fuoco nel Sichuan; una ragazza si autoimmola nel Gansu
    La donne, una vedova con quattro figli, ha percorso 80 km per bruciarsi davanti al monastero di Kirti, da un anno sotto controllo. La ragazza, della scuola media, si è uccisa in un mercato delle verdure. Il suo corpo bruciato è stato preso a sassate dai cinesi.

    20/10/2011 CINA – TIBET
    Pechino accusa il Dalai Lama: Incita al suicidio
    Il governo comunista, ateo e contrario alla libertà religiosa, parla di violazioni alla “morale” e alla “coscienza” nei casi di auto-immolazione dei monaci buddisti in Tibet. Una fonte locale: “Il regime ha distrutto le basi della nostra religione, assolutamente pacifica, in Tibet. E questo è il risultato”.

    23/11/2011 TIBET - CINA
    Darsi fuoco per il Tibet: il grido di dolore e l’indifferenza del mondo
    I video dei monaci buddisti che si sono auto-immolati con il fuoco per protestare contro la dominazione cinese in Tibet riaprono il dibattito su questa forma di manifestazione. Il Dalai Lama esprime dubbi (anche se prega per le anime dei vivi e dei morti), mentre una fonte tibetana dice ad AsiaNews: “L’Occidente si parla addosso, giudica ma non ha idea di come si viva qui”. Un lama aggiunge: “I monaci morti hanno scelto una strada per affermare la loro fede. Sbagliata, ma imposta dal sistema”.



    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®