3 Agosto 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 27/06/2012
MONGOLIA
Mongolia al voto: in ballo economia e stato sociale
I maggiori sfidanti sono il Partito democratico, di centrodestra, e gli ex comunisti del Partito del popolo. In netto vantaggio il primo, che predica una politica fiscale leggera a sostegno delle imprese e del business privato. Il presidente, democratico, vuole anche il controllo del Parlamento. Le industrie minerarie attendono con il fiato sospeso.

Ulaan Baatar (AsiaNews) - La Mongolia si prepara alle elezioni generali di domani 28 giugno, quando il Partito del popolo (ex partito comunista) sfiderà il Partito democratico per mantenere la propria supremazia in Parlamento. In ballo non c'è soltanto il potere esecutivo ma anche una grossa fetta dello sviluppo economico del Paese: i "popolari" vogliono infatti ribaltare una legge imposta dal presidente Tsakhia Elbegdor (democratico) che impone il controllo dell'esecutivo su tutte le transazioni sopra i 75 milioni di dollari.

Al momento i "popolari" sembrano in netto svantaggio. Un sondaggio li posiziona 14 punti percentuali sotto gli sfidanti: il 42 per cento dei mongoli si è dichiarato democratico, mentre solo il 28 ha espresso simpatie per gli ex comunisti. Di fatto pesano i 70 anni di governo comunista del Paese, che lo ha mantenuto in uno stato economico primordiale: i democratici, di centrodestra, sostengono invece una bassa tassazione e pieno sostegno alle industrie e al business privato.

In questo senso le elezioni del 28 giugno sono fondamentali per i colossi del settore minerario: gli investimenti esteri nel settore, che rappresentano il 62 per cento del Pil nazionale, sono arrivati a 8 miliardi di dollari solo l'anno scorso

Il presidente Elbegdor, in un'intervista al Financial Times, ha dichiarato di essere pronto a ricevere suggerimenti per migliorare la legge sul controllo del denaro in entrata, ma ha aggiunto che "si deve evitare il rischio di corruzione vista l'elevata circolazione di denaro e i grossi interessi in gioco". Le imprese dell'estrazione temono peraltro un periodo di incertezza dopo le elezioni parlamentari perché già nel 2008 la tornata elettorale senza un chiaro vincitore aveva fatto esplodere proteste nella capitale.

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
15/12/2014 GIAPPONE
Tokyo, come previsto Shinzo Abe stravince le elezioni
06/12/2005 CINA
Sono 171 i morti a Dongfeng; Wen ammette "caos e pericolo" nelle miniere di carbone
19/11/2003 CINA
Hu Jintao invita a collaborare i partiti non comunisti
14/01/2006 Mongolia
Il parlamento della Mongolia leva la fiducia al governo
23/05/2005 MONGOLIA
Un socialista diventa presidente della Mongolia

In evidenza
CINA
Wenzhou, anche la Chiesa non ufficiale contro le demolizioni. La diocesi in digiuno
di Joseph YuanDopo la marcia del 90enne vescovo ufficiale mons. Vincent Zhu Weifang, il coadiutore mons. Peter Shao Zhumin e tutto il clero non ufficiale pubblicano una lettera aperta in cui chiedono di fermare la campagna di demolizione delle croci. Un appello ai cattolici “della Cina e del mondo intero” affinché si uniscano alla protesta, a sostegno della Chiesa cinese. Persino un vescovo illecito manifesta solidarietà con il clero del Zhejiang, contro gli atti del governo.
CINA
Wenzhou: Vescovo 90enne e 26 preti manifestano contro la demolizione delle croci
di Joseph YuanNon è la prima volta che l'anziano vescovo e i suoi sacerdoti si esprimono contro la campagna di demolizione di croci e chiese, che ha colpito oltre 400 edifici. La polizia ha cercato di disperderli e il gruppo ha presentato una petizione. La coroncina della Divina Misericordia a sostegno della Chiesa cinese. Entro il 31 agosto verranno abbattute le croci delle chiese nella zona di Lishui.
ISRAELE-IRAN
Dopo l’accordo sul nucleare, Israele dovrebbe diventare il miglior alleato dell’Iran
di Uri AvneryE’ la tesi del grande statista e pacifista Uri Avnery, leader del gruppo Gush Shalom, sostenitore della pace fra israeliani e palestinesi. Secondo Avnery, l’Iran desidera solo essere una potenza regionale e del mondo islamico, capace di commerciare con tutti, grazie alla sua raffinata e millenaria esperienza. Di fronte, rivolti al passato, vi sono le monarchie e gli emirati del Golfo. L’Iran può essere un ottimo alleato contro Daesh. Gli abbagli di Netanyahu e dei politici e media israeliani. (Traduzione dall’inglese di AsiaNews).

Dossier


Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate