Skin ADV
08 Febbraio 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est
  •    - Cina
  •    - Corea del Nord
  •    - Corea del Sud
  •    - Giappone
  •    - Hong Kong
  •    - Macao
  •    - Taiwan

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 27/06/2012, 00.00

    MONGOLIA

    Mongolia al voto: in ballo economia e stato sociale



    I maggiori sfidanti sono il Partito democratico, di centrodestra, e gli ex comunisti del Partito del popolo. In netto vantaggio il primo, che predica una politica fiscale leggera a sostegno delle imprese e del business privato. Il presidente, democratico, vuole anche il controllo del Parlamento. Le industrie minerarie attendono con il fiato sospeso.

    Ulaan Baatar (AsiaNews) - La Mongolia si prepara alle elezioni generali di domani 28 giugno, quando il Partito del popolo (ex partito comunista) sfiderà il Partito democratico per mantenere la propria supremazia in Parlamento. In ballo non c'è soltanto il potere esecutivo ma anche una grossa fetta dello sviluppo economico del Paese: i "popolari" vogliono infatti ribaltare una legge imposta dal presidente Tsakhia Elbegdor (democratico) che impone il controllo dell'esecutivo su tutte le transazioni sopra i 75 milioni di dollari.

    Al momento i "popolari" sembrano in netto svantaggio. Un sondaggio li posiziona 14 punti percentuali sotto gli sfidanti: il 42 per cento dei mongoli si è dichiarato democratico, mentre solo il 28 ha espresso simpatie per gli ex comunisti. Di fatto pesano i 70 anni di governo comunista del Paese, che lo ha mantenuto in uno stato economico primordiale: i democratici, di centrodestra, sostengono invece una bassa tassazione e pieno sostegno alle industrie e al business privato.

    In questo senso le elezioni del 28 giugno sono fondamentali per i colossi del settore minerario: gli investimenti esteri nel settore, che rappresentano il 62 per cento del Pil nazionale, sono arrivati a 8 miliardi di dollari solo l'anno scorso

    Il presidente Elbegdor, in un'intervista al Financial Times, ha dichiarato di essere pronto a ricevere suggerimenti per migliorare la legge sul controllo del denaro in entrata, ma ha aggiunto che "si deve evitare il rischio di corruzione vista l'elevata circolazione di denaro e i grossi interessi in gioco". Le imprese dell'estrazione temono peraltro un periodo di incertezza dopo le elezioni parlamentari perché già nel 2008 la tornata elettorale senza un chiaro vincitore aveva fatto esplodere proteste nella capitale.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    15/12/2014 GIAPPONE
    Tokyo, come previsto Shinzo Abe stravince le elezioni
    La coalizione guidata dal premier uscente si aggiudica 325 seggi sui 475 a disposizione, assicurandosi la maggioranza di due terzi necessaria per governare. Gli esperti insistono più sulla sconfitta dell'opposizione: sconfitto il presidente del Partito democratico, che non sarà in Parlamento. Ora il premier ha tre anni per mettere in pratica le "Abenomics", far ripartire il nucleare e dotare il Paese di un esercito vero e proprio.

    06/12/2005 CINA
    Sono 171 i morti a Dongfeng; Wen ammette "caos e pericolo" nelle miniere di carbone

    Sotto accusa la trascuratezza nell'adozione delle misure prescritte. Ma fonti ufficiali ammettono che molti incidenti sono causati per una produzione superiore alle possibilità. Arrestato il proprietario della miniera Sigou nell'Henan e altre 2 persone, mentre continua la ricerca dei 42 minatori intrappolati dall'acqua.



    19/11/2003 CINA
    Hu Jintao invita a collaborare i partiti non comunisti


    14/01/2006 Mongolia
    Il parlamento della Mongolia leva la fiducia al governo

    La crisi determinata dal Mprp, che ha la metà dei seggi e si appresta a formare il nuovo governo. Dimostrazioni popolari contro la crisi.



    23/05/2005 MONGOLIA
    Un socialista diventa presidente della Mongolia




    In evidenza

    CINA-VATICANO
    Intervista al Papa sulla Cina: entusiasmo e scetticismo fra i cattolici cinesi. Alcuni sacerdoti sotto il torchio della polizia

    Maria Chen

    Giornali e radio di Stato hanno dato notizia dell’intervista di papa Francesco ad Asia Times. Vi è chi sogna che il pontefice possa visitare la Cina al più presto. Sacerdoti sotterranei sotto interrogatorio. Apprezzamenti per “il ramo d’ulivo” teso dal pontefice e per aver sottolineato il valore della cultura cinese. Ma si è scettici verso la risposta della leadership di Pechino. Il dialogo fra Cina e Vaticano non porta a risultati perché vi sono interessi diversi: politici e religiosi. Non avere fretta di stabilire relazioni diplomatiche per non sacrificare la libertà della Chiesa e il sacrificio dei suoi martiri. La Chiesa cinese è in crescita.


    VATICANO-CINA
    Papa Francesco ridice il suo amore alla Cina e a Xi Jinping



    Il pontefice elogia la “saggezza” e la “grandezza” della Cina e fa gli auguri a Xi Jinping per il Nuovo Anno cinese della Scimmia. Non bisogna “temere” la Cina, ma entrare in dialogo con essa per mantenere la pace nel mondo. Avere “misericordia” per il recente passato del Paese e “andare avanti” per cambiare la realtà. Nell’intervista, per scelta del giornalista, non si parla dei dialoghi fra Vaticano e Cina o di temi religiosi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    Terra Santa Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®