22 Dicembre 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 21/06/2012
INDIA
Mons. Gracias: fermare i feticidi femminili, rifiutando ogni aborto
di Nirmala Carvalho
Il vescovo ausiliare di Mumbai commenta il caso del distretto di Beed (Maharashtra), dove la polizia ha trovato feti abortiti di bambine anche all’ottavo mese. Ma in tutto lo Stato, scoperti altri casi analoghi. La polizia indaga su centinaia di donne e cliniche sospette.

Mumbai (AsiaNews) - I feticidi femminili avvenuti nel distretto di Beed (Maharashtra) sono "l'ennesimo caso di atrocità e discriminazione commesse contro le bambine. Ma dobbiamo indignarci per tutti gli aborti. La vita umana di ciascuno è sacra, sin dal concepimento. Se giustifichiamo l'aborto in nome del 'diritto di scegliere', allora perché stupirci di feticidi e infanticidi femminili?". Mons. Agnelo Gracias, vescovo ausiliario dell'arcidiocesi di Mumbai, commenta il caso che da settimane sconvolge l'India. A giugno, la polizia del distretto ha scoperto i corpi di diversi feti femminili abortiti, tutti in stato avanzato di gravidanza (v. 06/06/2012, "India, aborti forzati al terzo, sesto e ottavo mese: erano tutte bambine").

Tuttavia, di recente anche altre zone del Maharashtra sono al centro delle cronache per le rivelazioni fatte da un team di medici legali. Secondo gli esperti infatti, negli ultimi otto mesi la polizia avrebbe ritrovato almeno cinque feti femminili, la cui cause di morte sarebbero riconducibili ad aborti forzati.

L'episodio più recente è del 19 giugno, a Ulhasnagar (distretto di Thane). Il corpo senza vita di una bambina di sei mesi è stato trovato nel secchio dei rifiuti dell'ospedale locale. Come in questo caso, anche per gli altri si tratta di feti abortiti ben oltre il limite previsto dalla legge. "Le autopsie - ha dichiarato l'anatomopatologo Ganesh Niturakar - mostrano che le interruzioni di gravidanza sono state effettuate per via chirurgica. Inoltre, tutti i corpi che noi abbiamo esaminato sono stati ritrovati nella stessa area". Dopo quest'ultimo caso, la polizia ha avviato una massiccia indagine, che investe centinaia di donne e cliniche in cui si sospetta avvengano test (illegali, ndr) per determinare il sesso. 

 


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
14/11/2012 INDIA
India, feticidi femminili: in carcere il medico della “clinica degli orrori”
di Nirmala Carvalho
10/10/2012 INDIA
India, per aborti selettivi e infanticidi “scomparse” 3 milioni di bambine
di Nirmala Carvalho
26/11/2014 INDIA
Corte suprema dell'India: incentivi speciali per chi mette al mondo una bambina
28/01/2013 INDIA
Karnataka, ritrovati 20 feti sotto un ponte: erano tutte bambine
di Nirmala Carvalho
19/06/2012 INDIA
Haryana, consiglio comunale di sole donne combatte aborti selettivi e feticidi femminili

In evidenza
IRAQ-VATICANO
Vescovo di Mosul: Gesù nasce fra i container dei rifugiati. Continua la campagna "Adotta un cristiano di Mosul"
di Amel NonaI profughi perseguitati dallo Stato islamico hanno perso tutto: beni, casa, lavoro, scuole, futuro. Ma rimane forte la fede e la missione. Raccolti e inviati quasi 900mila euro. Il messaggio di vicinanza di papa Francesco. La campagna continua secondo la proposta del patriarca di Baghdad: digiuno e sobrietà a Natale e Capodanno, offrendo il corrispettivo per i cristiani di Mosul.
IRAQ
Patriarca caldeo: Digiuno alla vigilia di Natale per il ritorno dei profughi a Mosul
di Joseph MahmoudMar Louis Sako domanda ai fedeli di non celebrare in modo "mondano", con sfarzo e abbondanza, Natale e Capodanno in segno di solidarietà con i fuggitivi della piana di Ninive, perseguitati dall'Esercito islamico. AsiaNews aderisce al digiuno proposto dal Patriarca e chiede a tutti i lettori di dare il corrispettivo del digiuno a sostegno della campagna "Adotta un cristiano di Mosul".
IRAQ - ITALIA
Lettera dell'arcivescovo di Mosul: Grazie per gli aiuti, che sostengono le sofferenze dei rifugiati
di Amel NonaLe offerte di tutti i donatori della campagna "Adotta un cristiano di Mosul" sono usate per acquistare cibo, vestiti pesanti, coperte per i profughi e affittare case o roulotte per affrontare l'inverno e il freddo che sono giunti molto presto. Due donne hanno difeso la loro fede cristiana davanti ai miliziani islamisti che volevano convertirle, minacciandole di uccidere. Rifugiato fra i rifugiati, mons. Nona scopre un modo nuovo di essere pastore.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate