22 Giugno 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 22/10/2009, 00.00

    VATICANO-WCC-INDIA

    Mons. Machado, la divisione tra i cristiani ostacolo alla evangelizzazione

    Nirmala Carvalho

    L’arcivescovo, membro per il Vaticano del Gruppo congiunto di lavoro (JWG) con il Consiglio mondiale delle Chiese, ricorda la nascita e le finalità del movimento ecumenico. Le questioni nazionali, come quella delle conversioni fonamentaliste si affrontano a livello di prinncipi generali.
    Mumbai (AsiaNews) – Le divisioni oggi esistenti tra i cristiani sono un ostacolo alla missione di evangelizzare, comune a tutti i credenti in Gesù. Lo afferma mons. Felix Machado, già sottosegretario del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso che, in questa intervista, riferisce sulle conclusioni raggiunte dal Gruppo congiunto di lavoro (JWG) nell’incontro tenutosi a Cordoba, in Spagna, dal 12 al 19 ottobre.
     
    Il Gruppo esamina e promuove la collaborazione tra la Chiesa cattolica e il Consiglio mondiale delle Chiese, che riunisce ortodossi e numerose comuità protestanti.
     
    “Il Consiglio – dice mons. Machado, che è uno dei  rappresentanti della Santa Sede – è un corpo nel quale sono membri ufficiali più di 300 Chiese ortodosse e protestanti. Fondato nel 1948 ha sede a Ginevra. La Chiesa cattolica non ne fa parte. In molti Paesi, e anche in India, ci sono Consigli nazionali delle Chiese, come il NCCI, National Council of Churches of India. La Chiesa cattolica non ne è membro. In tutti I casi, I rapporti sono molto amichevoli.
     
    Quali sono le sfide e le preoccupazioni del movimento ecumenico, con speciale riguardo all’India, dove così tanti gruppi protestanti sono accusati di “conversioni”?
     
    In realtà non si possono includere immediatamente nel mondo protestante tutti quei piccoli gruppi che si riuniscono sotto qualche appellativo cristiano. Sono un fenomeno da cosiderare separatamente. Il Consiglio mondiale delle Chiese è una entità veramente credibile e importante nel mondo.
     
    Il movimento ecumenico è nato fra i protestanti, per lo più a causa del lavoro missionario. Un Congresso missionario protestante si tenne a Edimburgo nel 1910 e a margine di tale incontro nacque l’idea dell’ecumenismo che è unità delle Chiese. E’ un avvenimento che rimane molto importante per la storia delle Chiese e nel 2010 sarà celebrato con molti incontri ed eventi.
     
    La Chiesa, che è il corpo di Cristo, non può rimanere divisa. E’ una contraddizione e va contro la volontà di Gesù stesso che, prima di essere crocefisso pregò ”che siano una cosa sola” e il Servo di Dio Giovanni Paolo II ha scritto l’enciclica “Un unum sint” che significa “Possano essere uno”.
     
    Il JWG dunque è un gruppo ufficiale dal Concilio Vaticano II e riunisce catttolici e altre Chiese. Lo compongono 15 cattolici e 15 delegati del Consiglio mondiale delle Chiese. E’ una istituzione permanente che si incontra ogni anno da quarant’anni. I delegati, come me, sono nominati per cinque anni. Iio sono uno dei rappresentanti del Vaicano e sono al secondo mandato.
     
    Noi discutiamo solo il pensiero delle nostre Chiese, non siamo quelli che possono cambiare l’insegnamento. Noi seguiamo l’insegnamento della Chiesa. E la Chiesa cattolica insegna molto in materia di unità dei cristiani.
    C’è anche un altro teologo indiano, il dottor George, inviato dal Consiglio delle Chiese. E’ della Chiesa ortodossa malankarese.
     
    Il Gruppo è una istituzione di alto livello che si incontra, discute questioni, studia a poi avanza proposte alle istituzioni collegate. Sono solo quelle ufficiali che possono accettare o respingere le proposte. Per noi cattolici, il Papa indica la via, ma è assistito d istituzioni come il JWC.
     
    Così, non discutiamo questioni nazionali. Queste sono lasciate alle sitituzioni collegate, come qui in India. Si discuutono questioni generali, specialmente riguardanti ciò che è ritenuto dalle rispettive Chiese e i principi sui quali è possibile, e come le cose possono muoversi. Le materie vengono poi applicate dalla gente a livello nazionale. Per esempio, io ho tirato in ballo la questione delle conversioni fonamentaliste e abbiamo realizzato dei principi generali alla luce dell’insegnamento della Chiesa, così possiamo realizzare per quale strada possiamo risolvere I nostriproblemi nazionali in India.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    17/03/2017 14:34:00 INDIA
    In Nagaland presto un’università cristiana per tutti gli studenti

    La North East Christian University è un’iniziativa delle Chiese battiste del nord-est dell’India. La maggior parte dei costi sarà sostenuta da benefattori americani. I primi corsi partiranno dal 2018. Il 90% degli abitanti dello Stato professa il cristianesimo.



    09/10/2013 COREA
    Partito da Berlino il "treno cristiano per la pace" in Corea
    Il convoglio è stato benedetto alla Porta di Brandeburgo da due pastori del Consiglio mondiale delle chiese e prevede tappe a Mosca, Irkutsk e Pechino. La speranza è quella di passare anche da Pyongyang. L'arrivo il 28 ottobre a Busan in Corea del Sud.

    04/02/2013 COREA
    Consiglio mondiale delle Chiese: I cristiani della Corea del Sud “agenti del Dio della pace”
    È l’auspicio del dottor Olav Fykse Tveit, capo dell'organismo ecumenico, che ha visitato il Paese per preparare l’incontro annuale del gruppo che si terrà a novembre. I fedeli “devono collaborare per far ridiventare la penisola un luogo di pace e giustizia”.

    10/11/2016 13:23:00 VATICANO
    Papa: l’unità è “esigenza” dei cristiani, viene da Dio e non è “uniformità”, né “assorbimento”

    Tutte le divergenze teologiche ed ecclesiologiche che ancora dividono i cristiani saranno superate soltanto camminando insieme, cioè quando “ci incontriamo come fratelli, preghiamo insieme, collaboriamo insieme nell’annuncio del Vangelo e nel servizio agli ultimi”.



    30/10/2013 VATICANO
    Papa: tutti i cristiani testimonino il valore della dignità di ogni persona
    In un messaggio all'assemblea del Consiglio ecumenico delle Chiese, Francesco sottolinea che la globalizzazione del mondo chiede ai credenti in Cristo di promuovere "le condizioni culturali, sociali e giuridiche che permettono agli individui e alle comunità di crescere nella libertà", tutelando la famiglia e garantendo ai giovani una "educazione integrale" e a tutti "l'esercizio senza ostacoli della libertà religiosa".



    In evidenza

    RUSSIA-VATICANO
    Studiosi vaticani e ortodossi russi dialogano sulla storia e sulla Ostpolitik

    Vladimir Rozanskij

    Il Convegno inizia domani e continua fino al 21 giugno. Il lavoro comune si era bloccato nel 2002 per le accuse di “proselitismo” alla Chiesa cattolica russa. Clima cambiato dopo l’incontro fra Francesco e Kirill all’Avana nel 2016. I russi preferiscono parlare di missione comune verso il mondo piuttosto che di unità della Chiesa indivisa nei primi 10 secoli.


    LAOS - VATICANO
    Il primo cardinale del Laos: ‘La forza delle piccole Chiese perseguitate’

    Weena Kowitwanij

    Il 21 maggio scorso papa Francesco aveva annunciato a sorpresa la nomina. La comunità cattolica in Laos è composta da circa 50mila fedeli. “È una Chiesa bambina, che vive il primo annuncio, rivolta soprattutto ai tribali e agli animisti”. “Alcuni dei problemi più gravi sono la carenza di sacerdoti e la qualità della formazione”. “Per molti essere cardinale è un onore, per me significa aiutare il papa a risolvere i problemi”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®