28 Luglio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/12/2006, 00.00

    TERRA SANTA

    Mons. Sabbah: la pace che il Natale annuncia è nel riavvicinamento tra i due popoli



    Nel suo messaggio, il Patriarca latino di Gerusalemme lamenta il proseguire di violenze, ingiustizia e occupazione. Betlemme “vive nelle stesse condizioni di morte, con il muro e i contrasti sulla terra e nei cuori”. Il futuro è nella convivenza tra israeliani e palestinesi, non nella separazione.
    Gerusalemme (AsiaNews) - La salvezza, che per tutto il mondo è nell’annuncio del Natale, per israeliani e palestinesi “è nel riavvicinamento tra i due popoli, non nella loro separazione”, perché “i due popoli sono capaci di vivere insieme in pace e tranquillità”. Anche quest’anno, però, la città dove Gesù nacque “vive nelle stesse condizioni di morte, con il muro e i contrasti sulla terra e nei cuori”. C’è l’augurio di “gioia, serenità e pace”, ma anche l’eco del dolore della Terra Santa, nel messaggio di Natale del patriarca latino di Gerusalemme, Michel Sabbah, che contiene anche una domanda di maggiore solidarietà. “Da un lato – scrive - continuano l’occupazione e la privazione della libertà e dall’altro la paura e l’insicurezza. Gaza resta una grande prigione, luogo di morte e di contrasti interni palestinesi. Anche i bambini vi vengono uccisi. E tutti, compresa la comunità internazionale, sono impotenti a trovare la vera strada della pace e della giustizia. La paura del futuro si estende in tutta la regione: l’Iraq, il Libano, la Siria, l’Egitto, la Giordania. Per tutti l’avvenire è in gioco. E il terrorismo mondiale trova grande nutrimento in tutte le piaghe aperte”.
    “Questa – scrive ancora mons. Sabbah – è la visione del Natale da Betlemme. Ciò malgrado – aggiunge – il messaggio di Natale è un messaggio di vita, di pace e di giustizia”.
    “A Betlemme e nella regione – prosegue il documento – la vita è divenuta molto difficile da sopportare, malgrado le numerose iniziative di solidarietà che vengono dall’estero e dall’interno. Sì, abbiamo bisogno di solidarietà e siamo riconoscenti per tutti i messaggi di fraternità che riceviamo dal mondo intero. Ma il nostro bisogno fondamentale è la pace, la giustizia, la libertà e la fine dell’occupazione. Di fronte a ciò, il mondo sembra impotente. Ciò malgrado, noi diciamo che ognuno ed ognuna, anche i militari e i responsabili politici, hanno un potenziale di amore, di salvezza e di vita. Ma per questo occorre la conversione, dalla morte alla vita, dalla visione dell’altro come nemico e uccisore a vederlo come fratello e donatore di vita”.
    Rifacendosi poi all’episodio evangelico dei soldati che chiedevano al Battista cosa fare, mons. Sabbah sostiene che “anche i nostri capi politici debbono chiedere al Battista ‘e noi cosa dobbiamo fare per ottenere la salvezza per noi e per tutti coloro che hanno messo il loro destino nelle nostre mani?’. Essi avranno la stessa risposta: ‘non opprimete nessuno, non estorcete niente e contentatevi delle vostre paghe’. Che essi ascoltino la voce degli oppressi in questa terra santa, la voce di coloro che sono passati e di coloro che restano, minacciati di morte e umiliazione, coloro ai quali essi pensano di dover imporre la morte e l’umiliazione per assicurare la sicurezza all’altra parte”.
    “Natale -  si legge ancora nel messaggio di mons. Sabbah – porta gioia all’umanità. Annuncia a tutti la salvezza e soprattutto a coloro che vivono a Betlemme e nella regione, palestinesi e israeliani. ’Andiamo a Betlemme a vedere ciò che è successo e ciò che accade ancora (Lc 2, 15)’. Cosa ci dice oggi il Muro, cosa ci dicono gli abitanti di Betlemme, oggi? Andiamo a Betlemme per ascoltare, anche noi, gli angeli annunciare la pace sulla terra, pace per ogni buona volontà, pace per ogni sincera fraternità che si oppone ad ogni odio ed a tutte le ostilità, per ritrovare, nel riavvicinamento tra i due popoli, la sicurezza e la fine dell’occupazione con la libertà. Per tutti, fratelli e sorelle – conclude mons. Sabbah - chiedo a Dio che possiate ascoltare e vivere il messaggio di Natale, messaggio di pace, di gioia e di vita nuova”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2005 TERRA SANTA
    Speranze di pace nel messaggio natalizio di mons. Sabbah

    Il patriarca latino di Gerusalemme ricorda a palestinesi ed israeliani che "Dio vi ha creati non per aver paura l'uno dell'altro o per ammazzarvi, ma per amarvi gli uni e gli altri". Dall'una e dall'altra parte si notano però "nuovi segni e nuove espressioni". "La nostra Terra Santa è assetata di ritrovare la sua pace e la sua santità".



    11/04/2006 terra santa
    Mons. Sabbah, israeliani e palestinesi smettete di odiare

    Il messaggio di Pasqua del patriarca latino di Gerusalemme chiede ai governanti dei due popoli di "trasformare in termini di vita e di pace i rapporti tra i due popoli in questa terra santa".



    18/05/2017 13:01:00 TERRA SANTA
    Ordinari cattolici di Terra santa: Israele e Palestina sono una ferita aperta e infetta. Rifiutare le ingiustizie come ‘normali’

    La Commissione Giustizia e pace dell’Assemblea degli ordinari cattolici di Terra Santa si scaglia contro la “normalizzazione” della situazione israelo-palestinese. Il conflitto influisce sulla vita di tutti i giorni in Palestina e Israele: i palestinesi subiscono discriminazioni e occupazione. Ignorare la situazione “anormale” significa collaborare alle ingiustizie e alla mancanza di pace. L’appello alla Chiesa universale: ha il dovere naturale di denunciare le ingiustizie.



    03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa


    08/02/2005 israele - palestina
    Gerusalemme, dove non c'è posto per gli arabi
    La politica urbanistica israeliana dimostra la volontà di escludere la presenza araba dalla Città santa.



    In evidenza

    CINA-VATICANO
    I 60 anni dell’Associazione patriottica cinese: la Chiesa sottomessa alla politica

    Shan Ren Shen Fu (山人神父)

    Sebbene in tono basso - forse per i dialoghi col Vaticano - è risuonato ancora lo slogan per una Chiesa “autonoma” e “indipendente” (dalla Santa Sede) e sottomessa in tutto alla politica del Partito. I vescovi ufficiali muoiono come “funzionari di Stato”, lontani dai fedeli. Alcuni sono richiesti di iscriversi al Partito che obbliga i suoi membri all’ateismo. Fra i vescovi ufficiali mancano “testimoni”, ma vi sono alcuni “opportunisti”. L'opinione di un sacerdote della Chiesa ufficiale.


    VATICANO
    Papa: appello per “moderazione e dialogo” a Gerusalemme



    All’Angelus Francesco, preoccupato per le violenze in atto nella Città santa, invita a pregare  preghiera “affinché il Signore ispiri a tutti propositi di riconciliazione e di pace”. Il male e il bene sono “intrecciati” in ognuno di noi e non spetta all’uomo distinguere né giudicare.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®