21 Novembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 21/12/2006, 00.00

    TERRA SANTA

    Mons. Sabbah: la pace che il Natale annuncia è nel riavvicinamento tra i due popoli



    Nel suo messaggio, il Patriarca latino di Gerusalemme lamenta il proseguire di violenze, ingiustizia e occupazione. Betlemme “vive nelle stesse condizioni di morte, con il muro e i contrasti sulla terra e nei cuori”. Il futuro è nella convivenza tra israeliani e palestinesi, non nella separazione.
    Gerusalemme (AsiaNews) - La salvezza, che per tutto il mondo è nell’annuncio del Natale, per israeliani e palestinesi “è nel riavvicinamento tra i due popoli, non nella loro separazione”, perché “i due popoli sono capaci di vivere insieme in pace e tranquillità”. Anche quest’anno, però, la città dove Gesù nacque “vive nelle stesse condizioni di morte, con il muro e i contrasti sulla terra e nei cuori”. C’è l’augurio di “gioia, serenità e pace”, ma anche l’eco del dolore della Terra Santa, nel messaggio di Natale del patriarca latino di Gerusalemme, Michel Sabbah, che contiene anche una domanda di maggiore solidarietà. “Da un lato – scrive - continuano l’occupazione e la privazione della libertà e dall’altro la paura e l’insicurezza. Gaza resta una grande prigione, luogo di morte e di contrasti interni palestinesi. Anche i bambini vi vengono uccisi. E tutti, compresa la comunità internazionale, sono impotenti a trovare la vera strada della pace e della giustizia. La paura del futuro si estende in tutta la regione: l’Iraq, il Libano, la Siria, l’Egitto, la Giordania. Per tutti l’avvenire è in gioco. E il terrorismo mondiale trova grande nutrimento in tutte le piaghe aperte”.
    “Questa – scrive ancora mons. Sabbah – è la visione del Natale da Betlemme. Ciò malgrado – aggiunge – il messaggio di Natale è un messaggio di vita, di pace e di giustizia”.
    “A Betlemme e nella regione – prosegue il documento – la vita è divenuta molto difficile da sopportare, malgrado le numerose iniziative di solidarietà che vengono dall’estero e dall’interno. Sì, abbiamo bisogno di solidarietà e siamo riconoscenti per tutti i messaggi di fraternità che riceviamo dal mondo intero. Ma il nostro bisogno fondamentale è la pace, la giustizia, la libertà e la fine dell’occupazione. Di fronte a ciò, il mondo sembra impotente. Ciò malgrado, noi diciamo che ognuno ed ognuna, anche i militari e i responsabili politici, hanno un potenziale di amore, di salvezza e di vita. Ma per questo occorre la conversione, dalla morte alla vita, dalla visione dell’altro come nemico e uccisore a vederlo come fratello e donatore di vita”.
    Rifacendosi poi all’episodio evangelico dei soldati che chiedevano al Battista cosa fare, mons. Sabbah sostiene che “anche i nostri capi politici debbono chiedere al Battista ‘e noi cosa dobbiamo fare per ottenere la salvezza per noi e per tutti coloro che hanno messo il loro destino nelle nostre mani?’. Essi avranno la stessa risposta: ‘non opprimete nessuno, non estorcete niente e contentatevi delle vostre paghe’. Che essi ascoltino la voce degli oppressi in questa terra santa, la voce di coloro che sono passati e di coloro che restano, minacciati di morte e umiliazione, coloro ai quali essi pensano di dover imporre la morte e l’umiliazione per assicurare la sicurezza all’altra parte”.
    “Natale -  si legge ancora nel messaggio di mons. Sabbah – porta gioia all’umanità. Annuncia a tutti la salvezza e soprattutto a coloro che vivono a Betlemme e nella regione, palestinesi e israeliani. ’Andiamo a Betlemme a vedere ciò che è successo e ciò che accade ancora (Lc 2, 15)’. Cosa ci dice oggi il Muro, cosa ci dicono gli abitanti di Betlemme, oggi? Andiamo a Betlemme per ascoltare, anche noi, gli angeli annunciare la pace sulla terra, pace per ogni buona volontà, pace per ogni sincera fraternità che si oppone ad ogni odio ed a tutte le ostilità, per ritrovare, nel riavvicinamento tra i due popoli, la sicurezza e la fine dell’occupazione con la libertà. Per tutti, fratelli e sorelle – conclude mons. Sabbah - chiedo a Dio che possiate ascoltare e vivere il messaggio di Natale, messaggio di pace, di gioia e di vita nuova”.
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    21/12/2005 TERRA SANTA
    Speranze di pace nel messaggio natalizio di mons. Sabbah

    Il patriarca latino di Gerusalemme ricorda a palestinesi ed israeliani che "Dio vi ha creati non per aver paura l'uno dell'altro o per ammazzarvi, ma per amarvi gli uni e gli altri". Dall'una e dall'altra parte si notano però "nuovi segni e nuove espressioni". "La nostra Terra Santa è assetata di ritrovare la sua pace e la sua santità".



    11/04/2006 terra santa
    Mons. Sabbah, israeliani e palestinesi smettete di odiare

    Il messaggio di Pasqua del patriarca latino di Gerusalemme chiede ai governanti dei due popoli di "trasformare in termini di vita e di pace i rapporti tra i due popoli in questa terra santa".



    18/05/2017 13:01:00 TERRA SANTA
    Ordinari cattolici di Terra santa: Israele e Palestina sono una ferita aperta e infetta. Rifiutare le ingiustizie come ‘normali’

    La Commissione Giustizia e pace dell’Assemblea degli ordinari cattolici di Terra Santa si scaglia contro la “normalizzazione” della situazione israelo-palestinese. Il conflitto influisce sulla vita di tutti i giorni in Palestina e Israele: i palestinesi subiscono discriminazioni e occupazione. Ignorare la situazione “anormale” significa collaborare alle ingiustizie e alla mancanza di pace. L’appello alla Chiesa universale: ha il dovere naturale di denunciare le ingiustizie.



    03/04/2005 ISRAELE – PALESTINA – TERRA SANTA
    Mons. Sabbah: Papa sempre vicino alle sofferenze dei popoli di Terra Santa


    08/02/2005 israele - palestina
    Gerusalemme, dove non c'è posto per gli arabi
    La politica urbanistica israeliana dimostra la volontà di escludere la presenza araba dalla Città santa.



    In evidenza

    HONG KONG - CINA - VATICANO
    Messa per un sacerdote sotterraneo defunto. Il card. Zen chiede a Dio la grazia di salvare la Chiesa in Cina e la Santa Sede ‘dal precipizio’

    Li Yuan

    P. Wei Heping, 41 anni, è morto in circostanze misteriose, buttato in un fiume a Taiyuan (Shanxi). Per la polizia egli si è suicidato. Ai familiari non è stato permesso nemmeno di vedere il rapporto dell’autopsia. Per il card. Zen la Santa Sede (che “non è necessariamente il papa”) cerca un compromesso a tutti i costi col governo cinese, rischiando di “svendere la Chiesa fedele”. Giustizia e pace pubblica un libretto su p. Wei, per non dimenticare.


    VATICANO - ITALIA - USA
    Papa: non più la guerra, che ha per frutto la morte, 'la distruzione di noi stessi'



    Francesco nel giorno della Commemorazione dei defunti ha celebrato messa al Cimitero americano di Nettuno. “Quando tante volte nella storia gli uomini pensano di fare una guerra, sono convinti di portare un mondo nuovo, sono convinti di fare una ‘primavera’. E finisce in un inverno, brutto, crudele, con il regno del terrore e la morte”.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®