29/07/2011, 00.00
PAKISTAN

Mons. Saldanha: i partiti cristiani pakistani sono un “fallimento”, serve unità

Un professore cristiano ha fondato la All Pakistan Christian League (Apcl), per un Pakistan liberale e a garanzia delle minoranze. Critiche e scetticismo dell’arcivescovo emerito di Lahore: troppi partiti in passato, ma hanno avuto vita breve. Per il prelato manca la fiducia “nel sistema democratico” e la situazione resta “disperata”.
Lahore (AsiaNews) – “Auguro al partito Apcl tutto il bene possibile, ma non credo riuscirà a decollare e ad avere successo. Temo che si dimostrerà un fallimento totale, come tutti gli altri movimenti politici cristiani del passato”. È netto e amaro il giudizio rilasciato ad AsiaNews di mons. Lawrence John Saldanha, arcivescovo emerito di Lahore, riguardo la nascita del partito cristiano All Pakistan Christian League (Apcl). Il prelato aggiunge che “negli ultimi 60 anni sono sorti molti partiti politici a opera di leader cristiani volenterosi”, ma “la maggior parte di questi” ha avuto vita breve e non è servita a perorare la causa e difendere i diritti della minoranza religiosa.

La All Pakistan Christian League (Apcl) è un movimento politico di ispirazione cristiana che intende promuovere un Paese “forte e democratico”, difendere i diritti dei cristiani e garantire una loro rappresentatività a livello federale e nelle varie province. Sottolineando che si tratta del primo partito “totalmente cristiano” dal 1972, il presidente Salamat Akhtar – assieme al cofondatore Nawaz Salamat – evoca la visione di un Pakistan liberale sancita da Ali Jinnah e invita all’unità fra i cristiani, alla difesa delle donne e all’istruzione per i giovani.

L’arcivescovo emerito di Lahore ed ex-presidente della Conferenza episcopale pakistana ricorda come “negli ultimi 60 anni” siano sorti diversi movimenti politici cristiani, ma hanno avuto vita breve perché “il partito è ristretto ai membri di una famiglia o gruppo, ma non rappresenta l’intera comunità”. Interpellato da AsiaNews, mons. Saldanha accusa i cristiani di essere “tristemente noti per la loro mancanza di unità” e aggiunge: “preferiscono promuovere un proprio partito, piuttosto che unirsi a una realtà già esistente”.

La politica è legata al denaro e agli affari e molti partiti del passato, spiega il prelato, sono esistiti “solo sulla carta, senza riscontri fra le masse”, per iniziativa di “uomini facoltosi, che hanno il potere economico per promuovere le proprie attività” e interessi. Egli ricorda che l’introduzione nel 2002 da parte dell’ex presidente Musharraf del “sistema elettorale congiunto” – che permette ai non islamici di votare anche i candidati islamici delle rispettive circoscrizioni – ha lasciato “poco spazio” ai partiti cristiani per proporre “propri candidati” e per questo “hanno cessato quasi del tutto di esistere”.

Mons. Saldanha si dice “sorpreso” dalla nascita di Apcl e conosce bene il suo leader, il professor Salamat Akhtar, che “è abbastanza vecchio e non avrà l’energia e la forza sufficienti per guidare un partito”. Il problema, secondo il prelato, ruota attorno alla “mancanza di fiducia nel sistema democratico” e alla “scarsa speranza di un cambiamento nel futuro” per una situazione che al momento “è disperata” per la minoranza religiosa. “Temo – conclude l’arcivescovo emerito – che tutto questo si risolverà in un ennesimo fallimento”.(DS)
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Centinaia di musulmani assaltano le case di 100 cristiani nel Punjab
02/07/2009
Legge sulla blasfemia: vessazioni e violenze contro tutte le religioni
30/09/2004
Presidente pakistano: Vigilare contro l’uso iniquo della legge sulla blasfemia
22/09/2009
Faisalabad: cristiani e musulmani, uniti, invocano “diritti umani per tutti”
13/12/2011
Faisalabad: accusata di blasfemia, libera con l'aiuto di cristiani e musulmani
21/11/2011