23/07/2019, 13.52
CINA
Invia ad un amico

Morto Li Peng, il macellaio di Tiananmen

L’ex primo ministro, 90 anni, ha guidato il massacro del 4 giugno 1989. Ha sempre difeso il suo operato – costato la vita a migliaia di persone – definendolo “un passo necessario”.

Pechino (AsiaNews) – Li Peng, noto come “Il macellaio di piazza Tiananmen”, è morto ieri nella sua casa di Pechino a causa di una malattia non meglio specificata. Lo confermano oggi i media cinesi di Stato. Li, 90 anni, è stato ai vertici della Repubblica popolare cinese negli anni ’80 e ’90 del secolo scorso: fu lui a ordinare la legge marziale per fermare le proteste di piazza del 1989.

Il politico ha sempre difeso la sua scelta, costata la vita a migliaia di persone, definendola “un passo necessario” per mantenere la stabilità della Cina. Inoltre, ha sempre sostenuto che la decisione venisse direttamente da Deng Xiaoping.

Li, nato a Chengdu, era figlio di uno dei primi membri del Partito comunista cinese. Alla morte del padre, fucilato dai nazionalisti del Kuomintang, venne adottato da Zhou Enlai. Nel 1945, a 17 anni, entra nel Pcc e viene inviato a Mosca per completare gli studi di matrice tecnica.

Nel 1979 diventa viceministro dell'Industria Pesante; nel 1981 viene promosso ministro.

Nel 1982 entra nel Comitato Centrale del Pcc. Nel 1985 viene promosso all'Ufficio Politico e alla Segreteria. Pur non essendo un riformista, lavora a stretto contatto con l’allora leader supremo Deng Xiaoping, che nel 1987 lo nomina primo ministro. Terrà la carica per due mandati. Si era ritirato dalla vita politica nel 2002.

Invia ad un amico
Visualizza per la stampa
CLOSE X
Vedi anche
Il “macellaio di Tiananmen” pubblica i suoi diari, ma "dimentica" i moti dell’89
22/02/2007
Wei Jingsheng: Gli eroi di Tiananmen hanno risvegliato la Cina
28/05/2014
I blogger 'sequestrano' la festa della Repubblica e ricordano i morti di Tiananmen
01/10/2013
Pechino, bloccata la pubblicazione dei diari di Li Peng su Tiananmen
24/06/2010
La lobby degli intellettuali chiede più libertà. Gli sgambetti dei rivali di Xi Jinping
02/08/2016 16:35