07 Dicembre 2016
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  •    - Arabia Saudita
  •    - Bahrain
  •    - Emirati Arabi Uniti
  •    - Giordania
  •    - Iran
  •    - Iraq
  •    - Israele
  •    - Kuwait
  •    - Libano
  •    - Oman
  •    - Palestina
  •    - Qatar
  •    - Siria
  •    - Turchia
  •    - Yemen
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est

  • mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato


    » 19/01/2010, 00.00

    IRAQ

    Mosul: continua l’esecuzione mirata dei cristiani, nel silenzio di media e governo



    Ieri un commando ha ucciso un commerciante di 45 anni. È il secondo omicidio in meno di 24 ore. Testimoni riferiscono che le forze di sicurezza hanno assistito alla scena ma non sono intervenute. Fonte di AsiaNews: attribuiscono la colpa ad al Qaeda, ma i cristiani sono vittime “della lotta di potere” fra arabi e curdi.
    Mosul (AsiaNews) – Il secondo attacco mirato contro la comunità cristiana in meno di 24 ore, nell’indifferenza delle forze di sicurezza che non sono intervenute. Ieri a Mosul, nel nord dell’Iraq, un gruppo non identificato ha freddato a colpi di pistola Amjad Hamid Abdullahad, 45enne commerciante. Domenica 17 gennaio, in concomitanza con l’insediamento del nuovo arcivescovo locale, è stato ucciso un cristiano di 52 anni, sposato e padre di due figlie. Fonti di AsiaNews in città spiegano che “il governo attribuisce gli attacchi ai fondamentalisti di al Qaeda”; in realtà la comunità è vittima “della lotta fra i gruppi di potere” arabi e curdi.
     
    Ieri verso mezzogiorno un commando armato ha giustiziato Amjad Hamid Abdullahad, cattolico siro-ortodosso di 45 anni, sposato e proprietario di un piccolo negozio di alimentari nel quartiere di Alsiddiq, nella zona nord di Mosul. L’uomo è stato ucciso davanti alla sua abitazione, nel quartiere di Balladiyat, poco distante dal luogo di lavoro.
     
    Testimoni locali riferiscono che “l’omicidio è avvenuto davanti alle forze di sicurezza, che hanno osservato tutte le fasi dell’attacco, ma non sono intervenute”. Un cattolico di Mosul spiega che “la tattica è assassinare i cristiani, perché i media non ne parlano”. Una strategia che mira a spingere i fedeli verso la piana di Ninive, “nel silenzio e nell’indifferenza del governo e della comunità internazionale”.
     
    Una fonte di AsiaNews a Mosul aggiunge che “i cristiani vivono nel panico” e la gente ha iniziato “la fuga dalla città”. Egli spiega che “non si tratta di criminali normali”, ma dietro vi sono “precisi piani politici” che il governo non contrasta. Da Baghdad non giungono informazioni “su chi vi sia dietro gli attacchi contro chiese e cristiani”, ma la fonte è sicura che l’esecutivo centrale, il governatorato di Mosul e la leadership curda “sono a conoscenza” del piano contro la comunità cristiana.
     
    “È più facile attribuire le responsabilità ad al Qaeda – conclude la fonte – e alle frange fondamentaliste. In realtà i cristiani sono vittime di una lotta per il potere fra arabi e curdi”.(DS)
    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    18/01/2010 IRAQ
    Mosul, ucciso un commerciante cristiano mentre i fedeli festeggiano il nuovo arcivescovo
    Esecuzione a sangue freddo di un 52 enne siro-cattolico, sposato e padre di due figlie. Fonti locali denunciano: un nuovo attacco per spingere i cristiani verso la piana di Ninive. Ieri mons. Emil Shimoun Nona, nuovo arcivescovo di Mosul, ha fatto il suo ingresso nella diocesi.

    08/06/2010 IRAQ
    Kirkuk, ucciso un commerciante cristiano. Torna la paura fra i fedeli
    Hani Salim Wadi' era proprietario di un negozio di telefoni in centro città. La vittima aveva 34 anni, era sposato e padre di una bambina. Testimoni locali parlano di “omicidio mirato”, eseguito a colpi di arma da fuoco. La comunità teme una nuova spirale di violenza.

    05/10/2008 IRAQ
    Mosul, la strage senza fine dei cristiani iracheni
    Ieri altri due nuovi attacchi contro la comunità cristiana: uccisi il proprietario di un negozio di abbigliamento e un ragazzo di soli 15 anni. Una fonte di AsiaNews denuncia il clima di “panico” che si respira in città e “l’indifferenza dei media” che fanno passare “sotto silenzio” le stragi.

    01/03/2010 IRAQ
    Manifestazioni e digiuno dei cristiani irakeni contro le uccisioni e il “ghetto” di Ninive
    Raduni, preghiere e digiuni in tutto l’Iraq contro le “uccisioni mirate”. Arcivescovo di Mosul: chiediamo sicurezza e indagini sugli autori delle stragi. Arcivescovo di Kirkuk: la comunità musulmana deve reagire e fornire iniziative concrete. Ausiliare di Baghdad: rischiamo l’olocausto, questo è un momento fondamentale.

    05/10/2009 IRAQ
    Kirkuk, ucciso infermiere cristiano. Mons. Sako: situazione “preoccupante”
    Ieri la polizia ha scoperto il cadavere, che presentava “segni di tortura”. La sera del 3 ottobre tre persone hanno sparato contro Imad Elia Abdul Karim, poi lo hanno sequestrato. L’uomo, 55enne padre di due figli, è conosciuto all’interno dell’ambiente sanitario. Arcivescovo di Kirkuk: “cristiani bersaglio di sequestri e omicidi”.



    In evidenza

    IRAQ
    Parroco di Amadiya: profughi cristiani di Mosul, fra l’emergenza aiuti e l’attesa del rientro

    P. Samir Youssef

    In una lettera p. Samir Youssef racconta la situazione dei rifugiati, da oltre due anni lontani dalle loro case. Si segue con attenzione l’offensiva, anche se case e chiese “sono in gran parte” bruciate o distrutte. Con l’arrivo dell’inverno servono cherosene, vestiti, cibo e denaro per pagare il trasporto degli studenti. Un appello per continuare a sostenere la campagna di AsiaNews.


    IRAQ
    “Adotta un cristiano di Mosul”: il dono di Natale per attraversare l’inverno

    Bernardo Cervellera

    Le nuove ondate di profughi, con l’avanzata dell’esercito verso la Piana di Ninive e Mosul rischiano di far dimenticare i rifugiati che da due anni hanno trovato ospitalità nel Kurdistan. C’è bisogno di cherosene, vestiti per l’inverno, aiuti per i bambini, soldi per gli affitti. La campagna lanciata da AsiaNews due anni fa è più urgente che mai. Rinunciare a un dono superfluo per offrire loro un dono essenziale per vivere.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®