22 Maggio 2015 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile





Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 19/01/2010
IRAQ
Mosul: continua l’esecuzione mirata dei cristiani, nel silenzio di media e governo
Ieri un commando ha ucciso un commerciante di 45 anni. È il secondo omicidio in meno di 24 ore. Testimoni riferiscono che le forze di sicurezza hanno assistito alla scena ma non sono intervenute. Fonte di AsiaNews: attribuiscono la colpa ad al Qaeda, ma i cristiani sono vittime “della lotta di potere” fra arabi e curdi.

Mosul (AsiaNews) – Il secondo attacco mirato contro la comunità cristiana in meno di 24 ore, nell’indifferenza delle forze di sicurezza che non sono intervenute. Ieri a Mosul, nel nord dell’Iraq, un gruppo non identificato ha freddato a colpi di pistola Amjad Hamid Abdullahad, 45enne commerciante. Domenica 17 gennaio, in concomitanza con l’insediamento del nuovo arcivescovo locale, è stato ucciso un cristiano di 52 anni, sposato e padre di due figlie. Fonti di AsiaNews in città spiegano che “il governo attribuisce gli attacchi ai fondamentalisti di al Qaeda”; in realtà la comunità è vittima “della lotta fra i gruppi di potere” arabi e curdi.
 
Ieri verso mezzogiorno un commando armato ha giustiziato Amjad Hamid Abdullahad, cattolico siro-ortodosso di 45 anni, sposato e proprietario di un piccolo negozio di alimentari nel quartiere di Alsiddiq, nella zona nord di Mosul. L’uomo è stato ucciso davanti alla sua abitazione, nel quartiere di Balladiyat, poco distante dal luogo di lavoro.
 
Testimoni locali riferiscono che “l’omicidio è avvenuto davanti alle forze di sicurezza, che hanno osservato tutte le fasi dell’attacco, ma non sono intervenute”. Un cattolico di Mosul spiega che “la tattica è assassinare i cristiani, perché i media non ne parlano”. Una strategia che mira a spingere i fedeli verso la piana di Ninive, “nel silenzio e nell’indifferenza del governo e della comunità internazionale”.
 
Una fonte di AsiaNews a Mosul aggiunge che “i cristiani vivono nel panico” e la gente ha iniziato “la fuga dalla città”. Egli spiega che “non si tratta di criminali normali”, ma dietro vi sono “precisi piani politici” che il governo non contrasta. Da Baghdad non giungono informazioni “su chi vi sia dietro gli attacchi contro chiese e cristiani”, ma la fonte è sicura che l’esecutivo centrale, il governatorato di Mosul e la leadership curda “sono a conoscenza” del piano contro la comunità cristiana.
 
“È più facile attribuire le responsabilità ad al Qaeda – conclude la fonte – e alle frange fondamentaliste. In realtà i cristiani sono vittime di una lotta per il potere fra arabi e curdi”.(DS)

invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
18/01/2010 IRAQ
Mosul, ucciso un commerciante cristiano mentre i fedeli festeggiano il nuovo arcivescovo
08/06/2010 IRAQ
Kirkuk, ucciso un commerciante cristiano. Torna la paura fra i fedeli
05/10/2008 IRAQ
Mosul, la strage senza fine dei cristiani iracheni
01/03/2010 IRAQ
Manifestazioni e digiuno dei cristiani irakeni contro le uccisioni e il “ghetto” di Ninive
05/10/2009 IRAQ
Kirkuk, ucciso infermiere cristiano. Mons. Sako: situazione “preoccupante”

In evidenza
ASIA
La Veglia per i cristiani perseguitati, nostri maestri nella missione in occidente
di Bernardo CervelleraIl “muro dell’indifferenza e del cinismo”, il mutismo e l’inerzia tante volte denunciati da papa Francesco sono divenuti quasi una fortezza. Davanti alle persecuzioni vi è un strumentalizzazione “confessionale”, che tende a bollare l’islam e tutto l’islam, e una strumentalizzazione “ideologica”, che “dimentica” ciò che accade in Corea del nord o in Cina. E all’Europa sempre più post-cristiana sembra non interessare i cristiani.
RUSSIA - CINA
Patriarcato di Mosca: la Cina autorizza l’ordinazione di sacerdoti ortodossi cinesi sul suo territorio
di Marta AllevatoIl metropolita Hilarion, ‘ministro degli Esteri del Patriarcato’, lo ha riferito al termine della sua visita in Cina, dove ha incontrato i vertici dell’amministrazione statale per gli affari religiosi. Il primo sacerdote dovrebbe servire ad Harbin e in futuro potrebbero avvenire altre due ordinazioni. L’alleanza strategica tra Mosca e Pechino - sullo sfondo della nuova Guerra Fredda con l’Occidente - passa anche per la Chiesa ortodossa, di cui la Repubblica popolare riconosce il ruolo ‘politico’ in Russia.
VATICANO
Papa: Noi e le quattro nuove sante, testimoni della resurrezione “dove più forte è l’oblio di Dio e lo smarrimento dell’uomo”Francesco proclama sante quattro suore, una francese, una italiana, due palestinesi: Maria Alfonsina Danil Ghattas, fondatrice delle Suore del Rosario, e la carmelitana Maria di Gesù Crocifisso (al secolo: Maria Bawardy). Presente Mahmoud Abbas, presidente dell’Autorità palestinese. “Rimanere in Cristo” e coltivare “l’unità fra di noi” sono segni essenziali della testimonianza. Maria Bawardy, “strumento di incontro e di comunione con il mondo musulmano”.

Dossier


by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate