23 Luglio 2014 AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook            

Aiuta AsiaNews | Chi siamo | P.I.M.E. | | Rss | Newsletter | Mobile




Dona
Il 5 x mille
ai missionari del PIME



mediazioni e arbitrati, risoluzione alternativa delle controversie e servizi di mediazione e arbitrato
invia ad un amico visualizza per la stampa


» 05/07/2008
ARABIA SAUDITA
Mufti saudita: terroristi e fiancheggiatori commettono un “peccato grave”
Le massime autorità musulmane invitano a “rispettare i dettami dell’Islam” senza fomentare “odio e divisioni”. Condanna anche per quanti offrono protezione e copertura ai fondamentalisti. Da gennaio oltre 520 gli arresti, con l’accusa di progettare attacchi alle raffinerie del regno.

Riyadh (AsiaNews/Agenzie) – I leader religiosi del Paese dichiarano guerra ai fondamentalisti islamici e a quanti li proteggono. In un documento ufficiale pubblicato giovedì scorso, il Gran Muftì Sheikh Abdul-Aziz Al al Sheikh invita i sauditi e gli stranieri a “non offrire rifugio e protezione ai terroristi”, perchè commetterebbero “un peccato grave”.

La presa di posizione delle autorità religiose saudite fa seguito alla dichiarazione del governo, secondo la quale “dallo scorso gennaio sono stati arrestati 520 fondamentalisti, sospettati di progettare attacchi mirati contro le installazioni petrolifere del regno”. Da tempo è in atto una campagna mediatica che intende sconfessare i terroristi e l’ideologia fondamentalista.

“L’aggressione contro i musulmani e l’occupazione delle loro terre – sottolinea il Gran Muftì al Sheikh – non può giustificare attentati e violenze: obbedire ai dettami del Corano senza per questo fomentare odio e divisioni è un principio basilare dell’Islam, in accordo con i precetti sanciti dal profeta Maometto”.

I militanti di al Qaeda sono da tempo coinvolti in una campagna volta a destabilizzare l’Arabia Saudita, uno dei principali produttori di petrolio al mondo e alleato degli Stati Uniti; la reazione decisa delle autorità saudite tende a frenare l’ondata fondamentalista, conquistando in qualche modo il consenso del mondo occidentale. L’episodio più grave risale al febbraio 2006, con l’attentato – fallito – al più importante impianto mondiale per la raffinazione del petrolio ad Abqaiq. Il rischio corso ha spinto le autorità saudite a lanciare una massiccia campagna di prevenzione: centinaia gli arresti di persone sospette, ma alcuni analisti dubitano che si tratti sempre di terroristi legati ad al Qaeda.  


invia ad un amico visualizza per la stampa

Vedi anche
09/07/2009 ARABIA SAUDITA
Tribunale saudita condanna 330 terroristi affiliati ad al Qaeda
06/12/2004 arabia saudita
Gruppo armato attacca il consolato USA a Jeddah
12/11/2004 ARABIA SAUDITA - IRAQ
Gran Mufti: Giovani, non andate in Iraq per il jihad
05/07/2014 BAHRAIN - ARABIA SAUDITA
Manama: esplosione in villaggio sciita, muore agente. Per le autorità sunnite è “terrorismo”
14/04/2010 ARABIA SAUDITA
Consiglio supremo saudita: il terrorismo viola la legge islamica

In evidenza
VATICANO
Papa: sono con i cristiani perseguitati di Mosul e del Medio Oriente"Il Dio della pace susciti in tutti un autentico desiderio di dialogo e di riconciliazione. La violenza non si vince con la violenza. La violenza si vince con la pace!". All'Angelus Francesco ha commentato la parabola del buon grano e della zizzania. Dio è "paziente", sa che "la stessa zizzania, alla fine, può diventare buon grano". Ma "al tempo della mietitura, cioè del giudizio, i mietitori eseguiranno l'ordine del padrone separando la zizzania per bruciarla".
CINA - VATICANO
Pechino, i seminaristi disertano la consegna dei diplomi: Non celebriamo messa con i vescovi illecitiIl rettore del seminario è il vescovo illecito Giuseppe Ma Yinglin: gli studenti rifiutano di concelebrare con lui e respingono anche mons. Fang Xingyao, che ha partecipato a diverse ordinazioni episcopali illecite. La direzione chiude l'anno senza dare diplomi e rimanda tutti a casa: voci dicono che a settembre alcuni corsi "non ripartiranno". Il precedente del 2000, quando 130 giovani preferirono la fedeltà al Papa piuttosto che il compromesso con il governo.
HONG KONG-VATICANO-CINA
Card. Zen: Libertà religiosa e libertà civili sono unite, per la Cina e per Hong Kong
di Bernardo CervelleraConversazione a tutto campo con il vescovo emerito di Hong Kong: il coraggio di mons. Ma Daqin, che ha inviato un messaggio a papa Francesco; i cattolici sotterranei pronti anche a farsi arrestare; i sospetti sulla sincerità di Pechino nel possibile dialogo con la Santa Sede. E sul fronte di Hong Kong, la marcia per il referendum sulla democrazia; il sostegno a "Occupy Central"; la paura del governo e gli arresti. Per il card. Zen libertà religiosa e libertà civili vanno insieme.

Dossier

by Giulio Aleni / (a cura di) Gianni Criveller
pp. 176
by Lazzarotto Angelo S.
pp. 528
by Bernardo Cervellera
pp. 240
Copyright © 2003 AsiaNews C.F. 00889190153 Tutti i diritti riservati: è permesso l'uso personale dei contenuti di questo sito web solo a fini non commerciali. L'utilizzo per riprodurre, pubblicare, vendere e distribuire può avvenire solo previo accordo con l'editore. Le foto presenti su AsiaNews.it sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate