24 Maggio 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 15/05/2017, 12.25

    SRI LANKA

    Mullikulam, sfollati tamil cattolici: 'traditi e ingannati' da tutti (Foto)

    Melani Manel Perera

    La vicenda delle famiglie tamil risale al 1990, quando la Marina ha espropriato i terreni. Nel 2012 un accordo temporaneo, poi il trasferimento forzato nella giungla. Due settimane fa il via libera: “Potete ricostruire il villaggio”. Ad oggi, ancora nessun progresso.

    Mannar (AsiaNews) – “Aiutateci a riavere le nostre terre”. È il grido di dolore di alcune famiglie di cattolici tamil, da quasi 30 anni sfollate dalle proprie abitazioni a Mullikulam, un villaggio nella diocesi di Mannar (Sri Lanka settentrionale). Essi si sentono “traditi e ingannati” da tutti: Stato, autorità della Marina (che ha espropriato i loro terreni) e persino dalla Chiesa locale, secondo loro “colpevole” di non aver fatto abbastanza per restituire ai profughi una vita dignitosa. Ad AsiaNews dicono: “Siamo ancora sfollati. È mai giustizia questa?”.

    Lo scorso 29 aprile una delegazione di profughi ha incontrato il comandante della Marina, alcuni politici tamil, funzionari statali, sacerdoti diocesani e p. Victor Sosai, vicario generale della diocesi di Mannar. Gli sfollati lamentano che “tutta la discussione è avvenuta in inglese, perciò non abbiamo capito nulla di ciò che si sono detti. Anche i sacerdoti non hanno saputo tradurre la discussione”.

    Al termine dell’incontro, p. Sosai e il deputato tamil Addikkalanadan hanno raggiunto gli sfollati e hanno comunicato loro che avrebbero potuto finalmente ricostruire il villaggio dopo tre giorni. Nel frattempo sarebbero stati sistemati nei locali della chiesa Regina del Cielo. Presi dall’euforia della notizia, i tamil hanno anche festeggiato con una messa di ringraziamento. Ma da quel momento sono passate due settimane e non c'è stato alcun progresso.

    La vicenda dei cattolici tamil ha origine nel 1990, quando per la prima volta la popolazione è stata costretta ad abbandonare il villaggio durante la guerra civile. I loro antenati si erano stabiliti nella zona fin dal 1800, vivendo di agricoltura e pesca artigianali. Nel 2002, con la firma di un accordo di pace, grazie alla mediazione della Norvegia, le persone sono tornate nei loro villaggi. Ma nel 2007, al riprendere del conflitto, la gente si è trovata di nuovo senza nulla, sfollata nella giungla e in continuo pericolo di vita a causa di elefanti e serpenti.

    In teoria, queste persone sarebbero tra i primi gruppi di profughi del conflitto civile [terminato nel 2009, ndr] a godere dei programmi di reinsediamento promossi dal governo. Ma in pratica da quasi tre decenni non hanno né casa né un lavoro con cui poter sopravvivere.

    Nel 2012, grazie all’intervento del card. Malcolm Ranjith, arcivescovo di Colombo, che premeva per il raggiungimento di un accordo con Gotabhaya Rakapaksa, allora segretario alla Difesa, sono stati fatti alcuni passi in avanti. Poi però la risposta delle autorità è stata netta: “Non potete tornare nelle vostre case”.

    Ora i tamil cattolici hanno deciso di non voler più sopportare questa situazione e non desisteranno dalla protesta fin quando “non avremo indietro il nostro villaggio”. Essi denunciano inoltre la circolazione di false notizie, secondo cui dopo l’incontro del 29 aprile la Marina avrebbe riconsegnato delle terre. “È tutto falso”, commentano con amarezza.

    Foto di Melani Manel Perera

    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka
    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka


    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka
    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka


    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka
    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka


    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka
    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka


    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka
    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka


    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka
    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka


    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka
    Profughi tamil ingannati in Sri Lanka


    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    13/07/2012 SRI LANKA
    Alto commissario britannico: Aiuteremo i profughi di Mullikulam
    John Rankin ha incontrato oltre 200 tamil cattolici, costretti a vivere in una giungla senza nulla. Per colpa della guerra civile, 20 anni fa sono stati cacciati dal loro villaggio. L’Alto commissario promette di discutere il caso con il governo dello Sri Lanka.

    29/12/2015 SRI LANKA
    Natale nella giungla per i cattolici tamil, fra zanzare ed elefanti (Foto)
    Gli abitanti del villaggio di Mullikulam vivono da 25 anni come sfollati nella giungla di Marichchikattu. Non ci sono case, servizi igienici, acqua corrente, elettricità. Anche partecipare alla messa di mezzanotte di Natale è “pericoloso, per la presenza di elefanti sulla strada”. L’esercito organizza il trasporto da e per il campo profughi, ma “i soldati semplici non possono fare niente per porre fine all’occupazione militare: la decisione deve venire dall’alto”.

    22/06/2012 SRI LANKA
    Profughi da 20 anni, famiglie tamil cattoliche costrette a vivere nella giungla
    Con la guerra civile, la comunità di Mullikulam (Mannar, Northern Province) ha perso tutto: case, proprietà, terreni. Non possono tornare nel villaggio d’origine perché la Marina vuole costruirci una base navale. Ora il governo li ha sistemati in una foresta: dormono per terra, circondati da elefanti e serpenti. Dovrebbero costruirsi nuove case, ma non hanno attrezzi. Sacerdote cattolico: “Assistiamo a una discriminazione intollerabile e senza senso”.

    23/08/2016 11:50:00 SRI LANKA
    Jaffna, l’esercito non riconsegna le terre a 9mila sfollati della guerra civile

    I profughi  vivono in 43 campi profughi, in condizioni precarie. I vertici militari giustificano la decisione per motivi di sicurezza nazionale. Gli sfollati denunciano che l’esercito costruisce templi buddisti sui loro terreni, mentre la maggior parte di essi è di religione indù e cattolica. I numeri  ufficiali del governo non coincidono con quelli degli attivisti.



    14/10/2015 SRI LANKA
    Profughi tamil pronti ad azioni massicce, se “Colombo non ci restituisce le nostre terre”
    Circa 30mila sfollati vivono nei campi profughi nel nord del Paese. Il presidente Sirisena ha promesso più volte di risolvere la questione degli insediamenti. Leader tamil: “Siamo forse cittadini di serie B? Perché dobbiamo stare a guardare l’esercito che occupa le nostre proprietà?”.



    In evidenza

    VATICANO
    Papa: Il 24 maggio, uniti ai fedeli in Cina nella festa della Madonna di Sheshan



    Al Regina Caeli papa Francesco ricorda la Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina, instaurata da Benedetto XVI. I fedeli cinesi devono dare il “personale contributo per la comunione tra i credenti e per l’armonia dell’intera società”. Il Simposio di AsiaNews sulla Chiesa in Cina.  Un appello di pace per la Repubblica Centrafricana. “Volersi bene sull’esempio del Signore”. “A volte i contrasti, l’orgoglio, le invidie, le divisioni lasciano il segno anche sul volto bello della Chiesa”. Fra i nuovi cinque cardinali, anche un vescovo del Laos.


    VATICANO-CINA
    24 maggio 2017: ‘Cina, la Croce è rossa’, il Simposio di AsiaNews

    Bernardo Cervellera

    Il raduno in occasione della Giornata Mondiale di preghiera per la Chiesa in Cina. Un titolo con molti significati: la Croce è rossa per il sangue dei martiri; per il tentativo di soffocare la fede nei controlli statali; per il contributo di speranza che il cristianesimo dà a una popolazione stanca di materialismo e consumismo e alla ricerca di nuovi criteri morali. A tema anche la grande e inaspettata rinascita religiosa nel Paese. Fra gli invitati: il card. Pietro Parolin, mons. Savio Hon, il sociologo delle religioni Richard Madsen, testimonianze di sacerdoti e laici cinesi.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®