11 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 29/04/2004, 00.00

    SPAGNA - islam

    Musulmani divisi sulla richiesta di poter pregare nella cattedrale



    Cordoba (AsiaNews/IslamOnline) – "Non abbiamo bisogno della mediazione del Vaticano per pregare nella cattedrale di Cordoba poiché è un sito storico", ha detto a IslamOnline Munir Al-Musiri del Centro culturale islamico di Madrid (ICCM). "Non ha senso, io stesso ho pregato lì molte volte". Alcuni musulmani negano di aver bisogno di ottenere il permesso da Roma per pregare nella cattedrale cattolica di Cordoba, la città che è stata il cuore della Spagna dei Mori nell'ottavo secolo, la chiesa che una volta era stata una delle più sacre moschee dell'islam.

    Il 19 aprile, il Consiglio islamico di Spagna ha richiesto formalmente al Vaticano di permettere ai musulmani di pregare nella ex moschea. "La richiesta è stata ben accolta", ha affermato Mansur Excudero, segretario del consiglio.

    Zakarias Maza, direttore della moschea di Taqwa alla periferia di Granada, ha detto: "Noi speriamo che il Vaticano dia un segno di apertura e dialogo… Per secoli, Cordoba è stata il simbolo dell'unione di 3 culture. Perfino ora, ebrei e musulmani vivono con i cristiani nelle vicinanze della moschea".  

    Anche le autorità locali appoggiano l'istanza. Antonio Hurtado, portavoce della sezione locale del partito socialista, ha detto a El Mundo: "Speriamo che Cordoba diventi un luogo d'incontro delle religioni".

    Yet Musiri ha detto di non sapere se esista in Spagna un gruppo nazionale islamico oltre l'ICCM. Egli ritiene che la richiesta sia stata portata avanti da singole persone che "non possono parlare per tutta la comunità musulmana della Spagna". Temendo che questo tipo di iniziativa individuale possa diffondere una certa "islamofobia" in questo momento così delicato, Musiri ha preannunciato: "Questa situazione sarà perfetta nelle mani di alcune persone e dei media occidentali, che potranno aggiungere fuoco al fuoco e dire che i musulmani vogliono riconquistare Al-Andalus (la Spagna)."

    Alcuni cattolici spagnoli si sono indignati della proposta dei musulmani che chiedono di condividere il loro luogo di culto. "I cristiani potranno pregare nelle moschee di Marocco, Arabia Saudita, Iran o Kuwait?", ha chiesto un cattolico su un sito religioso.

    Isabel Romero, membro del Consiglio islamico di Spagna, ha espresso il suo punto di vista sull'istanza. "In nessun modo questa richiesta è la rivendicazione di un nostro diritto e ancor meno una sorta di riconquista, ha detto a un giornale locale. "Al contrario, noi vogliamo dare il nostro sostegno al carattere universale dell'edificio".  

    La cattedrale si trova nel cuore di Cordoba, dichiarata dall'Unesco patrimonio dell'umanità.

    Il 3 marzo, tuttavia, subito dopo la fine della Messa domenicale, i partecipanti al terzo congresso internazionale delle donne musulmane hanno tentato di svolgere la preghiera comunitaria davanti al mihrab, sfidando il personale che ha cercato di impedire l'atto proibito, che comporterebbe la morte per i cristiani che volessero fare lo stesso nella moschea di un paese musulmano.  

    Recentemente, un importante musulmano spagnolo, Abderrahman Muhammad Manan, ha scritto che l'antica moschea dovrebbe essere liberata e che "noi musulmani non possiamo stare fermi, dicendo che l'islam non sono le pietre o i monumenti. Questo significherebbe non considerare le cose nella loro essenza e questa essenza è che Alhama è l'islam nella nostra terra, come lo è Al-Andalus, l'Andalusia; è il ricordo di una colonizzazione, di un genocidio, di un'espulsione". Alhama e l'Andalusia sono le zone spagnole con maggiore tradizione storica islamica.  

    Mons. Juan Jose Asenjo, vescovo di Cordoba, non ha risposto ufficialmente alla richiesta, ma ha affermato che la diocesi "deve essere molto prudente" nel rispondere alla petizione del Consiglio islamico.

     

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    29/04/2004 Spagna – Islam
    Musulmani chiedono di usare la cattedrale di Cordoba per la preghiera


    29/04/2004 SPAGNA - Islam
    La moschea-cattedrale di Cordoba (Scheda)


    18/08/2017 09:20:00 SPAGNA - ISLAM
    Terrorismo islamico in Spagna: Morte 13 persone a Barcellona, sventato attacco a Cambrils

    L’Isis ha rivendicato l'attacco di Barcellona. L’autore materiale dell’attacco terroristico è in fuga. La polizia catalana ha arrestato due persone. Un van Fiat bianco ha fatto irruzione nel passaggio pedonale al centro della Rambla, investendo le persone. I morti accertati sono 13, centinaia i feriti. A Cambrils (Tarragona), cinque terroristi freddati dalla polizia.



    06/12/2006 VATICANO
    Papa: “In moschea ho pregato l’unico Dio dell’intera umanità”
    Nel corso dell’udienza generale di oggi, Benedetto XVI ha ricordato la preghiera di Istanbul, non prevista ma molto significativa, e si è augurato che la Turchia laica garantisca piena libertà religiosa e divenga ponte di amicizia fra Oriente ed Occidente. Da Istanbul, Bartolomeo I si dice certo che il viaggio apostolico darà i suoi frutti al dialogo fra i cristiani.

    29/04/2004 VATICANO - islam
    No del Vaticano alle chiese usate come moschee

    Intervista a mons. M.L. Fitzgerald, presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso





    In evidenza

    RUSSIA-UCRAINA
    La riconciliazione possibile fra Mosca e Kiev

    Vladimir Rozanskij

    Il Sinodo straordinario per i 100 anni della restaurazione del Patriarcato di Mosca, ha rivolto un appello per il ritorno alla comunione con il Patriarcato di Kiev. La risposta di Filaret , molto positiva,  chiede perdono e offre perdono. Da anni vi sono prevaricazioni, espressioni di odio, sequestri di chiese. L’invasione della Crimea ha acuito la divisione. Il governo ucraino rema contro.


    VATICANO-MYANMAR-BANGLADESH
    Non solo Rohingya: il messaggio di papa Francesco a Myanmar e Bangladesh

    Bernardo Cervellera

    L’informazione troppo concentrata sul “dire/non dire” la parola Rohingya. Il papa evita il tribunale mediatico o la condanna, ma traccia piste costruttive di speranza. Una cittadinanza a parte intera per le decine di etnie e uno sviluppo basato sulla dignità umana. L’unità fra i giovani e le diverse etnie, ammirata da buddisti e musulmani.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®