15 Dicembre 2017
AsiaNews.it Twitter AsiaNews.it Facebook
Aree geografiche




  • > Africa
  • > Asia Centrale
  • > Asia del Nord
  • > Asia del Sud
  • > Asia Nord-Ovest
  • > Asia Sud-Est
  •    - Brunei
  •    - Cambogia
  •    - Filippine
  •    - Indonesia
  •    - Laos
  •    - Malaysia
  •    - Myanmar
  •    - Singapore
  •    - Tailandia
  •    - Timor Est
  •    - Vietnam
  • > Europa
  • > Medio Oriente
  • > Nord America
  • > Sud America
  • > Asia dell'Est


  • » 23/10/2007, 00.00

    INDONESIA

    Musulmani offrono “un aiuto concreto” per riconciliare Fatah e Hamas

    Mathias Hariyadi

    La Nahdlatul Ulama, maggiore organizzazione islamica del Paese, ha offerto al presidente Abbas aiuti concreti per la riunificazione delle formazioni politiche palestinesi, passo necessario per ottenere l’indipendenza.

    Jakarta (AsiaNews) – La piu’ grande associazione musulmana dell’Indonesia, la Nahdlatul Ulama (Nu), ha offerto “un aiuto concreto per riunire i differenti Partiti politici e gruppi sociali palestinesi”, in modo che possano ritrovare la loro unità. L’invito è stato fatto dal presidente della Nu, Kiai Haj Hasyim Muzadi, al presidente palestinese Abbas, in visita ufficiale a Jakarta.

    Muzadi, che ha guidato una delegazione interreligiosa all’incontro con il leader palestinese, ha detto: “Siamo disponibili e pronti ad offrire il nostro aiuto, per riunire Hamas e Fatah e favorire il ritorno dell’unità palestinese”. Se i palestinesi conquisteranno la loro indipendenza, ha aggiunto, “saranno onorati dalla società globale: ora sono invece compatrioti che si combattono fra di loro”.

    La stessa offerta è stata poi ripetuta anche dal presidente dell’Assemblea popolare indonesiana, Hidayat Nur Wahid, e dallo speaker del Parlamento, Agung Laksono. Anche il presidente indonesiano Susilo ha sottolineato il suo “pieno appoggio” al progetto di uno Stato palestinese. Da parte sua, il presidente Abbas ha ringraziato i politici indonesiani ed ha accettato l’offerta: i dettagli tecnici, ha aggiunto, saranno “discussi al più presto” fra i diplomatici palestinesi a Jakarta ed i dirigenti del Nu.

     

    invia ad un amico Visualizza per la stampa










    Vedi anche

    06/12/2004 INDONESIA
    Rischia la frattura il partito islamico di Wahid

    La più grande organizzazione islamica divisa fra "idealisti" e "opportunisti".



    17/03/2017 08:56:00 INDONESIA
    Muore Hasyim Muzadi, difensore del pluralismo: il cordoglio dei cattolici indonesiani

    La Chiesa lo ricorda per il suo impegno nel difendere e proteggere il principio di unità della nazione nella diversità. Il religioso musulmano ha promosso il dialogo e la tolleranza tra le diverse confessioni in un’Indonesia segnata dall’odio dei musulmani radicali.



    13/11/2006 PALESTINA
    Verso una soluzione la crisi politica palestinese

    Mohammed Shbeir, ex rettore dell'Università islamica di Gaza, sarà il nuovo primo ministro di un governo di unità nazionale.



    26/01/2006 Palestina
    Palestina: risultati incerti, Hamas e Fatah festeggiano la vittoria

    Israele e Stati Uniti: "No ad un governo con la presenza di Hamas". Abu Mazen: "Se cercate un partner palestinese, questo esiste. Però non potete sceglierlo voi".



    24/04/2006 INDONESIA - UE
    L'UE, migliori rapporti con l'islam con la cooperazione della maggiore organizzazione indonesiana

    In un incontro con Muzadi, presidente del Nahdlatul Ulama, Solana dichiara la volontà di lavorare per la cooperazione fra Islam e occidente. Il diplomatico Ue  visita anche Banda Aceh.





    In evidenza

    MEDIO ORIENTE - USA
    Gerusalemme capitale, cristiani in Medio oriente contro Trump: distrugge le speranze di pace



    Il patriarcato caldeo critica una scelta che “complica” la situazione e alimenta “conflitti e guerre”. Il card. Raï parla di “decisione distruttiva” che viola le risoluzioni internazionali. Il papa copto Tawadros II cancella l’incontro col vice-presidente Usa Pence. Continua la protesta “rassegnata” dei palestinesi. Attivisti israeliani: gli Usa hanno abdicato al ruolo di mediatori nella regione. 

     


    CINA
    Le false promesse di Xi Jinping e la cacciata della ‘popolazione più bassa’ da Pechino

    Willy Wo-Lap Lam

    Decine di migliaia di migranti e le loro famiglie sono stati espulsi e mandati via dalla capitale. Eppure al recente Congresso del Partito, il presidente Xi ha promesso sostegno e aiuti contro la povertà. Nessuna ricompensa e nessun aiuto legale o caritativo per gli sfollati. Esiste nel Paese un “darwinismo sociale”, che condanna all’emarginazione le classi rurali e fa godere di privilegi e aiuti le classi cittadine. Per gentile concessione della Jamestown Foundation.


    AsiaNews E' ANCHE UN MENSILE!

    L’abbonamento al mensile di AsiaNews non costa nulla: viene dato gratis a chiunque ne faccia richiesta.
     

    ABBONATEVI

    News feed

    Canale RSScanale RSS 

    Add to Google









     

    IRAN 2016 Banner

    2003 © All rights reserved - AsiaNews C.F. e P.Iva: 00889190153 - GLACOM®